giuliano

giuliano
IL TOMO

domenica 7 febbraio 2021

COSA E' SUCCESSO SULL'HIMALAYA?!

 










Prosegue con...:








L' "Ode del Carbonaro dimenticato" (2)








Mentre una parte del ghiacciaio Nanda Devi si è interrotta domenica nel distretto di Chamoli nell’Uttarakhand, portando a massicce inondazioni (GUARDA IL VIDEO), uno studio pubblicato nel 2019 aveva avvertito che i ghiacciai himalayani si sono sciolti due volte più velocemente dall’inizio di questo secolo a causa dei cambiamenti climatici.

 

Il crollo del ghiacciaio a Joshimath domenica ha portato a una massiccia inondazione nel fiume Dhauli Ganga e ha causato devastazioni su larga scala nella parte superiore dell’Himalaya ecologicamente fragile.




Lo studio del 2019, che copre 40 anni di osservazioni satellitari in India, Cina, Nepal e Bhutan, indica che il cambiamento climatico sta divorando i ghiacciai dell’Himalaya, come hanno previsto i ricercatori.

 

Lo studio, pubblicato sulla rivista Science Advances nel giugno 2019, mostra che i ghiacciai hanno perso l’equivalente di più di un piede verticale e metà di ghiaccio ogni anno dal 2000, il doppio della quantità di scioglimento avvenuta dal 1975 al 2000.

 

‘Questo è il quadro più chiaro ancora di quanto velocemente i ghiacciai himalayani si stanno sciogliendo in questo intervallo di tempo, e perché’,




 …ha detto Joshua Maurer, un dottorando presso la Columbia University negli Stati Uniti.

 

Sebbene non siano stati calcolati specificamente nello studio, i ghiacciai potrebbero aver perso fino a un quarto della loro enorme massa negli ultimi quattro decenni, ha affermato Maurer, autore principale dello studio.

 

I dati indicano che lo scioglimento è coerente nel tempo e nello spazio e che la colpa è dell’aumento delle temperature, hanno detto i ricercatori.

 

Le temperature variano da luogo a luogo, ma dal 2000 al 2016 sono state in media di un grado Celsius più alte di quelle dal 1975 al 2000, hanno detto.




I ricercatori hanno analizzato le immagini satellitari ripetute di circa 650 ghiacciai che si estendono per 2.000 chilometri da ovest a est.

 

Molte delle osservazioni del 20° secolo provenivano da immagini fotografiche declassificate scattate dai satelliti spia statunitensi.

 

Hanno creato un sistema automatizzato per trasformarli in modelli tridimensionali (3D) che potrebbero mostrare le altitudini mutevoli dei ghiacciai nel tempo.

 

I ricercatori hanno quindi confrontato queste immagini con i dati ottici successivi al 2000 provenienti da satelliti più sofisticati, che trasmettono in modo più diretto i cambiamenti di elevazione.




 Hanno scoperto che dal 1975 al 2000 i ghiacciai di tutta la regione hanno perso una media di circa 0,25 metri di ghiaccio ogni anno a fronte di un leggero riscaldamento.

 

A seguito di una tendenza al riscaldamento più pronunciata a partire dagli anni 90, a partire dal 2000 la perdita è accelerata fino a circa mezzo metro all’anno.

 

I ricercatori hanno notato che le nazioni asiatiche stanno bruciando carichi sempre maggiori di combustibili fossili e biomasse, inviando fuliggine nel cielo, aggiungendo che gran parte di essa alla fine atterra sulle superfici dei ghiacciai innevati, dove assorbe l'energia solare e accelera lo scioglimento.




Hanno compilato i dati sulla temperatura durante il periodo di studio dalle stazioni di terra e poi hanno calcolato la quantità di fusione che ci si aspetterebbe di produrre l’aumento di temperatura osservato.

 

Il team ha quindi confrontato queste cifre con ciò che è realmente accaduto.

 

‘Sembra proprio quello che ci aspetteremmo se il riscaldamento fosse il fattore principale della perdita di ghiaccio’,

 

…ha detto Maurer.

 

L’Himalaya generalmente non si sta sciogliendo velocemente come le Alpi, ma la progressione generale è simile, hanno detto i ricercatori.




Lo studio non ha incluso le enormi catene montuose adiacenti dell’Asia di alta montagna come il Pamir, l’Hindu Kush o il Tian Shan, ma altri studi suggeriscono che uno scioglimento simile è in corso anche lì.

 

I ricercatori hanno notato che circa 800 milioni di persone dipendono in parte dal deflusso stagionale dai ghiacciai himalayani per l’irrigazione, l’energia idroelettrica e l’acqua potabile.

 

Finora lo scioglimento accelerato sembra essere un dilavamento gonfio durante le stagioni calde, ma gli scienziati prevedono che questo diminuirà entro decenni man mano che i ghiacciai perdono massa.

 

Questo, hanno detto i ricercatori, alla fine porterà a carenze idriche.

 

‘A lungo termine, questo porterà a cambiamenti nei tempi e nell'entità del flusso di corrente in una regione densamente popolata’,

 

…ha detto Shea.




Una rottura glaciale nella zona Tapovan-Reni del distretto Chamoli di Uttarakhand domenica ha portato a massicce inondazioni nei fiumi Dhauli Ganga e Alaknanda, danneggiando le case e il vicino progetto energetico Rishiganga. Fonti hanno detto che c’erano 100 lavoratori nello sbarramento a Rishiganga di cui almeno 50 si teme morti. Circa 125 persone risultano disperse, secondo gli ultimi rapporti, anche se sette corpi sono stati ripescati.

