giuliano

giuliano
IL TOMO

mercoledì 3 giugno 2020

CERCATORI D'ORO (27)



































Precedenti capitoli:

Verso il ghiacciaio... (26)

Prosegue in:
















Cercatori d'oro (28)













Ho fatto un secondo viaggio lungo lo Stickeen in agosto e dopo aver lasciato Telegraph Creek, ho incontrato un commerciante allegro che mi ha assicurato, incoraggiandomi, che stavo andando nella regione più meravigliosa del mondo, che…

“lo spettacolo del fiume è pieno dei ‘mostri sacri’, i più selvaggi che la natura possa aver creato, superando tutti gli altri scenari sia naturali o artificiali, su carta o in qualsiasi museo esposti. E non preoccuparti delle provviste, perché il cibo cresce ovunque in prodigiosa abbondanza. Un uomo si è perso quattro giorni lassù, ma ha banchettato con verdure e selvaggina ed è tornato al campo in buone condizioni. Ed ecco il mio consiglio: vai piano e prendi con piacere  gli scenari che incontri”.




Da Wilson a Caribou, quattordici miglia, l’acqua non è visibile, sebbene il terreno quasi pianeggiante e muschioso abbia un aspetto paludoso. Al Caribou Camp, a due miglia dal fiume, vidi due bei cani, un Terranova e uno spaniel. Il loro proprietario mi ha detto che ha pagato venti dollari per la coppia e gli sono stati offerti cento dollari per uno di loro poco tempo dopo. Il Terranova, mi ha detto, pesca bene il salmone sulle increspature e potrebbe essere rimandato indietro per miglia per andare a prendere i cavalli. Il raffinato spaniel nero riccio ci aiuta a portare i piatti dal tavolo alla cucina, e a queste parole andò a prendere l’acqua come gli fu ordinato, prese il secchio e lo posò sul lato del fiume, ma non gli si poteva insegnare a immergerlo completamente. Ma il loro lavoro principale consiste nel trasportare rifornimenti da campo sulle slitte lungo il fiume in inverno. Si dice che questi due fossero in grado di trasportare un carico di mille sterline quando il ghiaccio è in discrete condizioni. Sono nutriti con pesce essiccato e farina d’avena bollita insieme.




Dease Creek, un bel ruscello che scorre lungo circa quaranta miglia e largo quaranta o cinquanta piedi, entra nel lago da ovest, attingendo le sue fonti da creste montuose erbose. Thibert Creek, delle stesse dimensioni, e McDames e Defot Creeks, con i loro numerosi rami, si dirigono insieme dalla stessa catena montuosa sulla divisione tra Mackenzie e Yukon e Stickeen.

Tutti questi flussi del Mackenzie si sono dimostrati ricchi d’oro. Le dighe, i canali e le chiuse per cinque o dieci miglia mostrano un’industria proficua e la quantità di ghiaia glaciale e forse pre-glaciale lavorata, enorme. Alcuni dei letti non sono diversi da quelli dei cosiddetti Dead Rivers della California. Parecchi antichi canali pieni di deriva su Thibert Creek, sono esposti e lavorati. Una parte considerevole dell’oro, sebbene per lo più grossolana, non avevo dubbi che provenisse da distanze considerevoli, come mostrano i massi inclusi in alcuni depositi.

I letti più profondi, sebbene noti per essere ricchi, non sono ancora lavorati a grande profondità a causa delle spese. Gli scavi che rendevano all’uomo meno di cinque dollari al giorno sono considerati senza valore. Una delle pepite trovata in uno di questi torrenti pesava quaranta libbre...

(J. Muir)




Due anni fa si pensava che le difficoltà di raggiungere il Klondike fossero di natura tale da precludere la probabilità o addirittura la possibilità che Dawson diventasse un luogo di abitazione permanente. Le prove dei Chilkoot e dei White Pass furono sfruttate dai giornali specializzati da un’estremità del continente all’altra, e i relitti dell’umanità, e in particolare delle migliaia di bestie che giacevano sparse lungo il sentiero – l’omaggio al Sahara trasformato in vergogna - furono appellati a una cupa testimonianza della barriera quasi insuperabile che separava l’uomo dall’oggetto della sua ricerca…




Poco dopo lasciata Sitka, e attraversata l’apertura del Cross Sound, la riva si stende diritta, senza insenature, sormontata dal più gigantesco bastione che la natura abbia mai costruito sul mare, la catena dominata dalle vette nobilissime del Crillon, Fairweather e La Pérouse. Il grande ghiacciaio Pacifie ne scende ad immergere la sua fronte nell’Oceano. E, dopo percorse poco più di 50 miglia, compare all’orizzonte, isolata, la vetta del Sant’Elia, che sorge a poco a poco dal mare come un bianco picco vaporoso.

