giuliano

giuliano
IL TOMO

giovedì 5 novembre 2020

LA CIMA.... DELLA VETTA! (6)

 









Precedenti capitoli durante il Viaggio...:


Circa licenziamenti in tronco... (5)









La grande penisola che ora chiamiamo Alaska è stata visitata per la prima volta da esploratori umani più di dodicimila anni fa. Questi antenati degli odierni nativi dell’Alaska viaggiarono verso est dalla Siberia sul ponte di terra di Bering, un’ampia distesa di tundra temporaneamente esposta che oggi si trova sotto trecento piedi d’acqua. Questo ponte ha permesso a intere comunità di spostarsi nel continente nordamericano e stabilire villaggi marittimi. Nel corso dei secoli, gli accampamenti si sono evoluti in produttivi insediamenti di caccia e pesca.

 

Questi primi esploratori e coloni si adattarono bene alla linea costiera dell’Alaska. Hanno progettato barche di pelle e arpioni per la caccia ai mammiferi marini, creato abiti artici con pelle e pelliccia e usato grasso di balena e olio per illuminare e riscaldare le loro case. Questo tipo di adattamento ha avuto luogo anche sulla costa siberiana, ma le prove archeologiche ci dicono che i popoli marittimi che vivevano lungo la costa dell’Alaska da 6.000 a 8.000 anni fa erano particolarmente abili nelle pratiche di adattamento. Così, quando gli esploratori europei arrivarono in Alaska nel diciottesimo secolo, stavano visitando una terra che era stata esplorata, abitata e sviluppata per millenni.




In un certo senso, l’Alaska esisteva nell’immaginazione russa molto prima che avesse un posto sulle proprie mappe. Cacciatori e commercianti di pellicce russi in Siberia avevano sentito per secoli dagli Yupik, i popoli costieri della Siberia, di una ‘Grande Terra’ che si trovava a est attraverso l’acqua.

 

Nel 1728, Vitus Bering, un ufficiale nato in Danimarca nella Marina russa dello Zar Pietro il Grande, fece il primo dei suoi due viaggi nell’Oceano Pacifico settentrionale, tentando di confermare l’esistenza della terra a est. Ha navigato attraverso lo stretto corso d’acqua che separa la penisola di Seward in Alaska dalla penisola di Chukotsk in Siberia. È arrivato molto vicino alla costa dell’Alaska, ma il maltempo gli ha impedito di fare un avvistamento ufficiale. Nel 1741, nel suo secondo viaggio, Bering guidò una spedizione di due navi, entrambe avvistate a terra in punti tra 55 gradi e 59 gradi di latitudine nord. Il primo avvistamento è avvenuto il 15 luglio, quando il St. Paul, sotto la responsabilità del secondo ammiraglio di Bering, Aleksei Chirikov, raggiunse l’isola di Prince of Wales.




La nave di Bering, la St. Peter, avvistò il Monte. St. Elias e Kayak Island il giorno successivo. Ma le navi a questo punto si erano separate e la St. Peter era spiaggiata vicino all’isola delle Aleutine ora conosciuta come Isola di Bering. Bering morì lì, di scorbuto, nel dicembre del 1741. Ma il St. Paul tornò in Siberia, così come alcuni sopravvissuti dalla stessa nave di Bering. Hanno confermato che la ‘Grande Terra’ esisteva davvero; le pelli di volpe, foca e lontra marina che hanno portato hanno dimostrato che questa terra è il paradiso dei commercianti di pellicce.

 

Documenti russi dell’epoca indicano che le esplorazioni dell’Alaska da parte di Bering non furono fatte per scopi puramente scientifici di rilevamento e mappatura. La Russia voleva una presenza permanente in Nord America e sperava di sfruttare le pellicce e le risorse minerarie lì. Riuscirono rapidamente a raggiungere questo obiettivo.




