giuliano

giuliano
IL TOMO

domenica 26 dicembre 2021

IL VIAGGIO DELLA VERGINE (4/17)

 










Precedenti capitoli con:


Spero  &  Boreal


Prosegue con la...:






Conquista  (5/18)  &  [4/5]








Due velieri norvegesi, di ritorno da nord, entrarono nella baia e si prepararono a gettare l’ancora di fronte al capannone. Si scambiarono segnali, per chiedere loro di prendere una posizione diversa, in modo da lasciare un passaggio libero per il pallone di Andrée, che sarebbe partito tra poche ore.

 

Gli operai sono pronti e vengono portati a terra dalle barche.

 

I carpentieri e un distaccamento di marinai salgono veloci nel capannone e demoliscono la parte settentrionale con sorprendente rapidità.




Sono le 11 del mattino. Andrée è in piedi davanti al capannone, osservando tutto. I suoi ordini si susseguono, brevi e rapidi; la sua voce risuona, resa ancora più forte da una tromba parlante. Non si sente altro che il crepitio del legno quando viene spezzato e le travi di legno che cadono a terra. Un distaccamento di uomini porta via i rifiuti che cadono.

 

Sul lato sud, in cima al capannone, i marinai stanno allungando la tela tra gli alberi, aumentando così di 13 piedi l’altezza del tetto.

 

Ovunque c’è un’attività febbrile; i preparativi procedono spediti.

 

Rivolgiamo ora la nostra attenzione all’aerostato, che si alza lentamente, mentre i sacchi di zavorra vengono lentamente fatti scendere da una rete all’altra fino a quando non si fermano al cerchio.




Il vento diventa sempre più violento.

 

Gli sbuffi raggiungono il pallone, che oscilla molto da un lato all’altro; le cinghie equatoriali lo sostengono bene e ne frenano i movimenti.

 

Vengono quindi sistemate le corde che azionano le valvole e il lembo lacerante. Queste parti delicate richiedono un controllo costante durante queste ultime operazioni, per evitare che funzionino male. Stadling pende sopra il cerchio, su una corda orizzontale, una serie di ceste in cui erano i piccioni viaggiatori. Conclusa questa parte preliminare dei preparativi, i sacchi di zavorra vengono ritirati fino a quando il pallone non è adeguatamente bilanciato. 




Il telaio rimane saldamente tenuto a terra da tre cavi sufficientemente lunghi da consentirgli di sollevarsi sufficientemente in alto da poter fissare l’auto in posizione. Il resto dei sacchi di zavorra viene raccolto in tre gruppi, appesi al telaio da tre corde.

 

L’auto, che, con tutto il suo contenuto, pesa quasi 1.102 libbre, viene portata sotto. È scivolata al suo posto, e rapidamente fissata al telaio dai sei cavi che la sostengono.

 

Andrée fa il giro del pallone e del capannone, dando un’ultima occhiata ad ogni dettaglio, accertandosi che tutto sia pronto e in buone condizioni.

 

L’ora solenne è arrivata.




Strindberg, che è sempre stato un mio grande amico, poiché abbiamo una simpatia reciproca, mi prega di inviare alla sua fidanzata le prove delle ultime fotografie che riuscirò a sviluppare e che le interesserebbero. Mostra una grande emozione mentre mi parla; non è la paura dei pericoli che sta per affrontare, ma altri sentimenti che lo agitano in questo momento. È facile per me indovinare quali sono.

 

Quando rivedrà quell’affascinante ragazza svedese, la cui fotografia che mi ha mostrato così spesso e che porta nel suo cuore?

 

Per quanti giorni, per quanti mesi aspetterà con ansia senza ricevere notizie?

 

Quale ansia, quale suspense attende quella povera fanciulla?




Ma quale gioia seguirà il glorioso ritorno del suo amato! Quali saldi legami di affetto li uniranno dopo questa lunga, dura separazione!

 

Oh! come auguro loro questa felicità con tutto il cuore!

 

Molto commosso anch’io, stringo convulsamente la mano del mio amico, che sta lasciando tutto ciò che ha di più caro al mondo per il glorioso compimento di un’impresa scientifica, e con un’ultima stretta gli prometto ancora una volta che il suo desiderio sarà un sacro dovere verso di me!




Mi dà un’ultima lettera per la sua fidanzata; poi, controllando l’emozione che stava prendendo il sopravvento, raggiunge Andrée e Fraenkel, che si congedano anche loro dai loro amici.