Si capisce quanto ne debbano essere stati impressionati i primi navigatori, e che essa sia la vetta dell’Alaska che ha più richiamato l’attenzione su di sé. Isolate da essa, verso est, vanno delineandosi e prendendo forma le altre punte maggiori del gruppo, l’Augusta, il Logan, il Cook, il Vancouver.




Il 3 Luglio, alle 3 112 pom., dopo dieci ore di marcia, avvolti sempre nella nebbia cieca, stanchi, bagnati, arriviamo alle Hitchcock, accolti da un volo di pernici bianche levatosi dai cespugli bassi che coprono il ripido pendio delle colline. La traversata del Malaspina è finita, e S. A. ha condotto la carovana proprio in porto, a pochi metri dalla fronte del Seward.

Piantiamo le nostre tende sulla neve (VII° Campo), nell’avvallamento fra il ghiacciaio e le colline, a 511 m. sul mare.

Il giorno dopo, 4 Luglio, è l’Independence day, e il Principe permette che gli americani incontrati lungo il cammino appartenenti ad un gruppo di studio  festeggino in riposo l’anniversario della loro libertà. In questi giorni li abbiamo conosciuti meglio; è un gruppo curioso di individui, che difficilmente si potrebbe riunire in un altro paese. Cinque sono studenti universitari di belle lettere, filosofia e scienze; quattro sono marinai, fra cui un professore di latino e greco, che è anche poeta, ed uno non ha professione fissa. Lavorano tutti bene e con zelo, completando l’opera attiva ed intelligente del loro capo, il sig. Ingraham, che fece più del suo dovere per la buona riuscita della impresa alla quale si era associato.

(Duca degli Abruzzi)




Oggi, e dal 6 luglio dell’anno scorso (1899), una ferrovia a vapore attraversa tutte le quarantadue miglia della pista del Passo Bianco, e il viaggiatore gode delle bellezze del paesaggio subartico tanto quanto gli piace il viaggio attraverso i Monti Alleghany a est, o delle praterie a ovest. Proseguendo verso Bennett sull’omonimo lago, praticamente alla testa della navigazione del possente fiume Yukon (altrimenti noto come Lewes), si impegna nel passaggio su uno dei numerosi piroscafi a vapore verso il fiume o verso nord, e con un cambio: alle Miglia Cañon e White Horse Rapids, dove c’è un portage di cinque miglia; per raggiungere Dawson dopo un viaggio delizioso nei cambi di scena e nelle novità che tale esperienza offre, nei quattro a sei giorni di percorrenza.




È un dato di fatto, quindi, che con un buon calendario delle partenze il viaggiatore da New York può fare il viaggio per Dawson in estate in dodici giorni, e in modo eccezionale anche in meno; e il viaggio è stato effettivamente compiuto in undici giorni e mezzo. Tale è il cambiamento da cui lo sforzo industriale ottenuto in meno di due anni ha potuto raggiungere.

Dawson del 1899 non è più la stessa cittadina del 1898, e molto meno di quello dell’anno precedente. Le migliaia di bateaux che in precedenza erano allineati contro il fronte del fiume, che comprendevano ogni tipo di imbarcazione dalla piccola canoa ai più grandi velieri, sono per lo più scomparse e al loro posto ora troviamo il forme aggraziate e ingrate di vari tipi di battello a vapore.




Non è raro trovare cinque o più di queste imbarcazioni legate contemporaneamente alla riva del fiume, e l’ampiezza e la maestosità delle barche del Mississippi guadagnano poco in confronto con alcune delle imbarcazioni più grandi del fiume Yukon.

I segnali sospesi richiamano l’attenzione sulle regine volanti del fiume, il re Bonanza, il canadese e la Sibilla, e migliaia si sono offerti per il risultato della corsa al bianco Horse Rapids. Quindi qui, come ai vecchi tempi del Mississippi, la lotta per la supremazia ha portato alla rapida accelerazione e allo sprigionamento prometeico dell’intera scatola del fuoco. Oltre un centinaio di nuovi arrivi dal Fiume furono registrati a Dawson durante la stagione quando le acque si liberano dal ghiaccio nel 1899.

(A. Heilprin)

    (Prosegue)












Nessun commento:

Posta un commento