giuliano

giuliano
IL TOMO

venerdì 12 aprile 2013

INTANTO JESSE....(lavorava...) (79)













Precedenti capitoli:

la febbre dell'oro (78)

Negli stessi anni (gli stati da fare)

Prosegue in:

Negli stessi anni: sistemi di allarme (80)








Intanto Jesse James ben sponsorizzato e fiancheggiato...
non si comportava da uomo che teme la morte.
Come un drogato incapace di controllarsi, si abbandona
 ai vizi della sua vita di brigante come mai prima di al-
lora.
Giocava così spesso e senza ritegno che persino la quie-
ta Zee, che aveva sopportato tanto nel corso degli anni,
cominciò a lamentarsi.
Nella primavera del 1880 Jesse tornò nel Missouri per
darsi alla pazza gioia con i suoi seguaci e parassiti, com-
preso Jim Cummins, un vecchio compagno dei tempi del-
la guerra... o guerriglia...il saccheggio insomma...




A partire da Maggio ed Aprile fino all'Agosto del 1880
si tuffò in una serie di rapine con una frequenza senza
precedenti.
Appena due settimane dopo il loro arrivo a casa, lui e
Liddil andarono alla fattoria di George Hite nel Kentu-
cky a prendere Ryan per una nuova operazione: Jesse
progettava di fermare la diligenza dei turisti a Mommo-
th Cave.
Tuttavia un temporale lo indusse a rimandare le cose e
Liddil andò in Tennesse. Una decina di giorni dopo Jes-
se e Ryan tornarono a Nashville con un sacco di contan-
ti e preziosi.




Il 3 settembre, avevano assalito una diligenza piena di
gente davanti alla grotta. Raccontarono ridendo che a-
vevano costretto un predicatore a bere whisky. Jesse
frugò nel bottino e ne estrasse un bell'anello di brillanti
che aveva fatto ridurre a misura per Zee.
Poi ripartì con il suo piccolo gruppo, con gli altri brillan-
ti voleva fare una collana di perle per una sua amica sco-
nosciuta....
Poi ancora il suo piccolo gruppo ripartì, questa volta per
rapinare un negozio di proprietà di John Dovey nella cit-
tà mineraria di Mercer, in Kentucky.




Il 15 ottobre fecero irruzione nel locale, mancando di
poco le paghe dei minatori che dovevano essere depo-
sitate nella cassaforte di Dovey, non furono ritrovati i
basisti, e l'operazione fu eseguita con tale precisione
da farla assomigliare ad ...una azione militare.....
Jesse passò di crimine in crimine, spinto da un impul-
so irresistibile.
Al loro ritorno alla fattoria Hite dopo la rapina al nego-
zio di Dovey, Ryan partì per Nashville in un carrozzino
con Clarence Hite, il fratello minore di Wood. Ma Jes-
se voleva di nuovo tentare la fortuna.




Portò Liddil in campagna per assalire una diligenza.
Strada facendo incontrarono due uomini a cavallo in un
viottolo e Jesse decise di derubarli. Ma le vittime desi-
gnate estrassero immediatamente le rivoltelle ed entram-
be le parti aprirono il fuoco........
(Jesse James, Storia del bandito ribelle, T.J. Stiles)











Nessun commento:

Posta un commento