giuliano

giuliano
IL TOMO

venerdì 13 marzo 2020

A CENA CON BOLSONARO (Contro ogni etica) (10)















Precedenti capitoli:

Per quanto detto... (8/9)  &









D'Anguillara siamo (nè!)

Prosegue nelle...:















Statistiche (11)














Donald Trump ha un repertorio limitato. Quando si tratta di governare, fa cinque cose: eseguire grandi gesti, offuscare e mentire, impegnarsi nell’elogio di sé, alimentare la paura e lanciare minacce.

I primi quattro erano in mostra nel discorso di mercoledì sera del presidente sulla crisi del coronavirus.

Il grande gesto è stato l’annuncio del divieto ai viaggiatori che arrivano dall’Europa. L’offuscamento e la menzogna arrivarono quando si vantava di ‘rispondere con grande velocità e professionalità’ e prometteva test più diffusi, terapie antivirali efficaci e che le compagnie assicurative avrebbero rinunciato a tutti i cofinanziamenti per i trattamenti. Queste promesse si sono mescolate senza soluzione di continuità all’auto-elogio, che includeva definire lo sforzo americano ‘il più aggressivo e comprensivo’, sostenendo di aver gestito il coronavirus meglio di quanto abbiano fatto i paesi europei e assicurando al suo pubblico che gli Stati Uniti sono ben preparati.




Niente di tutto questo è vero.

Alla fine, la paura è arrivata quando Trump ha chiamato covid-19 un ‘virus straniero’, puntando il dito verso l’Europa. Sorprendentemente, Trump non ha colto l’occasione per minacciare i democratici o i media o incolparli per la pandemia, ma lo ha già fatto e sicuramente lo farà di nuovo.

Pare che Trump abbia letto da un telemonitor gli eventi citati nel discorso alla nazione di mercoledì sera, nulla di più!

Dopo settimane di evasione dalla minaccia di una pandemia e di continuate ossessioni per le sue personali lamentele, alla fine ‘tuonò’ grave all’intero popolo del mondo la propria ‘sceneggiatura’.




L’ex governatore repubblicano dell’Ohio John Kasich, per esempio, ha difeso Trump alla CNN, dicendo che

‘ha fatto bene’, giacché il presidente ha letto  una sceneggiatura ben collaudata di un film già visto: come attore di teatro è stato più che bravo!’.

Ma proprio perché Trump non era nel peggiore dei casi - solo nella sua normale menzogna e il suo auto -esaltarsi - nella straordinaria situazione di una pandemia, ciò a cui stiamo assistendo è il picco da Oscar di Trump.




Scrivere il commentatore conservatore David Frum elencando le cose che Trump non è riuscito a fare nel suo discorso:

Non ha offerto assistenza alle autorità locali su questioni come eventi pubblici e chiusure di scuole.

Non ha tenuto conto di ciò che è andato storto nella risposta federale affrontata finora.

Non ha fornito dettagli sui piani del governo per aiutare le persone che dovranno certamente affrontare difficoltà finanziarie estreme a causa della crisi.




In altre parole, l’unico attributo della leadership politica osservabile mercoledì è la capacità di Trump di leggere da un teleprompter. Nel frattempo, la nostra mancanza di un vero presidente funzionante ha rallentato le risposte locali. L’abitudine di Trump di offuscare ed annebbiare si è tradotta nella classificazione di informazioni essenziali, che ostacolano anche la capacità del paese di affrontare il virus. E naturalmente, le conseguenze immediate del picco di Trumpismo nella sfera pubblica sono ugualmente prevedibili ed eminentemente osservabili: informazioni insufficienti, informazioni false e informazioni confuse sulla pandemia.