Nel 1745, le navi da caccia e mercantili dalla Siberia seguirono l’esempio di Bering lungo la catena delle Aleutine, ottenendo pelli di pelliccia dagli Aleuti. Questa era una relazione importante, poiché i russi erano del tutto inesperti nella caccia ai mammiferi marini, in particolare alla sfuggente lontra marina. I commercianti russi usarono la corruzione e la vera e propria coercizione con gli aleutini, spesso prendendo ostaggi e chiedendo che il loro riscatto fosse pagato in pelliccia. Gli aleutini hanno resistito ripetutamente. Nel 1763 gli Aleutini sull’Unmak e sull’Unalaska distrussero quattro navi russe, ma i commercianti di pellicce respinsero efficacemente quell’opposizione.

 

La connessione tra l’esplorazione russa e lo sfruttamento dei nativi dell’Alaska, iniziata nel 1745, continuò mentre la Russia si impadroniva saldamente della costa. Nel 1783, il mercante russo Grigorii Shelikhov equipaggiato tre navi per un viaggio alle isole Aleutine, sperando di ottenere il monopolio sul commercio di pellicce della regione. Nel 1784, quando le navi arrivarono all’isola di Kodiak, furono accolte da una forza di 4.000 nativi Koniag che chiesero che i russi partissero immediatamente. Dopo che i negoziati fallirono, i russi spararono con i cannoni sulle case di Koniag, distruggendole. Sottomettendo i nativi dell’Alaska con la potenza del fuoco, il controllo russo divenne più forte. Shelikhov estese la sua autorità istituendo distretti politici nella regione di Kodiak, e costruendo una forza lavoro per la raccolta di pellicce dei nativi dell’Alaska. I suoi metodi a volte erano così brutali che il governo russo condusse un’inchiesta, sebbene Shelikhov non fosse mai stato accusato di alcun crimine.




Verso la metà del diciottesimo secolo, diversi fattori convergono per preparare il terreno per una nuova èra nell’esplorazione dell’Alaska. Le spedizioni si concentrarono sull’esplorazione geografica e l’indagine etnografica, nonché sullo sfruttamento delle risorse. Un fattore significativo che ha contribuito a questa tendenza è stato il declino del mercato asiatico delle pellicce e la quasi estinzione della lontra marina. Quando la compagnia americana russa ha riscontrato un calo dei profitti dalle vendite di pellicce, il governo russo, coinvolto in una serie di conflitti in Europa, perse interesse per l’Alaska. Nel 1859, il governo autorizzò Edoard de Stoeckl, un diplomatico russo nella delegazione statunitense, ad affrontare l’argomento della vendita dell’Alaska agli Stati Uniti.

 

Per Spencer F. Baird, assistente segretario della Smithsonian Institution di recente fondazione, la prospettiva di un’imminente vendita dell’Alaska era davvero una buona notizia. Baird stava costruendo la collezione di storia naturale dello Smithsonian e sperava di includere tutte le parti del continente nordamericano. Ora, con l’interesse americano in espansione per il territorio, reclutò collezionisti dalle squadre di sondaggi commerciali e governativi che erano diretti a documentare le risorse dell’Alaska.




George Kennicott, un esperto naturalista ed esploratore, guidò la prima spedizione artica dello Smithsonian. Kennicott trascorse gli anni dal 1859 al 1863 nello Yukon, e alla fine inviò quaranta scatole, caricate con materiali naturali ed etnografici, a Washington, DC.

 

La seconda spedizione di Kennicott, nel 1865, fu finanziata dalla Western Union Telegraph Company. Kennicott e il suo team furono incaricati di rilevare un percorso per un tracciamento via cavo trasiberiano attraverso l’Alaska, e di raccogliere campioni etnografici e di storia naturale lungo il percorso. Quando Kennicott morì inaspettatamente durante questo viaggio, il suo assistente, il giovane William Healey Dall, subentrò come leader. Ma una compagnia rivale posò per prima il cavo del telegrafo atlantico, e la Western Union annullò la spedizione il 27 luglio 1866.

 

Dall rimase e nei decenni successivi fece più di una dozzina di viaggi in Alaska. Lavorò per lo Smithsonian, raccogliendo e organizzando esemplari. Lavorò per l’US Coast Survey, che ha tracciato le caratteristiche costiere lungo la catena aleutiana e, nel 1880, lo stretto di Bering e l’Oceano Artico. Lavorò per l’US Geological Survey come paleontologo, e durante i suoi soggiorni a Washington ha scritto libri e rapporti e ha organizzato le raccolte dal campo.