 

Andrée ringrazia tutti i membri della spedizione per l'aiuto che gli hanno prestato nella sua impresa. Dà al capitano parecchi telegrammi scritti frettolosamente all’ultimo minuto; uno, indirizzato al re di Svezia, è così formulato:

 

Spitzbergen , 11 luglio , 14:25

 

“Al momento della loro partenza, i membri della spedizione al Polo Nord pregano Vostra Maestà di accettare i umilissimi saluti e l’assicurazione della loro più profonda gratitudine”.

 

Andrée




Un altro telegramma, indirizzato all’Aftonbladet di Stoccolma, diceva:

 

“In accordo con la nostra decisione precedentemente presa, abbiamo iniziato domenica, alle 10:45, i preparativi per la nostra salita, e in questo momento, le 14:30, siamo pronti per iniziare. Probabilmente verremo spinti in direzione nord-nord-est. Speriamo di raggiungere gradualmente le regioni dove i venti ci saranno più favorevoli. A nome di tutti i nostri compagni, invio i nostri più cordiali saluti ai nostri amici e al nostro paese!”

 

Andrée.




Gli ultimi addii sono brevi e commoventi; si scambiano poche parole, ma strette di mano fra coloro i cui cuori sono in sintonia dicono più delle parole.

 

All’improvviso Andrée si strappa dagli abbracci dei suoi amici, e prende posto sul ponte di vimini della macchina, da dove grida con voce ferma:

 

‘Strindberg,... Fraenkel,... andiamo!’

 

I suoi due compagni prendono subito posto accanto a lui. Sono tutti e tre armati di coltello per tagliare le funi che sostengono i gruppi di sacchi di zavorra.




Fatto ciò, il capitano Ehrensvärd e i luogotenenti Norselius e Celsing impartiscono ai loro marinai ordini che vengono immediatamente eseguiti.

 

Le cinghie equatoriali cadono in un colpo solo.

 

Il pallone, liberato da questo vincolo, si muove leggermente; esce dallo stato di torpore in cui sembrava immerso; ora sembra aver preso vita e, nonostante il suo riparo, rotola grandemente sui suoi ormeggi inferiori, dai quali cerca di liberarsi.

 

Aspettiamo qualche secondo, per cogliere un momento di calma, prima che venga dato l’ordine di partire.

 

Tre dei marinai più abili, armati di coltelli, si tengono pronti, a un dato segnale, a tagliare i tre cavi dai quali solo ora è tenuto prigioniero dell'aerostato.




Presenti l’intero equipaggio della Svensksund e anche gli equipaggi delle tre baleniere norvegesi ancorate a Virgo Bay. 

 

C’è un silenzio profondo in questo momento; si sente solo il sibilo del vento attraverso la boiserie del capannone, e lo sbattere della tela, che pende sulla parte alta del lato sud.

 

Tra le corde dell’auto si vedono i tre eroi, ammirevolmente calmi e calmi.

 

Andrée è sempre calmo, freddo e impassibile. Nessuna traccia di emozione è visibile sul suo volto; nient’altro che un’espressione di ferma determinazione e di una volontà indomita.

 

È l’uomo giusto per una simile impresa; ed è ben assecondato dai suoi due compagni.




Finalmente arriva il momento decisivo.

 

‘Uno! Due! Taglio!’

 

grida Andrée in svedese.

 

I tre marinai obbediscono simultaneamente all’ordine, e in un secondo la nave aerea, libera e senza ostacoli, si erge maestosa nello spazio, salutata con le nostre più calorose acclamazioni.

 

Corriamo alle porte per uscire dal capannone. Ho la possibilità di uscire prima attraverso un’apertura segreta che ho praticato nella falegnameria, così da poter correre al mio apparato fotografico e avere il tempo di scattare qualche fotografia di questo momento stupendo.




Essere ingombrato con il pesante cordame che porta con sé, l'aerostato non raggiunge un’altezza di 328 piedi.

 

È trascinato dal vento.

 

Dietro la montagna che ci ripara infuriano venti tempestosi, e una corrente d’aria scende dalla vetta e attacca il pallone, che per un attimo scende rapido verso il mare. Questo incidente, che avevamo previsto prima della partenza, ma la cui causa naturale ha colpito al momento pochi spettatori, produce una grande eccitazione tra alcuni di noi.




I marinai si precipitano alle barche per essere pronti a prestare assistenza agli esploratori, che si aspettano di vedere inghiottiti dalle onde. Il loro allarme fu di breve durata; il movimento di discesa diventa presto più lento e l’auto tocca appena l’acqua e risale immediatamente.