Fox News ha fatto eco in gran parte alla messaggistica di Trump su Twitter, minimizzando la gravità della minaccia covid-19. Un diverso tipo di disinformazione si è diffuso sotto forma di lettere e post sui social media scritti da pseudoscienziati, incluso uno pieno di consigli inutili attribuiti, falsamente, a qualcuno di Stanford. (ho anche visto questa lettera in russo, attribuita a un medico russo per le malattie infettive.) Poi ci sono le false informazioni diffuse dallo stesso Trump e diramate dal vicepresidente Mike Pence, che è andato alla CNN per continuare a confondere le acque dove Trump ha lasciato lacune.




Infine, ci sono le informazioni confuse che emergono come quella praticata dal Times, che crea false equivalenze tra le bugie di Trump e fatti scientifici.

Prendi questo titolo:

‘Trump sospende la maggior parte dei viaggi dall’Europa per cercare di limitare i virus’.

Questo è una parafrasi abbastanza vicina a ciò che Trump ha detto. Ma Trump crede davvero a ciò che sta facendo?

“Nessuno pensa che questa politica abbia nulla a che fare con la salute pubblica”,

…ha scritto Gregg Gonsalves, l’epidemiologo, il professore di Yale e MacArthur Fellow, su Facebook…




La risposta di trumpiana a covid-19 è stata confrontata alla risposta del governo sovietico all’incidente nella centrale di Chernobyl, nel 1986. Per una volta, questo confronto non è inverosimile.

Le persone più a rischio non ricevono informazioni necessarie, potenzialmente salvavita; il governo ha la responsabilità di non informare le persone e di sopprimere attivamente le informazioni; c’è voce e paura da una parte e pericoloso oblio dall’altra.

A dire il vero, gli americani nel 2020 hanno molto più accesso alle informazioni rispetto ai cittadini sovietici nel 1986. Ma l’amministrazione Trump condivide due aspetti chiave con il governo sovietico:

totale disprezzo per la vita umana; e un’attenzione monomaniacale al piacere del loro leader, che desidera solo apparire bello e potente.

Queste sono le caratteristiche della leadership totalitaria.




Sappiamo da tempo che Trump ha istinti totalitari, che vorrebbe stabilire il controllo totale su una società mobilitata se solo tale opzione fosse disponibile per lui. Fortunatamente per noi, per quanto si siano rivelate deboli istituzioni americane, siamo stati molto lontani dalla possibilità del totalitarismo. Ma il coronavirus ci ha fatto fare un passo avanti.

In ‘Le origini del totalitarismo’, Hannah Arendt ha identificato un presupposto chiave:

‘Solo dove le grandi masse sono superflue o possono essere risparmiate senza disastrosi risultati dello spopolamento è la regola totalitaria, in quanto distinta da un movimento totalitario, per quanto possibile’,

ha scritto.

Stava parlando del terrore statale, che è possibile solo quando un regime è disposto a sacrificare milioni di persone.

Ma una pandemia esercita anche terrore.




Il terrore è efficace quando ogni persona nella popolazione ha una paura credibile di soffrire e morire. Certo, covid-19 non viene scatenato dallo stato sotto la copertura dell’ideologia, e questa è una distinzione significativa. Qualunque sia lo scenario peggiore, non è il totalitarismo del ventesimo secolo. Ma una popolazione presa dal terrore crea straordinarie opportunità per questo presidente, che si è aperto a tentoni verso il dominio autocratico.

Il più grande dono che la pandemia può dare a Trump è l’opportunità di avvolgere un numero sempre maggiore di persone nella sua realtà. Negli ultimi tre anni abbiamo vissuto in un’America biforcata, dove parte della popolazione crede a tutto ciò che dice Trump, anche quando mente sul tempo, e l’altra parte vive nella tensione tra fatti osservabili e bugie di Trump. Rimanere sani di mente in questa realtà divisa da uno schermo è abbastanza difficile senza l’ansia esistenziale indotta da una pandemia. L’ansia è sempre amica dell’autocrate. Vivendo in una nebbia dove nessuno sa chi credere o trova terrificante la realtà basata sui fatti, sempre più persone possono ascoltare il richiamo del truffatore in capo.




