giuliano

giuliano
IL TOMO

mercoledì 20 maggio 2020

UN MONDO CONTRAFFATTO PER PERSONE CONTRAFFATTE (19)





















Precedenti capitoli:

Lo spirito di conquista (16/18)


Prosegue con una...:












'Visione' sul futuro (20)














Nelle argomentazioni o nei libri non cerchiamo la verità ma un chiarimento di ciò che già crediamo.

La verità è uno stato d’animo, non un pensiero, un sillogismo, un’opinione.

Si può incarnare la verità, ma non conoscerla affatto.

Il nostro Tempo colmo di gente che pensa conoscerla… pur non avendo la benché minima idea da cosa composta!



  
All’estetismo di matrice Romantica, distrazioni ed interessi della generazione che lo aveva preceduto, il giovane Poeta ha aggiunto la magia.

Ora le ossessioni sono tre: il Soprannaturale, evitare la corrotta politica del ‘picciolino paesino’ donde più elevata Anima prigioniera, politica rappresentata tanto dai tutori della presunta legge quanto chi ne incarna i falsi ideali politici; ed i miti e le leggende popolari.

E una la missione: restaurare l’energia degli eroi ancestrali e degli dèi perduti nell’Anima prostrata del paese. Archetipo del nazionalista ctonio, lo animava un forte senso di calamità tribale, sciamanico, vicino alla visione del sioux Alce Nero.




Una primitiva, selvatica stagione d’intima intesa con i boschi e le colline, i fiumi e le scogliere, i piovaschi e i crepuscoli d’Irlanda, quella della costiera atlantica; una vita di famiglia al limitare della povertà, eccentrica, piena di superstizioni, anacronismi, ignoranza, passionalità e alcol, e una tragedia sottaciuta come la follia materna…

Nato alla fine della guerra di secessione americana, morto alla vigilia della seconda guerra mondiale, avrà vissuto metà vita nell’Ottocento e metà nel Novecento.

Poeta di retroguardia prima dei vent’anni, poeta del suo tempo a tempo pieno per i successivi cinquantacinque, potrà un giorno sostenere:

Siamo stati gli ultimi romantici…




Dalla Russia alla Germania, dalla Francia all’Inghilterra il simbolismo non voleva essere soltanto una corrente letteraria, la poetica dei simbolisti ambiva a trasformarsi in corso d’iniziazione alla misteriosofia, tentativo di trascorrere dal mondo fenomenico a quello del noumeno, a realibus ad realiora, metodo per creare una lega di arte e vita, una sorta di pietra filosofale dell’arte. Per W. B. il transito dalla ricerca poetica a una in senso stretto magica è  indolore.

Per il lettore, a partire dai contemporanei, paladini o detrattori, è stata e resta la pietra d’inciampo.




Già sul piano del gusto, di certi effetti o esiti, per intendere un gran numero di opere letterarie di fine secolo va computato il ruolo delle scienze occulte. Grazie alla voga, lo spiritismo era parso preannunciare grandi cambiamenti. Il movimento occultista pubblicava più di cinquanta tra riviste e giornali, aveva i suoi fotografi; a un pittore di talento come James Tissot gli spiriti, obbligati, usavano la cortesia di posare.

Gli spiriti animali altro non sono per W. B. che la condensazione del veicolo dell’Anima Mundi e danno consistenza alle sue immagini. Non dovrebbe essere un’impresa ritrarle con l’apparecchio fotografico.

L’hanno fatto.




A metà Ottocento si era diffusa la credenza che la fotografia potesse cogliere la forma spettrale di un parente morto della persona che posava. Dopo qualche scandalo e un misfatto a termini di legge, la cosa finì lì.

Lì dove?

Che fine hanno fatto gli ectoplasmi?

E perché fotografarli?

Figli ribelli, marchiati da un secolo positivista, esigono prove ‘scientifiche’.

Where is everybody?

…verrebbe da ripetere con Enrico Fermi.




Samuel Butler aveva detto che, accostato da uno Spirito, non si sarebbe limitato ad acciuffarlo ma, nell’interesse della scienza, gli avrebbe sparato.

