giuliano

giuliano
IL TOMO

venerdì 11 gennaio 2013

FRANCESCO NEGRI (Ravenna 1623 - Ravenna 1698)













Brevi pagine da "Viaggio Settentrionale" di Francesco Negri.




Il Nord-cap, anzi la Lapponia, che forma l'ultima parte boreale della
Scandinavia, ha la figura di promontorio però ha da tre parti il mare,
che molto le mitiga il rigor del freddo, e ne addussi la ragione nella
lettera quinta, onde può produrre, alberi, benché piccoli e a stento,
i quali somministrano il fuoco continuo e necessario alla nazione, e
per conseguenza può sostentarvisi.




La Gronlandia ha da una parte sola il mare, e da tre la terra: dunque
patisce maggior freddo che la Lapponia, anche a gradi 72; dunque
tanto più lo patirà a gradi 76; il che mi fa credere che non vi nascano
alberi, e per conseguenza sia il paese disabitato, e fors'anche disabita-
bile agli uomini.
Similmente la Novazembla a gradi 72 ha da una parte la terra ferma,
colla quale è continua; dall'altra parte verso al polo ha pure la terra
di sè stessa, che si sporge fino a 77: sicchè da due parti ha nevi e
ghiacci.




Dalla parte di ponente ha il golfo, nel qual si entra per lo stretto Vai-
gatoh; e questo golfo, essendo circondato da terra, si agghiaccia l'-
inverno, in modo che la terra di Novazembla corrispondente al Nord-
cap è assediata da tre parti da nevi e ghiacci; il che pure mi rende
credibile, che non vi nascano alberi, nè abitatori vi siano.




Per ritornar al racconto della Finmarkia, dico che la terra in tutta la
provincia è montuosa, sassosa e alpestre; e per esser vicino al suo
mare il giogo dei monti, che la dividono dalla Lapponia di Svezia,
conseguentemente i suoi fiumi, che hanno breve corso al mare, so-
no piccoli.
Consiste per lo più la provincia in isole, alcuna delle quali sarà di
cento miglia italiane di giro: così Sur-o, e poco meno Magr-o, nella
quale è il Nord-cap, e la residenza d'un paroco, col quale ho potuto
parlar latino.




Questi golfi danno buon ricovero alle navi, servendo loro quasi di
molo naturale le rupi scoscese e i monti sassosi, che li circondano:
l'inverno ghiacciano totalmente, e vien il ghiaccio tutt'intiero solle-
vato e abbassato dal flusso e reflusso.
Pochi alberi produce il paese, ma solo alla fine dei golfi. Qui non
si vede popolazione alcuna, ma le famiglie stanno separate tra di
loro per qualche miglia, e vivono o sopra la spiaggia del continente,
o dell'isole.




Al più tre o quattro abitazioni si ritrovano in qualche luogo, sicchè
poco popolato è il paese. E tuttociò non riesce di gran lunga tant'-
aspro e orribile l'abitarvi, quanto uno concepirebbe, che non l'aves-
se provato.
Tutte le cose necessarie al mantenimento della vita sono facilmente
parabili, fuori che una. Abitazione, fuoco lumi, vesti, cibi e bevande
nessun danaro e poca fatica costano.....







 

Nessun commento:

Posta un commento