Quando C. Hart Merriam decise di mettere insieme una squadra per la Harriman Alaska Expedition del 1899, William Healey Dall fu uno dei primi uomini che contattò, e nei decenni successivi fece più di una dozzina di viaggi in Alaska.





 

TELEGRAPH ROAD


 

 

Arrivammo a Telegraph Creek, Alla fine della mia passeggiata di duecento miglia, verso mezzogiorno. Dopo pranzo ho proseguito lungo il Fiume fino a Glenora su una bella canoa di proprietà e presidiata da Kitty, una donna indiana robusta dall’aspetto intelligente, che ha fatto pagare ai suoi passeggeri un dollaro per il viaggio di quindici miglia. Il suo equipaggio era composto da quattro canoisti indiani. Nelle rapide sollevava anche la pagaia, con colpi robusti e significativi, e un vecchio dagli occhi acuti, probabilmente suo marito, sedeva in alto a poppa e guidava.




 Tutti sembravano euforici mentre scendevamo attraverso la stretta gola del fiume impetuoso, ruggente, strozzato, pagaiando tanto più vigorosamente quanto più alta è la velocità del torrente, per mantenere una buona rotta. La canoa danzava leggera tra ondate grigie e spruzzi come se fosse viva e si godesse con entusiasmo l’avventura. Alcuni dei passeggeri erano piuttosto fradici. La maggior parte delle merci della stagione per i campi d’oro di Cassiar venivano trasportate da Glenora a Telegraph Creek in canoe, i piroscafi non erano in grado di superare le rapide se non durante l’alta marea. Anche allora di solito dovevano allineare due delle rapide, cioè prendere una cima a riva, arrivare velocemente a un albero sulla riva e fermarsi sull’argano. Le canoe da trasporto trasportavano circa tre o quattro tonnellate di materiali, per le quali venivano addebitati quindici dollari per tonnellata. Si fece un lento progresso percorrendo la sponda fuori dalla parte più rapida della corrente. Nelle rapide fu portata a riva una cima di rimorchio, solo uno dell’equipaggio rimase a bordo per controllare e vigilare il carico. Il viaggio durava un giorno a meno che non soffiava un vento favorevole, cosa che spesso accadeva.

 



La mattina dopo sono partito da Glenora per scalare il Glenora Peak per la vista generale della grande catena costiera che non sono riuscito a ottenere durante la mia prima salita a causa dell’incidente che ha colpito il signor Young quando eravamo a meno di un minuto o due dalla cima. È difficile e doloroso non riuscire a raggiungere la cima di una montagna, lascio alla provvidenza il destino di ciò.

 

Questa volta però per il secondo tentativo, non avevo nessun compagno di cui occuparmi, ma il cielo era minaccioso. Gli stregoni meteorologici locali mi assicurarono che la giornata sarebbe stata piovosa o nevosa perché le cime in vista erano attutite da nuvole che sembravano prepararsi per il lavoro. Tuttavia decisi di andare avanti, perché i temporali di qualsiasi tipo valgono anche loro la pena di essere osservati, e se respinto ancora avrei potuto aspettare e riprovare.




 Con i cracker in tasca e una leggera giacca di gomma che un gentile passeggero del piroscafo Gertrude mi ha prestato, ero pronto a tutto ciò che tale avventura poteva offrire, e le speranze per la vista grandiosa che mi attendeva mi facevano dimenticare il resto. Da Glenora c’è dapprima una terrazza a duecento piedi sopra il fiume ricoperta per lo più da cespugli, apocino giallo sugli spazi aperti, insieme a tappeti di manzanita nana, grappolo d’erba e alcune compositæ, galium, ecc. distesa pianeggiante larga un miglio, che si estende fino alle colline pedemontane, ricoperta di betulle, abeti rossi, abeti e pioppi, ora per lo più consumati dal fuoco con il terreno cosparso di tronchi carbonizzati.