Quando Yeats era calato in una Parigi ai suoi occhi leggendaria come il Connaught per copiare manoscritti occulti in biblioteca, Mallarmé aveva appena scritto:

Tutta la nostra epoca è pervasa dal tremolio del velo del Tempio

 Squarciato il velo del Tempio ora è corso da un brivido; questione di sensibilità, che è l’atmosfera stessa della mente. Ci s’imbatteva ovunque in giovani letterati che parlavano di magia. Lo svedese dall’aria severa seduto accanto a lui è Strindberg, avrebbe scoperto anche lui, solo qualche anno dopo, la fortunosa ricerca della pietra filosofale nei riverberi dei metalli presenti nel sottosuolo parigino.




W. B. dovrà ogni volta rinnovare la fiducia, fare opera inesausta di autoconvincimento, che alla fine diventa convinzione. L’aspetto drammatico della procedura è che gli permette di vincere una battaglia, mai la guerra; le poesie migliori, quelle che rifrangono e risolvono, dissolvono in un lampo, in una vampa, le contraddizioni in atto.

Privato della religione semplice dell’infanzia, s’era dovuto fare una nuova religione, ‘una Chiesa quasi infallibile’ ricavata dalla grande tradizione poetica e pittorica e trasmessa da una generazione all’altra con l’apporto di filosofi e teologi.

La più improbabile e impropria delle religioni, a meno di non volerla confondere con quella primitiva forma di fede che è la superstizione.




Ma in vero che cos’è la superstizione?

Il nome che un’intelligenza sterile dà agli assiomi più importanti: Dio, la vita nell’aldilà, la giustizia immanente, annotava il vecchio Strindberg in En blå bok.

Yeats aveva sempre ritenuto la professione di uomo di lettere un terzo ordine sacerdotale e progettato un Ordine mistico che avrebbe dovuto comprare o almeno affittare un castello, il Castello degli Eroi, dove ritirarsi e statuire misteri come quelli di Eleusi e Samotracia.

Per un decennio s’ingegnerà a trovare una filosofia e creare un rituale all’altezza del sogno. Un sogno assopito in fondo all’animo, se lo riproporrà in occasione dell’ultimo incontro, avvenuto non molto tempo prima del decesso, con Maud Gonne, che lo aveva condiviso con lui alla nascita e che al rilancio restò senza parole…




…Nel lasso di tempo che intercorre tra Yeats e T.S. Eliot era invalsa l’opinione che tutto questo fosse irreversibilmente compromesso. Le istituzioni religiose e i rituali avevano cessato d’essere reali nell’antico senso e continuavano a esistere soltanto come modi civili di comportamento. Non può più esserci poesia d’un certo tipo se non c’è un mito universalmente accetto e condiviso a rendere oggettivo l’operato del poeta, dicevano i poeti, riecheggiando le difficoltà incontrate da molti di loro e non solo Poeti…

I dogmi della magia sono altrettante eresie di validità ridotta, frantumi d’intuizioni utilizzate ad hoc dal singolo officiante. Per Yeats la magia non era tanto un tipo di poesia, come per altri artisti tentati di ricorrervi, quanto la poesia una forma di magia. Si era buttato sullo spiritismo, un modo per rifiutare il materialismo scientifico in genere e nella versione paterna in particolare, per liquidare i tre secoli provinciali.




Parlerà del suo commercio con gli spiriti con una sicurezza, o sicumera, sconcertante, come un medico parlerebbe dell’uso audace per non dire arrischiato di una droga, come Burroughs. Ai contemporanei quell’interesse morboso per il soprannaturale era parso anacronistico e col passar del tempo futile, una forma di compiacimento o testardaggine, venata forse di follia, la riprova d’una fondamentale mancanza di serietà. Incontrovertibile è invece come ogni frangente della vita non facesse che alimentare e convogliare alla bisogna le forze spirituali così spesso invocate, o evocate.

