giuliano

giuliano
IL TOMO

domenica 14 gennaio 2018

AVE A TE GIULIO CESARE (ovvero pensieri del regal giorno) (75)














Precedenti capitoli:

Ave a Te Giulio Cesare (che i savi poco t'intendono....) (74)

Prosegue in:

Il Caos Primordiale: ovvero Triperuno (76)







                              FORSE IL MATTO TE LO SEI SOGNATO


                                    Ovvero Pensieri del Regale Giorno






L'altra sera dopo cena, havendo tocco alquanto il boccale mi levai da tavola assai più cotto, che crudo, per cortesia di messer Bacco, il quale col suo buon liquore m'aveva un poco intorbidato la memoria, e cosi havendo piena la zucca d'altro, che di lessiva fui assalito da un sonno tanto grave, che non m'haveriano svegliato le bombarde, onde non havendo tempo di gire a letto m'addormentai suso una panca nell'anticamera del mio studio, e così dormendo fisso mi pareua essere diventato un'oca; e che gli ebrei mi volevano fagatare, dove per fuggire da loro io svolatai tanto, che al fine io gli lasciai la testa in mano, e scampai via, ed arrivai in un bellissimo prato, e subito doventai un pastore, e volendo baciare una ninfa, ecco, che viene un lupo a bocca aperta, e mi mangia, poi mi va a evacuare sopra un'alto monte, dove che venendo giù sdrucciolone parve ch'io doventassi una botte di tribbiano, ed eccoti giongere una compagnia di tedeschi, e mi bevettero tutto, poi mi parve, ch'essi m'andassero a orinare in un pozzone cosi tosto fui nel fondo, che doventai una rana, e venendo una serva a prendere dell'acqua mi tirò fuora con il secchio, onde tosto saltai nell'herba, e doventai un babbuino, e subito parve ch'io fussj preso da un cerretano, il quale mi menò a tombolar per piazze, e mentre ch'io salto in suso pare ch'io doventi un boccale, ed un'hoste mi piglia, e m'empie d'aceto, in quella viene la moglie per accociar l'insalata, e mi pone suso una credenza, eccoti un gatto salta su la credenza, e mi getta in cinquanta pezzi, allora io comincio a piangere quanto posso, onde corse l'hoste, e la moglie, e tutti e forestieri, e mi fanno cucire insieme, e pare ch'io doventi un paio di stivali di vacchetta, ed un corriero mi si pone in gamba e corre cinquanta poste senza fermarsi mai, di maniera che mi caderono tutte due le suole, e quando fui stacconato gli saltai fuora delle gambe, e tosto doventai una mula d'un medico, e mentre che esso andava in visita io lo sentiva disputar, e cosi cominciai a imparare di grammatica, ed a fare le concordanze per tutti i casi, i numeri, e le figure, di modo che io sbattevo tutto l'altro bestiame, e paretemi ch'io entrassi nello studio del patrone, e gli mangiai tutti i libri sì di Medicina, e di Filosofia, come di Matematica, e di Poesia e me n'havevo fatto tal corpacciata, ch'io parevo proprio pregno, onde il patrone accortosi di questo, prese un legno, e mi rassettò il pelo, di maniera, che mi fece risentire, tal che svegliatomi con quella impression nel capo, mi trovai pieno di poetico furore, perché dormendo io havevo digerito l'altre scienze tutte, e perché in sogno mi son fatto Poeta, mi è parso di fare il presente capitolo sopra i sogni, che si fanno dormendo, mostrando quante chimere passano per il nostro cervello, concludendo in ultimo l'opinione ch'io tengo sopra di ciò, e questo servirà per Proemio dell'Opera, leggete, e state....






























Non so dir che proceda ch'ogni notte
Mi faccio tanti sogni stravaganti
Tosto che s'apron le Cimmerie grotte.

Ché da poi, ch'io son nato tanti, e tanti
Me ne son fatto ch'a narrar gli tutti
Quattro e sei mesi non sarian bastati.

Hor de giocondi hor degli orrendi, e brutti,
Hor cose liete, hor tanto dolorose,
Che m'han dormendo dato affanni, e lutti.

Hora in un prato pien di gigli, e rose
Mi son trovato, hora smarrito e perso
Per folti boschi, e selve spaventose.

Hora son corso a dritto, hor a traverso
Di qualche spatiosa, e gran campagna,
E girato in un soffio l'universo.

Son stato in sogno, in Francia, et in Hispagna,
In Africa, al Cathaio, et in Egitto,
E superato ogn'aspra, e gran montagna.

Hor m'è stato nel petto un coltell fitto,
Hor m'ho sognato che troncar la testa
Mi volean, né so dir per qual delitto.