 

Purtroppo a riva sono rimaste le parti inferiori delle funi-guida, che erano fatte in modo da staccarsi in caso di impigliamento nel terreno. All’inizio le funi si sono impigliate in alcuni scogli a riva, e le viti per separare le parti hanno funzionato. Ma Andrée è ben fornito contro questa perdita, quindi questo incidente non avrà conseguenze gravi.

 

In riva all’acqua, sulla spiaggia costellata di scogli e grossi sassi, restiamo tutti a guardare senza fiato le varie fasi, che si susseguono rapidamente, dell’inizio di questo emozionante e inedito viaggio aereo.




L’aerostato, che ora si è raddrizzato a circa 50 metri sopra il livello del mare, si allontana rapidamente; le funi-guida scivolano sull’acqua, formando una scia molto percettibile, visibile dal punto di partenza, come la pista tracciata da una nave. Lo stato delle cose a riva ci sembra il migliore che si possa sperare. Scambiamo gli ultimi segnali di addio con i nostri amici; cappelli e fazzoletti si agitano freneticamente.

 

Presto non riusciamo più a distinguere gli aeronauti; ma si vede che stanno sistemando le vele, poiché queste ultime sono disposte in successione sul loro albero di bambù; poi osserviamo un cambio di direzione.

 

L’aerostato ora sta viaggiando dritto verso nord; procede veloce, nonostante la resistenza che deve offrire le funi di trascinamento; stimiamo la sua velocità da 18 a 22 miglia orarie. Se mantiene questa velocità iniziale e nella stessa direzione, raggiungerà il Polo in meno di due giorni.

 

Il globo aereo ora non sembra più grande di un uovo.




All’orizzonte appare un ostacolo nel percorso; questa è la continuazione di una catena di montagne alte circa 328 piedi proprio nel percorso del pallone, che sembra molto vicino all’ostacolo, e alcuni dei marinai intorno a me, che non hanno mai visto un pallone compiere il suo viaggio, sembrano assaliti da un grande terrore; pensano che l’aerostato sarà irrimediabilmente distrutto.

 

Li rassicuro, dicendo loro che l’aerostato è ancora lontano dalle colline, che saranno facilmente superate, senza che ci sia nemmeno bisogno di buttare via la zavorra.

 

Il pallone prosegue il viaggio, mantenuto alla stessa quota dalle funi guida. Nelle vicinanze delle colline c’è una corrente d’aria ascendente; il pallone seguirà questo; rischierebbe di urtare contro l’ostacolo solo se il movimento fosse verso il basso, il che non è il caso. Inoltre, le funi guida si appoggiano prima sulle rocce e quindi alleggeriscono il pallone, che gradualmente si alza.




Lo vediamo nitido in cima alla collina, e per qualche minuto risaltiamo nettamente contro l’azzurro cielo, per poi scomparire lentamente dalla nostra vista dietro la collina.

 

Sparsi lungo la riva, stiamo immobili, con il cuore pieno e gli occhi ansiosi, guardando l’orizzonte silenzioso.

 

Per un attimo poi, tra due colline, percepiamo un puntino grigio sul mare, molto, molto lontano, e poi finalmente scompare.

 

La strada per il Polo è chiara, niente più ostacoli da incontrare; il mare, il ghiacciaio e l’Ignoto!

 

Ci guardiamo un attimo, stupefatti.




Istintivamente disegniamo qualche fotogramma dell’evento insieme senza dire una parola. Non c’è niente, niente in lontananza che ci dica dove sono i nostri amici; ora sono avvolti nel mistero.

 

“Addio! Addio! Vi accompagnino le nostre preghiere più fervide. Che Dio ti aiuti! Onore e gloria ai vostri nomi!”

 

La vera Conquista è appena iniziata.




Flammirion alcuni mesi dopo alla fine del mondo sentenziò a Ragione, che dell’epoca di cotal ispirazione non rimarrà che gas e tenebra!

 

Shiel, dopo di lui, intravide la fine del Mondo, l’Apocalisse purpurea.

 

L’Italia, più coraggiosa, attende un più Nobile evento posto in ugual medesimo inizio della fine; l’aerostato nel frattempo, a regolari intervalli, viene gonfiato per il bene del Progresso.

 

Dedicato agli odierni equipaggi della Vergine, che in cotal Cielo aspireranno alle agognate, non men che respirate come ispirate, appestate avvelenate tenebre così saggiamente seminate!   









 

Nessun commento:

Posta un commento