Tra gli interessi arcani di W. B. c’era l’alchimia, operazione vera e naturale, che tuttavia si fa per artificio, tutte le cose sono artificiali: ‘la Natura è l’Arte di Dio’. Tra Cinquecento e Seicento era avvenuta la conversione dell’alchimia in sapienza estetica. Aurificazione dei metalli e purificazione salvifica, uniti già nel primo alchimista, Zosimo di Panopoli, sono espressione della natura esperienziale dell’arte regia; lo saranno della poesia per uno Yeats. Il verbo di chrysopoeia o fabbricazione dell’oro è lo stesso di poetare.




In un mondo contraffatto per persone contraffatte si dava un’altra forma di contraffazione, nota come Arte, che dovrebbe aiutare a rimanere sani di mente, altra follia, o almeno a distinguere una forma di contraffazione dall’altra. E Yeats potrà idolatrare in poesia la condizione esotica di manufatto d’oro, di tordo meccanico che canta per i potentati bizantini: visione keatsiana d’immortalizzazione non come persona bensì nella trasformazione in cosa, o racconto di fantascienza del V secolo.

Dio crea ciò che noi percepiamo, ribadiva Yeats sulla scia dell’immaterialista Berkeley. In A Vision sostituisce a Dio il Tredicesimo Cono: ‘un altro passo e si arriva a percepire, vedere, toccare un essere incorporeo’. Perché il nostro corpo, il nostro tempo, la nostra causalità dovrebbero serbare un qualsivoglia senso laddove il nostro corpo impossibilitato?




I Vision Papers mostrano che del materiale ‘ricevuto’ soltanto una piccola parte andò a formare la base del testo pubblicato; gran parte del resto promana dal lavorio mentale del poeta. L’occultismo studia fenomeni innegabili e inspiegati: il ruolo dell’inesistente esiste; la funzione dell’immaginario è reale. Le ricerche insensate possono portare a scoperte impreviste e Yeats, assurdo per quel che cerca, a volte è grande per quel che trova.

Un conto è capire Persefone o Demetra, un altro incontrare Artemide. Per chi fa quell’incontro certe cose sono reali. E l’eterno recitativo a due voci tra credenza e conoscenza somiglierà a una lite tra ubriachi: io credo solo a quello che conosco; la conoscenza è subordinata alla credenza; io posso aver visto Dio o uno spirito con l’occhio interiore e crederci; non occorre che l’abbia visto tu perché io ci creda.

Da solo nella sua stanza gli erano successe cose che lo avevano convinto dell’esistenza di intelligenze spirituali in grado di fornire moniti e consigli. Haec vera sunt quia signum habeo, avrebbe potuto dire col suo Swedenborg. Nel 1912, dopo aver conosciuto una medium, Elizabeth Radcliffe, sarebbe tra incertezze e dubbi giunto alla conclusione che l’Anima sopravvive al corpo e le teorie spiritiche spiegano i fenomeni soprannaturali: la grande controversia era chiusa.




Non sarà così.

Così non può mai essere.

Avvolto in esoterici panneggi, Yeats mirava soltanto alla poesia, e alla sua soltanto. Si può avere una sola coscienza, la sua è artistica. Esteta per formazione e per temperamento, tale rimarrà fino all’ultimo. Yeats spalanca una finestra, abbaglia per luminosità; subito dopo tira la cortina. L’artificio dell’eternità dura quanto la lettura di un verso, l’accensione di un fiammifero, il passaggio di una stella filante.

Può bastare.

Però non basta mai.

La sensazione che l’eternità è l’istante, in ogni istante, è uno strazio infinito.

Ma che cosa vuol dire?




Che così è la vita, finché vita c’è. E lui ripiega sulle pratiche occulte. Gli altri sulle critiche (ed in questi tempi le critiche sono evolute in antiche pur moderne artificiali pratiche persecutorie, la Vita, l’odierna, deve esser priva della reale condizione della Poesia specchio e Parola di Dio, e così posta come dal nostro poeta; la Vita così come edificata urge nel rinnegare non men di perseguitare ogni forma di Poesia, condizione necessaria e sufficiente e non solo del povero cinese, ma anche da colui che lo avversa, per non parlare della più meschina Europa che fa bella mostra del suo ‘antico e derivato’ Kant senza averne capito il senso compiuto della parola…)

Se sogni una macchina da cucire che sorride sempre e non sei Lautréamont, devi essere un irlandese come Yeats per capire che hai sognato Bernard Shaw.