Altri amici dell’autocrate, contro-intuitivamente, sono un’economia di carri armati e un ambiente modificato dal trampismo. L’incapacità di pianificare, di avere la certezza di poter nutrire la propria famiglia oggi e domani, produce più ansia e paura del cambiamento. Arendt ha scritto dei modi in cui i regimi totalitari strumentalizzano l’instabilità e allo stesso tempo pendono la promessa di stabilità. Qualunque cosa accada, Trump continuerà a sostenere che la nostra economia è la più forte e che siamo il paese meglio preparato e meglio protetto. Il suo avversario democratico farà sicuramente affermazioni più realistiche, quindi meno ottimistiche, e questo può trarre beneficio da Trump. In ogni caso, la saggezza convenzionale secondo cui una cattiva economia minerà le possibilità di rielezione di Trump potrebbe non reggere.

Quindi cosa facciamo?

Dobbiamo fare molto di più che lavarci le mani ed evitare grandi folle.

Dobbiamo renderci conto che questa pandemia, come qualsiasi altra, è un problema politico e un’opportunità politica. Questo è il momento di parlare di come viviamo insieme in questo paese, cosa difficile da fare per gli americani. La nostra cultura premia l’azione individuale e privilegia la sopravvivenza individuale.




Sia i giornalisti che i politici hanno un ‘default’ nel formulare le notizie che si possono usare, dicendo alle persone cosa dovrebbero fare, personalmente, per essere al sicuro ed essere cittadini responsabili: resta a casa se sei malato, per esempio. La vera domanda, tuttavia sono:

Come gestiamo tutto ciò come società e comunità?

 Quali sono le opportunità di mutuo soccorso e cura anche tra le richieste di allontanamento sociale?

Qual è la risposta che crea, dall’altra parte di questa epidemia, non una raccolta di individui atomizzati sopravvissuti a una pestilenza ma una politica i cui membri si sono aiutati l’un l’altro a vivere?

I leader politici che possono ispirare e informare una simile conversazione - e una tale risposta - sono anche quelli che possono guidarci fuori dal trumpismo.

Intanto il nuovo coronavirus, covid-19, si diffonde in tutto il mondo, i governi hanno adottato misure sempre più severe per limitare il tasso di infezione del virus. La Cina, dove ha avuto origine, ha istituito quarantene in aree con un gran numero di casi e l’Italia - che ora sta affrontando forse la minaccia più grave al di fuori della Cina - è completamente in quarantena.




Negli Stati Uniti, la Guardia Nazionale è stata schierata per gestire una ‘zona di contenimento’ a New Rochelle, New York, dove è emerso uno dei più grandi cluster del paese. Con l’aumentare del numero di casi, presto affronteremo le decisioni sulla limitazione dei movimenti e, potenzialmente, sul razionamento delle forniture e dello spazio ospedaliero. Tali questioni saranno decise ai massimi livelli dai politici, ma sono spesso influenzate dai principi etici medici, che consigliano i governi e le altre istituzioni sul modo di come al meglio gestire le emergenze mediche.

Uno di quegli etici, con cui ho parlato di recente al telefono, è Christine Mitchell, direttrice esecutiva del Center for Bioethics della Harvard Medical School. Mitchell, che ha conseguito un master in infermieristica, etica filosofica e religiosa, è stata un’etica clinica per trent’anni. Ha fondato il programma di etica al Boston Children’s Hospital e ha prestato servizio in commissioni nazionali ed internazionali di etica medica. Durante la nostra conversazione, che è stata elaborata per la lunghezza e la chiarezza, abbiamo discusso su quali principi etici tendano a concentrarsi durante una crisi sanitaria, su come l’accesso all’assistenza sanitaria esistente influenzi la risposta alla crisi e l’importanza delle istituzioni che parlano attraverso le implicazioni etiche delle loro decisioni.




Quale problema relativo al coronavirus ha occupato di più il tuo spazio mentale nelle ultime settimane?