Hora mi è parso di essere a una festa
Poi trovarmi in prigion stretto, e legato
Fra gente afflitta lacrimosa, e mesta.

Mi son sognato d'esser strangolato,
E ch'io volea gridar, e non potea,
Ché mancar mi sentìa, la voce e 'l fiato.

Stato son nell' Arabia, e 'n la Caldea,
Ed ho parlato col gran Tamerlano
Qual poi pareva un arbor da galea.

Mi son sognato d'essere in Milano,
E non haver né calze, né berretta,
E gir gridando “Agocchie da Lanzano”.

Molte volte ho sonato la trombetta,
Il trombon, e la piva, e nel soffiare
Son doventato gufo, o una civetta.

Ben mille volte m'è parso nel mare
Cader e gir al fondo e poi trovarmi
In mezzo d'una sala a passeggiare.

E spesso con pugnali, e con altr' armi
Haver ferito alcuno, e non potere
Fuggir, né trovar loco da salvarmi.

Mi son sognato di mangiare, e bere,
E nel più bello sparir via la tola,
E ritrovarmi ne l'herba a sedere.

Sognato mi son anco ire a la scuola,
E 'l libro diventar un pappagallo,
E ‘l mio maestro un scano o una banzuola.

Più volte ancora d'esser a cavallo,
E ch'ei mi porti in aria ove trapasso
Le nubi, e leggermente a terra callo.

Parmi tal hora di cadere a basso.
Et andar giù per qualche precipitio
Né potermi aiutar, né muover passo.

Hor mi ritrovo a qualche sposalizio
Hor vedo fabricar un' alta torre
Hor mi ruina adosso un'edifitio.

Hor dentro un fiume, che veloce corre,
Parmi cader, et andar giù a seconda,
E non saper dov'io mi vada a porre.

Tal'hor mi sogno correr sopra l'onda
Hor a correr col vento faccio a gara,
Hor che la terra a fatto mi profonda.

Conto tal volta i scudi a centenara,
Poi quando vo’ riporgli, spaion via,
e mi lasciano lì con doglia amara.

Tal'hor mi son trovato s'una via
Soletto, né saper dov'io mi vada,
e non veder né tetto né hosteria.

Mi son sognato di giocar di spada,
E quella diventar una chitarra,
né d’accordar saper trovar la strada.

Tal volta di formenta mille carra
Vist'ho condor, e poi nel scaricarlo
Tutti erano puntai da scimitarra.

Ho veduto un bel sogno ch'a mirarlo
M'ha dato gran piacere, e gran dolcezza,
Ma poi non ho saputo raccontarlo.

Tal'hor par c'habbi havuto una gravezza
Agli occhi, e ch'io non possi alcuna cosa
Vedere, onde n'ho avuto assai tristezza.

Mi son sognato di menar la sposa
A casa, e per la strada essermi tolta,
Poi ritrovarla in un armario ascosa.

Mi son sognato di girarmi in volta,
E far partite rare, et eccellenti,
Poi fuggir via perché cadea la volta.

O quante volte di cavarmi i denti
Mi son sognato, e d'esser stroppiato,
E domandar limosina a le genti.

Son stato cento volte spiritato,
E n'ho avuto dolor sì grave al core,
Ch’ero in sudor quando mi son svegliato.

Mi son sognato assai di far l'amore,
E la mia dama mi parea una gatta,
Qual poi mi graffignava per favore.

Tal'hor qualche figura contraffatta
M'è venuta dinanzi, e poi spariva,
Over che come nebbia s'è disfatta.

Son stato in gran pericol de la vita,
Et una notte fui sepolto vivo,
Ov' eran di serpenti una infinita.

Son stato in casa ascosto e fuggitivo
Per esser contumace de la corte,
E poi al fin di lei restai captivo.

Son uscito tal'hor fuor de le porte,
E mi son fitto in antri et in spelonche,
E parlato più volte con la morte.

Ho havuto il naso mozzo, e le man monche,
I piedi storti e camminar carpone,
Che mi pareva haver le gambe tronche.

Hora cavalco in groppa d'un montone,
Hora sopra un delfin salir mi pare,
Hor sopra un'elefante, hor d'un leone.

Quasi ogni notte sogno di volare
Sopra d'un fiume, o giù di qualche tetto
E n'ho un piacer nel petto singolare.

Mi son sognato di fare un sonetto,
E non saperlo poi legger nel fine,
Mi son trovato fra certe ruine
Di monti alpestri, e sassi, e gran dirupi
In man di genti perfide, e assassine.

Mi son sognato di veder i lupi
Venir verso di me tutti affamati
E trangugiarmi ne' lor ventri cupi.

Certi cagnacci grandi, e smisurati
M'hanno assalito per donarmi guai
Con lor morsi crudeli, e arrabbiati.