A Vision usciva quasi contemporaneamente a The Guide to Socialism and Capitalism di quel suo contemporaneo, dublinese e protestante, alla conquista come lui di Londra.




Yeats combatteva col sistema blakiano e swedenborghiano, Shaw con quello marxiano.

Yeats lo odia, lo trova inorganico, di una linearità logica opposta alla via tortuosa della vita: non sono le vie del genio tortuose e senza migliorie?

Il 24 ottobre 1917, quarto giorno di matrimonio, George avviava la scrittura automatica; il 7 novembre i bolscevichi presero il potere in Russia.

Come Marx, Yeats pensa di predire il futuro, crede che il desiderato sia l’inevitabile, da ciò costretto poi a giustificare l’azione personale in un disegno deterministico. L’idea ciclica gli venne, come molto altro, da Balzac, da un passo della Peau de chagrin dove si parla di libertà che genera anarchia, di anarchia che conduce al dispotismo e di dispotismo che riporta alla libertà. Il circolo vizioso dove sempre girerà il mondo morale.

Ecco la sua machina mundi.




E la mancanza di scholarship  che lamentava non potrà che giovargli a questo gioco. Qui propone una procedura per comprendere i modi dell’azione Divina sul mondo e ritrovare l’unità d’origine, e si ripropone di costruire un reticolo di riferimenti che permetta un’unificazione della sensibilità. Dentro di lui le idee formavano un sistema completo somigliante a un regno della Natura, una specie di flora e, a tentare di delinearne l’iconografia, passerà per pazzo.

Immagini e liturgia hanno potere sulla mente, vanno più a fondo e più lontano delle astrazioni: si diventa ciò che si contempla. Il segreto del metodo consiste nel guardare con estrema cura quel che c’è di più assoluto. Taluni hanno visto e vissuto, hanno udito la Realtà suprema e l’hanno esposta con linguaggio umano nelle Upanisad, modalità di contatto e strumento di realizzazione. Il risultato, apice della realizzazione per il compilatore, dovrebbe esserlo per chi ascolta o legge. Tutti i termini dei Veda comportano un senso metafisico garantito dalla śruti, tradizione non umana. Irriverenza o dato di fatto, per W. B. ‘non è facile dire fino a che punto dovrei interpretare alla lettera i miei simboli’. 

Prima ancora, l’oracolo caldaico ammoniva:

Non t’inchinare al mondo oscuramente splendido dove in perpetuo sta una profondità orba di fede e Ade avvolto in una nube si diletta in immagini inintelligibili.

Nelle argomentazioni o nei libri non cerchiamo la verità ma un chiarimento di ciò che già crediamo, la Verità è uno stato d’animo, non un pensiero, un sillogismo, un’opinione.











LO SPIRITO DI CONQUISTA (16)














































Precedenti capitoli:

Dell'Esposizione Universale (15/4)

Prosegue nello...:


Spirito di conquista (17)















& nel Capitolo (quasi) completo


....della stessa (18)














Con lo stesso criterio adottato per il capitolo precedente, dei sistemi evolutivi, come e cioè, l’Esposizione Universale rappresenti l’emergente nuova premessa germe della Rivoluzione industriale e non solo, esaminiamo anche il contesto dell’informazione, dei libri e soprattutto, emergenti giornali a scopo divulgativo.




Con lo stesso sguardo del naturalista, quindi, come appena detto, ciò che segue è un ottimo esempio, come molti altri di ‘buona informazione’ scientifica e non solo, proiettata nella fattispecie di una futura logica ‘geopolitica’ miope per propria natura; dacché da ambedue i Continenti in perenne ascesa e/o alla deriva, ci dobbiamo e dovremmo chiedere, per intendere questa mia breve premessa, chi evoluto, e non solo sui nuovi sistemi di stampa che simmetricamente andremo ad illustrare con ugual ottimi - articoli cornici e contenuti - dell’arte detta nella sua ‘riproducibilità tecnica’, fino al variegato mondo di Internet, ove se Benjamin fosse ancor in vita, esprimerebbe il proprio giudizio.

