giuliano

giuliano
IL TOMO

lunedì 8 luglio 2013

L'ERESIA DEL LETTORE (ed i limiti della cultura...) (13)













Precedente capitolo:

sosta ad Avignone (12)

Prosegue in:

l'eresia del lettore (ed i limiti della cultura) (14) &

tra eresia e ortodossia (15)










Nell'anno Domini Mille trecento ventuno, frate Michele da Cesena,
dottore di santa Teologia, essendo generale dell'ordine de' frati mi-
nori, nell'anno sesto del suo ministero, alcuno bighino, o vero pinzo-
chero, fu preso nella città di Nerbona, per fatto di resia, per l'arcive-
scovo di Nerbona e per frate Giovanni Dalbena dell'ordine de' frati
predicatori, inquisitore de eretica pravità.




Il quale bighino, intra l'altre cose cose, dicea, andea predicando
  et scrivendo (in illegibile volgare...) et nonché affermando che
Cristo e gli apostoli suoi, vita di perfezione seguitando, niuna cosa
ebbono per ragione di proprietade e di signoria, in ispeziale, né e-
ziando in comune.




Il quale inquisitore, vogliendo giudicare il detto bighino, chiamò a
consiglio in moto celere tutti i priori e guardiani (della corretta et
sanctissima Parola) e lettori (dello Convento...) de' religiosi e non-
ché molti altri savi.....
Intra' quali fu presente frate Beringario Talloni (datosi lo nome suo
dalla gente i cui ignudi piedi guardava mentre con passo silente se-
guitava...), lettore nel convento de' frati minori da Nerbona.




Et intra l'altre cose che il predetto inquisitore fece leggere il predet-
to articolo della povertade di Cristo e degli apostoli (da cui noi umili
spirituali dobbiamo deducere anche et circa lo ugual popolo che.....
lo predica e ...) suoi: per lo quale voleva condannare questo cotale
bighino.
Ma il predetto frate Beringario lettore, sopra il detto articolo richie-
sto, rispouse che questo dire non era eretico, ma era dottrina sana,
cattolica et fedele, massimamente, conciò sia cosa che questo fos-
se diffinito per la chiesa cattolica nella discretale che comincia:......
Exiit q. seminat....
(Prosegue....)












Nessun commento:

Posta un commento