Cinque, o sei notti son ch'io mi sognai,
Ch'un tirar mi volea d'una pistolla,
E che volando in aria mi salvai.

Mi son sognato haver havuto un' olla
In capo, e non poter cavarlo fuori,
E poi m'è parso un caldaron, che bolla.

Ho praticato con diversi humori
In sogno, i quai m 'han posto in grande intrico
Con lor cervelli, e giovenil furori.

Di ragionar con un mio caro amico
Mi son sognato, e quel mutar sembiante,
E diventar un pero, un sorbo, un fico.

Hor mi son visto rappresentare innante
Qualche leggiadra, e vaga damigella
Tutta bella, e gentil tutta galante.

E mentre ho steso il braccio verso quella,
E’ diventata qualche bestia horrenda,
Che gran paura m'ha fatto a vedella.

Tal'hor andando a far qualche facenda
Corro veloce, e mi riscaldo, e sudo,
E parlo meco, e par ch'io non m'intenda.

Mi sognai una notte d'esser nudo,
E ch'io mostrava tutte le vergogne,
Né pur un straccio havea da farmi scudo.

Mi son sognato fin che le cicogne
M’ hanno portato in qualche scura grotta,
E seppellito là fra le carogne.

In superbi palazzi son tal hotta
Stato, e per ricche loggie, et ampie sale,
Poi ritrovato in qualche casa rotta.

Tal'hora par ch'io voglia senza scale
Salir sopra d'un tetto, e mentre saglio
Si lascia il muro, e par trattarmi male.

Ho sentito di quei ch'in gran travaglio
Dicono d'esser stati, nel sognarsi
Mentre la mente se ne va a guinzaglio:

Come cader in acqua, et annegarsi,
Ovver da un lato o l'altro esser passati,
O di saltar nel foco, ed abbruciarsi.

Molti si sognan di essere impiccati,
Ed n'han dentro di lor tanta agonia,
Che sudan anco se ben son svegliati.

Mi son sognato d'esser in Turchia,
E haver nuotato dentro del Mar rosso,
Qual poi parea un fiascon di malvasia.

Tal hor mi sento si gran peso addosso
Ch' al trar il fiato duro gran fatica,
E vorrei risvegliarmi, ma non posso.

Hora sono in carroccia, hora in lettica,
Hor pesco, hor vado a caccia, hor a la guerra,
Hor son ne l'herba fresca, hor ne l'ortica.

Tal' hor mi sogno entrare in una terra
Qual mi par Roma, e poi mi par Messina,
Hor Napoli, hor Milan, Lucca, o Volterra.

Hora mi sogno d’essere in cucina,
Poi mi ritrovo in cima d'un granaio,
O veramente in fondo a una cantina.

Hora d'entrar m'è parso in un pollaio,
E non potendo ritrovar l'uscita
Mi son trovato in cima d’un pagliaio.

Tal hor cercando di scampar la vita
Mi son cacciato in certe stanze oscure
Poi la casa, e ogni cosa, è via sparita.

Stato son in bellissime verdure
In ameni giardini, e ho mangiato.
Frutti soavi e uve dolci, e mature.

In un buco tal hora sono entrato,
Né innanzi ho mai potuto gir né indietro
Ben ch'uscir mille volte habbi provato.

Ho tal'hora sonato un dolce pletro,
E fatto un suon armonico, e soave,
Poi mi pareva un boccalon di vetro.

Tal'hor mi sogno in certe scure cave
Esser tirato per gli piedi, dove
Il cor ben spesso ne sgomenta, e pave.

Tal'hor addosso già dal ciel mi piove legni,
Foco, acqua, zolfo, marmi, e sassi,
E ‘l piede indarno per fuggir si muove.

Tal'hor per certi lochi par ch'io passi
Ove son quarti d'huomini attaccati
Né gli posso schivar ben ch'io m'abbassi.

Tal'hora ho havuto un monte di ducati,
E delle doble in magna quantitate,
Quai poi tutti carbon son diventati.

Ho havuto in sogno mille coltellate,
Mille picche, e sponton fitti nel petto,
E fin a le budella fuor cavate.

Mi son sognato esser infermo in letto,
E che signato m'han con la candela,
E fin disteso sopra il cataletto.

Andai per l'aria l'altra notte a vela,
E sopra un alto monte restai preso,
E fui cacciato in un borsel di tela.

Tal'hor son stato levato di peso,
E portato 'in un pozzo e 'l pozzo farsi
Una lanterna, ed io un moccolo acceso.

Mi son dormendo molte volte apparsi
Fantasmi, streghe, mostri, e spirti rei,
E sendomi svegliato son disparsi.