Una delle cose a cui penso ma di cui spesso non abbiamo l’opportunità di parlare, quando ci concentriamo principalmente su ciò che i clinici stanno facendo e cercando di prepararsi, è il modo più generale in cui ciò influisce sulla nostra società. Le persone si ammalano là fuori nel mondo reale, e poi vengono nei nostri ospedali, ma, quando sono malate, un sacco di loro non hanno un’assicurazione sanitaria, o hanno paura di venire in ospedale, oppure non hanno una copertura per il tempo di malattia o prendersi un giorno libero quando il loro bambino è malato, quindi lo mandano a scuola. Quindi tutti questi hanno influenze molto significative sulla nostra capacità di gestire la salute della popolazione e la trasmissione della comunità che non sono cose che gli infermieri, i medici e le persone che lavorano negli ospedali e nelle cliniche di cura acuta possono davvero influenzare.

C’è qualcosa di specifico in una pandemia o qualcosa come il coronavirus che rende questi problemi particolarmente acuti?

Se una persona non ha un’assicurazione sanitaria e non viene sottoposta a test o cure e se non ha una copertura in caso di malattia e non può lasciare il lavoro, quindi insegna in una scuola o lavora in un ristorante o eventi che hanno un gran numero di persone, questi sono tutti modi in cui deve essere gestita la diffusione di un virus come questo - e tuttavia non può essere gestita in modo efficace a causa delle nostre politiche di assistenza sociale, non solo della nostra salute risorse sanitarie.

Quando hai esaminato la risposta del nostro governo, in un posto come lo Stato di Washington o a New York City, quali cose, dal punto di vista medico-etico, stai notando che sono buoni o forse non così buoni?

Per essere sincera e, probabilmente, per usare un linguaggio troppo acuto per la pubblicazione, sono sconvolta. Non ci siamo preparati. Abbiamo avuto epidemie: sars nel 2003, H1N1 nel 2009, Ebola nel 2013, Zika nel 2016. Lo abbiamo saputo e la popolazione in qualche modo lo ha saputo. Hanno anche film come ‘Contagion’ che ha fatto un ottimo lavoro nel condividere pubblicamente come è stato, sebbene sia immaginario, e che avremmo avuto questo tipo di malattie infettive in una comunità globale che dobbiamo essere pronti a gestire. E nella maggior parte dei casi non ci siamo preparati come avremmo dovuto.

Ma la cosa su questa amministrazione che forse mi preoccupa di più è una fondamentale mancanza di rispetto per la scienza e i fatti.

Gestire la crisi da una prospettiva di pubbliche relazioni e da una prospettiva economica, la prospettiva di Dow Jones è importante, ma non dovrebbe confondere i fatti. E questo è il prezzo che mi fa sentire più preoccupata, e non solo come etico. E poi, ovviamente, voglio vedere l’educazione pubblica e le informazioni che sono immediate e aiutano le persone a ottenere le cure di cui si ha bisogno. Ma la mancanza di rispetto per il pubblico, e non fornire informazioni oneste, lo è. . . sì, è piuttosto sconcertante.

Cosa direbbe un consigliere etico dello Stato di Washington o di New York ai politici?

Una delle cose di cui parliamo con i filosofi sono le differenze tra qualcosa come un semplice approccio egualitario, in cui la vita di tutti è uguale e non fai distinzioni tra le persone su come collocare le risorse, o molto di più, in qualche modo, l’approccio difendibile in una situazione come questa, che è di pensare a massimizzare il numero di vite salvate - che sono sicura, dagli anni di corsi di filosofia universitaria si sono involuti in approcci utilitaristici. Quindi molti di noi si sono relativizzati e mi sarei messo in questo campo, in una sorta di approccio prioritario, in cui entrambi vogliamo riconoscere che l’obiettivo primario è massimizzare la salute del pubblico e il numero di vite salvate.











Nessun commento:

Posta un commento