giuliano

giuliano
IL TOMO

venerdì 21 maggio 2021

I QUATTRO ELEMENTI [profanati dall'uomo] (6)

 










Precedenti capitoli:


Empedocle: Frammenti [1/5]


Prosegue con...:


Profanati dall'uomo (7)


& una predica....







& ancora... 29 anni dopo...









All’inizio degli anni 2000, è emerso un nuovo campo di ricerca sulla scienza del clima che ha iniziato a esplorare l’impronta digitale umana su condizioni meteorologiche estreme, come inondazioni, ondate di calore, siccità e tempeste.

 

Conosciuto come attribuzione di eventi estremi, il campo ha acquisito slancio, non solo nel mondo della scienza, ma anche nei media e nell’immaginario pubblico. Questi studi hanno il potere di collegare il concetto apparentemente astratto di cambiamento climatico con esperienze personali e tangibili del tempo.

 

Gli scienziati hanno pubblicato più di 350 studi peer-reviewed che esaminano gli estremi meteorologici in tutto il mondo, da ondate caldo in Svezia e la siccità in Sud Africa alle inondazioni in Bangladesh e agli uragani nei Caraibi. Il risultato è una crescente evidenza che l’attività umana sta aumentando il rischio di alcuni tipi di condizioni meteorologiche estreme, in particolare quelle legate al caldo.




Per tenere traccia di come si stanno accumulando le prove su questo argomento in rapido movimento, Carbon Brief ha mappato, al meglio delle nostre conoscenze, tutti gli studi sull’attribuzione di condizioni meteorologiche estreme pubblicati fino ad oggi.

 

L’analisi di Carbon Brief rivela:




- Il 70% dei 405 eventi meteorologici estremi e tendenze inclusi nella mappa sono risultati più probabili o più gravi a causa dei cambiamenti climatici causati dall’uomo.

 

- Il 9% degli eventi o delle tendenze estreme sono stati resi meno probabili o meno gravi dai cambiamenti climatici, il che significa che il 79% di tutti gli eventi ha subito un impatto umano. Il restante 21% degli eventi e delle tendenze non ha mostrato alcuna influenza umana distinguibile o è stato inconcludente.

 

- Dei 122 studi di attribuzione che hanno esaminato il caldo estremo in tutto il mondo, il 92% ha scoperto che il cambiamento climatico ha reso l’evento o la tendenza più probabile o più grave.

 

- Per gli 81 studi che hanno esaminato le precipitazioni o le inondazioni, il 58% ha riscontrato che l’attività umana aveva reso l’evento più probabile o più grave. Per i 69 eventi di siccità studiati, è del 65%.




 Pubblicato per la prima volta nel luglio 2017, questo articolo è il quarto aggiornamento annuale per incorporare nuovi studi. L’obiettivo è che funga da tracker per il campo in evoluzione dell’attribuzione di eventi estremi.

 

Gli eventi e le tendenze mostrati sulla mappa sono coperti da 357 articoli scientifici individuali o studi rapidi. Laddove un singolo studio copre più eventi o luoghi, questi sono stati separati.

 

Combinando le prove degli ultimi 20 anni, la letteratura è fortemente dominata da studi su caldo estremo (33%), piogge o inondazioni (20%) e siccità (17%). Insieme, questi costituiscono più di due terzi di tutti gli studi pubblicati (70%). L’elenco completo è disponibile in questo foglio di Google.

 

Tali studi mostrano che gli ‘studi di attribuzione’ stanno considerando sempre più gli impatti degli estremi, piuttosto che concentrarsi esclusivamente sull’evento meteorologico.




 Uno dei primi di questi studi di ‘attribuzione dell'impatto’ è stato pubblicato nel 2016. Si stima che 506 delle 735 vittime a Parigi durante l’ondata di caldo europea del 2003 fossero dovute al fatto che il cambiamento climatico aveva reso il caldo più intenso di quanto avrebbe fatto altrimenti stato. Lo stesso valeva per 64 dei 315 morti a Londra, afferma lo studio. Gli impatti sulla salute sono diventati sempre più al centro degli studi di attribuzione.

 

Allo stesso modo, la ricerca si è anche ramificata nel calcolo dei costi economici associati al contributo umano agli eventi estremi. Ad esempio, uno studio del 2020 ha stimato che circa 67 miliardi di dollari dei danni causati dall'uragano Harvey nel 2017 sono attribuibili all'influenza umana sul clima.




Questo spostamento verso gli impatti è piuttosto significativo, afferma il prof Peter Stott, che guida il team di monitoraggio e attribuzione del clima presso il Met Office Hadley Center ed è co-editore dei rapporti BAMS sin dall’inizio del 2012.

 

Dice a Carbon Brief:

 

“Gli impatti sono difficili da fare perché devi stabilire un legame significativo tra la meteorologia e l’impatto in questione. In qualità di editori, abbiamo cercato di incoraggiare più studi sugli impatti perché sono gli impatti piuttosto che la meteorologia di per sé che tende a motivare questi tipi di studio - e se abbiamo solo l'attribuzione sull'evento meteorologico, allora abbiamo solo un indiretto collegamento all'impatto rilevante”.




Infine, la ricerca sull’attribuzione ha anche identificato il segnale dell’influenza umana in indicatori generali del cambiamento climatico, come l’aumento della temperatura media o l’innalzamento del livello del mare. Recenti ricerche sono state persino in grado di rilevare l’impronta digitale del cambiamento climatico da un singolo giorno nel record globale osservato dall’inizio del 2012 e dal 1999 sulla base di un anno di dati.

 

Degli studi effettuati gli scienziati hanno scoperto che il cambiamento climatico causato dall’uomo ha alterato la probabilità o la gravità di un evento meteorologico estremo nel 79% dei casi studiati (il 70% reso più grave o probabile e il 9% meno).

 

Nella prima edizione di Carbon Brief di questa analisi nel 2017, il 68% degli eventi determinato da un impatto umano (con il 63% reso più grave o probabile e il 6% in meno).




 Esistono diversi modi per eseguire un’analisi di attribuzione. Uno dei più comuni è quello di prendere osservazioni e/o simulazioni di modelli climatici di un evento estremo nel clima attuale e confrontarle con modelli idealizzati di quell’evento in un mondo senza riscaldamento globale causato dall’uomo. La differenza tra le simulazioni di cambiamento climatico con e senza indica come è cambiata la probabilità o la gravità di quell’evento estremo.

 

Si noti che gli eventi sono classificati qui come aventi un impatto umano se si scopre che il cambiamento climatico ha influenzato almeno un aspetto di quell’evento. Ad esempio, uno studio sulla siccità dell’Africa orientale del 2011 ha rilevato che il cambiamento climatico ha contribuito al fallimento delle piogge lunghe all’inizio del 2011, ma che la mancanza di piogge brevi alla fine del 2010 era dovuta al fenomeno climatico La Niña. Questo evento è, quindi, designato come avente un impatto umano.

(Prosegue...)








Nessun commento:

Posta un commento