Mi sognai una notte che gli hebrei
Mi volean circoncider, e parea
Che muover non potessi man né piei.

E ch'io mi dibattevo, e ch'io piangea,
E ch'al fin venir vidi un'huomo armato,
Che da que' badanai mi difendea.

Parvemi l'altra notte esser chiamato
Fuor di casa, e a l'aprir ch'io fei la porta
Fui da un todesco subito ammazzato.

Mi raccordo esser stato in una sporta.
Poi esser doventato un barbagianni,
E pianger una scimmia ch'era morta.

In una sala sopra mille scanni
Saltat'ho in sogno, e mi parea vedere,
Ch'io ero in scena, e ch'io facevo il Zanni.

Ben mille volte fra l'armate schiere
Son stato, e mi parea che 'l capitano,
Per terra camminasse col sedere.

Ho cavato tesoro, oh caso strano,
E quando poi è stato la mattina,
Mi son trovato senza nulla in mano.

Mi son sognato prender medicina,
E farmi metter cure, e servitiali,
E siringarmi per cagion d'orina.

Ho rotto in sogno bicchieri e boccali,
Son stato pazzo, e fatto questione,
Con mille altre sorte d'animali.

Ho cercato d’intorno ogni cantone,
E scorse tutte le città del mondo
Portando un trave in spalla per bordone.

Tal’hor caduto son d’un fiume in fondo,
Poscia mi son trovato in una botte
E giù d'un monte sdrucciolare a tondo.

Mi sognai una volta ch'io havea rotte
A un bu' le corna e ch'esso le rimesse,
E ne' fianchi mi diede amare botte.

Pareami ancor che l'altra notte havesse
Più di cinquanta braccia longo il naso,
E ch’ognun mel tirasse, e mel torcesse.

Hora son stato vestito di raso,
Hor di velluto, hor di broccato d'oro,
Poi la mattina frusto son rimaso.

Son stato imperator, e con decoro
A varie forti genti ho comandato,
E havutone tributo, e some d'oro.

Son stato a nozze, e mentre havrò mangiato
Qualche boccon, che mi piacesse al gusto,
Il banchetto e la casa è profondato.

Hora ho perso le maniche, hora il busto
Hor son andato scalzo sopra il ghiaccio,
Hor mi son preso al torto, et hora al giusto.

Così dormendo tai sogni mi faccio,
Che se fussero qui tutti raccolti,
Sarian più che le prose del Boccaccio.

Ma udito ho raccontar che vi son molti,
Che l’armi in man dormendo prenderanno,
Mentre nel maggior sonno son soffolti.

Altri che giù dal letto salteranno,
E si porranno in sogno i panni indosso,
E per le strade addormentati andranno.

Molti gridano in sogno a più non posso,
Molti ridono, e molti fan spaventi,
Come s'havesser mille spirti adosso.

Assai vi son che s' odon far lamenti,
E voci meste, et altri braveggiare,
Altri a tirar grosse correggie intenti.

Molti son che si sognan d'orinare,
Et orinan nel letto da dovero,
E molti ancor vi soglion peggio fare.

Altri poi c'hanno un sonno si leggiero,
Che senton fin a i topi, che d'intorno
Vanno, altri dormiriano un anno intiero.

Molti vi son che havendo fatto il giorno
Pensier d'andar in qualche lor viaggio
Vi vanno in sogno, e a casa fan ritorno.

Molti che soglion fare onta, et oltraggio
A quei, che dormon seco, e matte pugna
Date sul viso, e assai n'han fatto il saggio.

Molti ch'adoperar i denti, e l'ugna
Sogliono, et altri giù del letto in fretta
Saltar, facendo in sogno qualche pugna.

Altri trar tremolazzi, altri a staffetta
Vanno, e altri rocheggian tanto forte,
Che paiono sonare una cornetta.

Molti ch'in sogno si son dati morte
Cadendo giù per qualche scala, o tratti
Giù d'un balcon con miserabil sorte.

Di molti ho udito che si son fatti
Certi sogni si horrendi, e paurosi,
Che la mattina son testati matti.

Altri poi di sì belli, e graziosi,
Che 'l giorno n'hanno havuto gran diletto,
Come tirar danari, o d'esser sposi.

In somma per concludere il soggetto,
Non posso immaginar, dove deriva,
Che l'huom dormendo facci tal' effetto.

So che molti vi son ch'a questa piva
Han messo man, e adutto la ragione,
Ma par che variamente ognun ne scriva.

Chi al cibo dà, chi a la complessione,
La colpa, chi al pensier che s'ha vicino,
Ma io per dirvi la mia opinione
Credo che sia da ber senz'acqua il vino.

IL FINE















Nessun commento:

Posta un commento