giuliano

giuliano
IL TOMO

giovedì 2 ottobre 2014

LA GENESI (10)
















































Precedenti capitoli:

La Genesi (1)

La Genesi (2)

La Genesi (3)

La Genesi (4)

La Genesi (5)

La Genesi (6)

La Genesi (7)

La Genesi (8)

La Genesi (9)

Prosegue in:

La Genesi (11)

La Genesi (12)

La Genesi (13)

La Genesi (14)

La Genesi (15)

La Genesi (16)  














Ogni giorno al calar del sole il fratello che soprintendeva alla coltivazione
passava in rassegna i negri come un sargente maggiore fa con la sua com-
pagnia prima di dare l'ordine di rompere le righe, in branco li spingeva vo-
lenti o nolenti, uomini e bambini, senza domande proteste o rivalse in quel-
l'aborto di edificio a stento uscito dall'embrione, come se persino il vecchio
Carothers McCaslin si fosse fermato sgomento di fronte alla prova tangibi-
le della sconfinata fantasia della sua vanità.
Snocciolava a memoria l'appello e li aggruppava dentro e con un chiodo bat-
tuto a mano lungo come un coltello da pellami e appositamente appeso a
uno stipite della porta con una corta correggia di pelle di daino inchiodava
la porta di quella casa a cui mancavano metà delle finestre e che sul retro
non aveva neppure una porta, sui cardini, così che allora e per i successi-
vi cinquant'anni, quando il ragazzo era ormai grande abbastanza da ascolta-
re e ricordarsela, correva nel paese una specie di leggenda: la campagna
tutta la notte pullulava di schiavi dei McCaslin che si aggiravano furtivi te-
nendosi alla larga dalle strade illuminate dalla luna e dalle pattuglie dei sor-
veglianti a cavallo e andavano a visitare le altre piantagioni, e c'era un ta-
cito patto d'onore tra i due bianchi e le due dozzine di neri in ossequio al
quale, dopo che al calar del sole il bianco li aveva contati e aveva piantato
sulla porta principale il chiodo fatto in casa, nessuno dei due bianchi avreb-
be fatto il giro per andare a guardare la porta sul retro, sempre che tutti i
negri fossero dietro quella principale al sorgere del sole quando il fratello
che aveva piantato il chiodo sarebbe tornato a spiantarlo, i gemelli, indistin-
guibili persino nella calligrafia, a meno di non accostare due campioni per
il confronto, e persino se le due grafie apparivano sulla stessa pagina sem-
bravano entrambe opera di uno stesso ragazzino di dieci anni perfettamen-
te normale persino nell'ortografia, tranne che non c'erano progressi di orto-
grafia mentre uno dopo l'altro gli schiavi che Carothers McCaslin aveva
ereditato e comprato.............

(Faulkner, Go Down, Moses; L'orso)
















  

Nessun commento:

Posta un commento