 

Da questa foresta nera la montagna si eleva in pendii piuttosto ripidi ricoperti da una rigogliosa crescita di cespugli, erba, fiori e pochi alberi, principalmente abeti rossi e abeti; gli abeti che gradualmente sminuiscono in un bellissimo chaparral, il più bello, credo, infatti non ho mai visto i pennacchi piatti a forma di ventaglio fittamente foliati e imbricati dalla pressione della neve, che formano una bella e liscia paglia che porta coni e prospera come se questa condizione repressa fosse la migliore. Si estendono fino a un’altezza di circa cinquanta-cinquecento piedi.




Solo pochi alberi più di un piede di diametro e più di cinquanta piedi di altezza si trovano più in alto di quattromila piedi sopra il mare. Alcuni pioppi e salici si insediano in luoghi umidi, rimpicciolendo gradualmente come le conifere. L’ontano è il più generalmente distribuito dei cespugli chaparral, che cresce quasi ovunque; i suoi steli increspati spessi un pollice o due formano un fastidioso groviglio per l’alpinista. Il geranio blu, con foglie rosse e vistose in questo periodo dell’anno, è forse la più significativa delle piante da fiore. Cresce fino a cinquemila piedi o più. I larkspurs sono comuni, con epilobium, senecio, erigeron e alcuni solidagos.

 

La campana di lepre appare a circa quattromila piedi e si estende fino alla vetta, imponendosi di statura ma mantenendo le dimensioni delle sue belle campane finché non sembrano essere distese e distaccate a terra come se fossero caduti dal cielo come fiori di neve; e, sebbene fragile e dall’aspetto delicato, nessuno dei suoi compagni è più duraturo o esalta le lodi della Natura amante della bellezza con toni più apprezzabili dai mortali, senza dimenticare nemmeno Cassiope, che è anche qui, e il suo compagno, Bryanthus, il più bello e il più diffuso degli arbusti alpini.




 Poi vengono il crowberry e due specie di huckleberry, una delle quali da circa sei pollici a un piede di altezza con deliziose bacche, l’altra un nano estremamente prolifico e dall’aspetto compatto; pochi dei cespugli essendo alti più di due pollici, contando fino a la foglia più alta, ma ciascuna porta da dieci a venti o più bacche grandi. Forse più della metà della maggior parte dell’intera pianta è il frutto, il più grande e profumato di tutti i mirtilli che io abbia mai assaggiato, che offre ‘buone speranze’ per il gallo cedrone, la pernice bianca e molti altri della popolazione di montagna immersa in questa Natura.

 

Ho notato tre specie di salici nani, una con foglie strette, che crescevano proprio in cima alla montagna nelle fessure delle rocce, così come su macchie di terreno, un’altra con foglie grandi e lisce che ora diventano gialle. La terza specie cresce tra le altre quanto all’elevazione; le sue foglie, poi di colore arancione, sono notevolmente snocciolate e reticolate. Un altro arbusto alpino, una specie di sericocarpus, ricoperta di belle teste di achenia piumata, bellissime echiverie nane con stormi di fiori viola punteggiati nei loro cespugli di fogliame color muschio verde erba brillante, simili a cuscini, e un bel nontiscordardime non raggiungere la vetta.




 Potrei anche menzionare una grande mertensia, un bel anemone, un veratrum, alto sei piedi, una grande margherita blu, che cresce da tre a quattromila piedi, e in cima una specie nana, con involucri pelosi e scuri, e alcuni felci, aspidium, gymnogramma e piccole cheilanthes rocciose, che lasciano a malapena un piede di terreno nudo, anche se la montagna appare calva e marrone in lontananza come quelle delle catene desertiche del Great Basin nello Utah e nel Nevada.

 

Incantato da queste varietà vegetali vive come esseri senzienti, mi ero quasi dimenticato di guardare il cielo fino a quando non raggiunsi la cima della vetta più alta, quando uno dei più grandi e straordinariamente sublimi di tutti i panorami di montagna che abbia mai goduto è apparso in vista - più di tre centinaia di miglia di vette fitte della grande catena costiera, scolpite nel modo più audace che si possa immaginare, le loro cime nude e le creste divisorie di colore scuro, i loro lati e i canali, le gole e le valli tra di loro carichi di ghiacciai e neve.








Nessun commento:

Posta un commento