 

Fonti hanno detto che le squadre dell’ITBP, che ha una base a Joshimath, a circa 26 km da Reni, insieme alle unità della State Disaster Response Force hanno raggiunto il posto. Anche le squadre della National Disaster Response Force di stanza in Uttarakhand sono partite per il posto, hanno detto fonti.




Intorno alle 10:45 si è verificata un’inondazione improvvisa nel fiume Rishiganga a causa della caduta del ghiacciaio nel fiume che ha aumentato esponenzialmente il volume dell’acqua. A causa di ciò il progetto idroelettrico di Rishiganga vicino al villaggio di Raini è stato completamente devastato. Anche il ponte BRO sull’autostrada Joshimath-Malaria è stato completamente spazzato via. C’erano sei allevatori con il loro bestiame e anche loro furono portati via da una piena. Rishiganga incontra Dhauli Ganga vicino a Raini. Quindi anche Dhauli Ganga è stata allagata. Anche le cinque-sei case del villaggio sono state spazzate via. C’era un progetto NTPC sul fiume Dhauli Ganga vicino a Tapovan. L’intero progetto è stato completamente devastato. Anche due ponti Jhulla che collegano villaggi sull’altra sponda del fiume sono stati spazzati via, ha detto un funzionario dell'ITBP.

 

Il portavoce dell’ITBP Vivek Pandey ha dichiarato:

 

‘Per ora sembra che il peggio sia passato poiché il flusso a valle in Alaknanda non sembra essere molto dannoso ed è sotto controllo. Tre squadre di personale ITBP, circa 250 uomini, sono attualmente impegnate nel soccorso’.




 NEW DELHI: Definiamo lo scoppio glaciale a Uttarakhand un incidente molto raro, gli scienziati domenica hanno detto che le immagini satellitari e di Google Earth non mostrano un lago glaciale vicino alla regione, ma c’era la possibilità di sacche d’acqua (laghi all’interno dei ghiacciai) che potrebbero essere scoppiate, portando a questo evento estremo anche se l’intera regione himalayana hindu-kush è emersa come hotspot del cambiamento climatico nel corso degli anni.

 

Anche se l’evento necessita di ulteriori analisi, è improbabile che si sia una ‘raffica di nuvole’ poiché i rapporti meteo nel distretto di Chamoli hanno mostrato tempo soleggiato fino a domenica senza record di precipitazioni. Il tempo asciutto prevarrà probabilmente su Uttarakhand anche lunedì. L’evento, tuttavia, ricorderà ai pianificatori indiani che la frontiera del cambiamento climatico potrebbe essere più vicina a causa di qualche lontana fusione di ghiaccio artico.




 ‘E’ una probabilità molto rara che un’esplosione glaciale possa accadere. C’è la possibilità di una sacca d’acqua nella regione che potrebbe essere scoppiata. Abbiamo bisogno di ulteriori analisi, rapporti meteorologici e dati per confermare se è stato davvero così’,

 

…ha dichiarato Mohammed Farooq Azam, assistente professore, glaciologia e idrologia, IIT Indore.

 

Tuttavia, non ha escludere la possibilità di una frana indotta da valanghe di neve.

 

‘Anche la nostra comprensione si sta evolvendo. Non c’è dubbio che il riscaldamento globale ha portato al riscaldamento della regione’,

 

…ha detto Azam.




 Il National Crisis Management Committee (NCMC) è stato informato durante la riunione di domenica che…

 

‘lo scoppio glaciale ha portato all’innalzamento del livello dell’acqua nel fiume Rishiganga, che ha spazzato via il piccolo progetto idroelettrico rishiganga di 13,2 mw’.

 

‘Non vi è alcun pericolo di inondazioni a valle e l’aumento del livello dell’acqua è stato contenuto, secondo le informazioni fornite dalla Central Water Commission (CWC). Non c’è alcuna minaccia anche per i villaggi vicini’,

 

….ha detto un comunicato ufficiale.




 L’impatto del riscaldamento globale sul ritiro glaciale è ben documentato.

 

Un recente rapporto di valutazione del Centro internazionale per lo sviluppo integrato della montagna (ICIMOD) - un organismo intergovernativo - ha mostrato che le temperature stavano aumentando nella regione himalayana dell’Hindu-Kush e questo, insieme agli aumenti della temperatura globale, avrà un impatto maggiore nella regione himalayana a causa del riscaldamento dipendente dall’elevazione.

 

‘Se il mondo può mantenere l’aumento della temperatura al di sotto di 1,5 gradi Celsius, nella regione HKH, si tradurrebbe in almeno un aumento di 1,8 gradi C, e in alcuni punti, anche le regioni himalayane sopra i 2,2 gradi C. Sono meno monitorate e questo evento mostra effettivamente quanto potremmo essere vulnerabili’,

 

…ha detto Anjal Prakash, direttore della ricerca e professore associato aggiunto presso la Indian School of Business di Hyderabad.

 

Prakash, autore principale coordinatore della relazione speciale dell’IPCC sugli oceani e la criosfera, ha dichiarato:

 

‘Vorrei chiedere al governo di spendere più risorse per monitorare meglio la regione in modo da avere maggiori informazioni sul processo di cambiamento. Il risultato sarà che siamo più consapevoli e possiamo sviluppare migliori pratiche di adattamento’.

 (Quotidiani locali 'indiani') 







Nessun commento:

Posta un commento