Io, da indipendente, documento voi questa mia breve (lettera).




Al contrario, mi astengo nel porre un giudizio, e per la corretta evoluzione adottata qual parametro di valutazione riporto qualche breve documento letterario, a riprova che il ‘quarto o quinto’ potere associati ad una secolare inquisizione del libero pensiero non meno del libero arbitrio difettano (e non solo nel rinomato ‘paesino’ donde scrivo) per loro natura…

La verità, e chi sa coglierla, appartiene anch’essa ad una  dolente nota dell’evoluzione, e non certo confacente all’uomo se pur pensandosi con ogni mezzo al fine d’ottenerla evoluto; la sola Natura riesce, ad espletarla, cioè, in grado di poterla, nell’apparente silente mutezza in cui costretta, testimoniare la verità detta.




Con la promessa di non annoiare il lettore percorriamo codesto breve cammino evolutivo, meditando circa ogni Verità offerta difettare, soprattutto se posta nell’ottica di una vasta platea, e se pur ben ragguagliata o argomentata, sappiamo che racchiusa nella ‘dubbia natura’ d’ogni uomo in qualsiasi continente esposto, e chi si dedica alla verità qual ‘Anima-profetica’ dedita alla vera superiore Natura donde deriva la verità detta, avrà sempre una, per come si può intendere la stessa evoluzione riflessa, vita molto dura…

Questa lotta troppo antica per essere abdicata alla materia!



  
Quando verrà il giorno in cui scopriremo che non è più vantaggioso impadronirsi del territorio di un vicino?

Non lo sappiamo.

L’unica cosa che possiamo affermare con assoluta certezza è che quando arriverà, la nostra prosperità sarà aumentata di cinque o dieci volte.

Questo errore, o brama di possesso, ha prodotto conseguenze di cui proseguiamo a parlare. Proprio come gli individui immaginano che staranno meglio con possedimenti più grandi, così le persone immaginano che la loro prosperità e felicità saranno direttamente proporzionali all’estensione territoriale del loro paese. Da qui una le aberrazioni più sciocche della mente umana: la folle idolatria di miglia quadrate.




Molti tedeschi continuano a capire che ne avranno uno più grande per la somma della felicità se il loro paese contiene 208.670 miglia quadrate invece di 203.070. Pochi errori sono più evidenti. Ci sono migliaia di esempi per dimostrare che il benessere dei cittadini non è in alcun modo una funzione dell’estensione dello stato. Se così fosse, la Russia sarebbe il paese più ricco d’Europa, mentre tutti sanno che è esattamente il contrario. La tassazione in quel paese è spinta a limiti che potrebbero quasi essere definiti assurdi, e per questo motivo l’estensione della nazione è uno dei maggiori ostacoli alla sua prosperità.




Come esempio per illustrare l’assurdità dell’idolatria di miglia quadrate, si prenda la California, che ora ha 158.360 miglia quadrate, e 1.200.000 abitanti. Se in un altro secolo la popolazione dovesse salire a quaranta milioni, potrebbe essere opportuno che il buon governo di questi uomini divida lo Stato in diverse Regioni. Se i conservatori di quel periodo dichiarassero che avrebbero dato l’ultima goccia del loro sangue per preservare l’unità del loro Commonwealth, sarebbero stati afflitti dalla mania del miglio quadrato sciocca come quella europea.

Le divisioni territoriali sono fatte per gli uomini, non uomini per divisioni territoriali. L’oggetto che i patrioti illuminati dovrebbero perseguire non è che una certa estensione geografica debba essere inclusa con uno o più nomi, ma che le divisioni debbano conformarsi alle aspirazioni e ai desideri dei cittadini. Dovrebbero imporre il minor controllo possibile sul progresso economico e intellettuale delle società…




…Nella tarda estate e nell’autunno del 1865, mentre gli indiani del territorio del fiume Powder stavano dando prova della loro forza militare, una commissione degli Stati Uniti incaricata di stipulare trattati, stava viaggiando lungo il corso superiore del fiume Missouri.


In ogni villaggio Sioux vicino al fiume i membri della commissione si fermavano a trattare con i capi che riuscivano a trovare. Newton Edmunds, da poco nominato governatore del territorio del Dakota, era il principale promotore di questa commissione. Un altro membro era Astuto Commerciante, Henry Sibley, che tre anni prima aveva scacciato i Santee Sioux dallo stato del Minnesota.




Edmunds e Sibley distribuirono coperte, melassa, gallette e altri regali agli indiani che visitarono, e non ebbero difficoltà a persuadere i loro ospiti a firmare nuovi trattati. Inviarono anche messaggeri sui Black Hills e nel territorio del fiume Powder, invitando i capi guerrieri a recarsi presso di loro e a firmare i trattati, ma i capi erano troppo occupati a combattere gli invasori del generale Connor per rispondere.

Nella primavera di quell'anno era terminata la Guerra Civile dell’uomo bianco, e l’emigrazione bianca nel West, che fino a quel momento era stata un sottile rigagnolo, stava diventando a poco a poco una fiumana. Ciò che i membri della commissione volevano, era il diritto di passaggio per i convogli, di costruzione di strade ed eventualmente di ferrovie attraverso il territorio indiano.




Prima che finisse l’autunno, la commissione stipulò nove trattati con i Sioux - compresi i Brulé, gli Hunkpapa, gli Oglala e i Miniconjou, i cui capi guerrieri non si trovavano per la maggior parte vicino ai villaggi sul Missouri. Le autorità governative di Washington considerarono i trattati come la fine delle ostilità da parte indiana.

Gli indiani delle pianure sono stati finalmente pacificati, essi dicevano; non vi sarà mai più bisogno di costose campagne come la spedizione di Connor sul fiume Powder, che era stata organizzata per uccidere gli indiani ‘a un costo di più di un milione di dollari ciascuna, mentre centinaia dei nostri soldati hanno perso la vita, molti dei nostri coloni di frontiera sono stati massacrati, e molte proprietà distrutte’.




Il governatore Edmunds e gli altri membri della commissione sapevano molto bene che i trattati non avevano alcun valore perché nemmeno un capo guerriero li aveva firmati. Sebbene la commissione inviasse copie a Washington perché fossero ratificate dal Congresso, essa continuò i propri sforzi per persuadere Nuvola Rossa e gli altri capi del fiume Powder a incontrarsi con essa in una qualsiasi località adatta, per firmare altri trattati.

Dato che la Pista di Bozeman era la strada più importante per andare da Fort Laramie nel Montana, gli ufficiali del forte subirono pesanti pressioni per convincere Nuvola Rossa e gli altri capi di guerra a cessare di bloccare la strada, e di recarsi a Laramie il più presto possibile.

Il Grande Padre di Washington aveva mandato una nuova commissione di pace in primavera; egli sperava che Coda Chiazzata potesse restare vicino al forte fino all’arrivo dei membri della commissione; vi era grande urgenza di rendere sicura per i viaggiatori la Pista di Bozeman.




‘Sono stato informato che la prossima primavera si effettueranno molti viaggi’

disse il colonnello..

‘alle miniere dell'Idaho e del Montana’.

‘Pensiamo di aver subito molti torti’,

…rispose Coda Chiazzata

‘e ci riteniamo autorizzati a chiedere un compenso per i danni e la miseria causati facendo così tante strade attraverso il nostro paese, e scacciando e distruggendo i bisonti e la selvaggina. Il mio cuore è molto triste, e io non posso parlare di affari; attenderò i consiglieri che il Grande Padre invierà’.

Pochi giorni dopo arrivò la commissione per la pace, e il 5 giugno iniziò la parte formale delle trattative, con i soliti lunghi discorsi svolti dai membri della commissione e dai vari capi indiani. Poi Nuvola Rossa inaspettatamente chiese un rinvio di alcuni giorni per attendere l’arrivo di altri Teton che volevano partecipare alle discussioni. Il commissario Taylor accordò l’aggiornamento del consiglio al 13 giugno. Ironia della sorte, il 13 giugno fu il giorno in cui il colonnello Henry B. Carrington e settecento....