CHI DELLA FOLLA, INVECE,

CHI DELLA FOLLA, INVECE,
LA LIBRERIA DELLA LIBERA IDEA

venerdì 28 aprile 2023

LA BANALITA' DEL MALE

 














Precedenti capitoli 


circa la retorica 


Prosegue negli 


stessi anni...  







& con alcuni 


approfondimenti







Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto che così dispone: i residenti che non accettano la cittadinanza russa potranno essere deportati dai territori ucraini annessi.

 

Cos’altro dovrebbe fare per essere annoverato tra i dittatori?

 

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto che così dispone: i residenti che non accettano la cittadinanza russa potranno essere deportati dai territori ucraini annessi.

 

Il documento riguarda i cittadini ucraini o i titolari di passaporti dell’autoproclamato DPR e LPR (Donetsk e Lugansk, che ora Mosca considera territori annessi). Devono diventare cittadini della Russia o dichiarare esplicitamente il loro desiderio di non farlo. Chi sceglierà questa “opzione” sarà considerato straniero dal 1 ° luglio 2024 e, di conseguenza, potrebbe essere espulso dal territorio che le autorità russe considerano russo.

 

Un paragrafo separato del decreto riguarda la deportazione di coloro che “rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale” della Russia. I residenti delle regioni annesse che sostengono un “cambiamento violento nelle fondamenta dell’ordine costituzionale” in Russia, finanziano attività terroristiche ed estremiste o partecipano ad azioni “non autorizzate” saranno espulsi e banditi dal Paese.

 

COMMENTI SENZA COMMENTI, ovvero, 

 

LA BANALITA’ DEL MALE






PRIMA SOLUZIONE: ESPLULSIONE 

 

 

Ma poi, nel….,

 

tutto era cambiato di colpo.

 

Eichmann aveva convocato a Vienna i capi ebraici tedeschi per spiegar loro il suo nuovo metodo di ‘emigrazione forzata’.

 

Li aveva ricevuti seduto a un tavolo in una gran sala del Palazzo Rothschild, e gli ebrei lo avevano riconosciuto, naturalmente, ma l’avevano trovato completamente trasformato:

 

‘Dissi ai miei amici che non ero certo che fosse proprio lui. Tanto terribile era il cambiamento... Qui trovai un uomo che si comportava come il signore della vita e della morte. Ci ricevette con fare insolente e rude. Non permise che ci avvicinassimo al suo tavolo. Dovemmo restare in piedi’.

 

L’accusa e i giudici ritennero che la personalità di Eichmann avesse subito un profondo e permanente mutamento dopo la promozione a un posto di tanta responsabilità; eppure anche qui il processo mostrò che egli aveva dei ‘ritorni’, e che le cose non erano così semplici: un testimone, per esempio, parlando di un colloquio avuto con Eichmann a Theresienstadt nel marzo del 1945, disse d’avere avuto modo di constatare in quell’occasione come egli s’interessasse molto del sionismo; la conversazione era stata ‘piacevolissima’, il comportamento di Eichmann era stato ‘gentile e rispettoso’, e il testimone, che era a quel tempo membro di un’organizzazione giovanile sionista, aveva ottenuto un certificato per poter entrare in Palestina (strano a dirsi, l’avvocato difensore nella sua arringa non accennò mai a questa deposizione).

 

Qualunque cosa si debba pensare della ‘trasformazione’ di Eichmann a Vienna, non c’è dubbio che quella nomina segnò il vero inizio della sua carriera.

 

Tra il 1937 e il 1941 egli ebbe quattro promozioni; nel giro di quattordici mesi salì da Untersturm führer a Hauptsturm führer (cioè da sottotenente a capitano), e di lí a un anno e mezzo divenne Obersturmbann führer, ossia tenente colonnello. Ciò accadde nell’ottobre del 1941, poco dopo che gli era stata assegnata, nel quadro della ‘soluzione finale’, quella mansione che l’avrebbe portato dinanzi al Tribunale distrettuale di Gerusalemme.

 

Ma qui, con suo gran dolore, si arenò: si accorse che nella sezione in cui lavorava non poteva più salire di grado. Se ne accorse tuttavia solo all’ultimo momento, e per quattro anni, non sospettando ancora nulla, rimase lui stesso stupito della rapidità della sua ascesa. A Vienna aveva dato prova di decisione, e ora veniva riconosciuto non solo un ‘esperto in questioni ebraiche’, cioè negli intrighi delle organizzazioni ebraiche e dei partiti sionisti, ma anche una autorità in fatto di emigrazioni e di evacuazione, il “maestro” che sapeva come va smistata la gente.

 

Il suo momento di maggior gloria fu poco dopo la Kristallnacht, nel novembre del 1938, quando gli ebrei vennero presi dalla frenesia di fuggire. Göring, probabilmente dietro suggerimento di Heydrich, decise d’istituire a Berlino un Centro nazionale per l’emigrazione degli ebrei, ed emanò un ordine in cui l’ufficio viennese di Eichmann fu esplicitamente menzionato come modello da seguire. Capo dell’ufficio berlinese non sarebbe stato però Eichmann, bensì il suo futuro superiore, Heinrich Müller, altra scoperta di Heydrich. Müller, che era un funzionario della polizia bavarese e che non era nemmeno iscritto al partito, e anzi fino al 1933 aveva avversato il nazismo, era stato infatti chiamato proprio da Heydrich a Berlino, presso la Gestapo, essendo notoriamente un esperto del sistema poliziesco della Russia sovietica. Anche per lui, benché la carica iniziale fosse piuttosto modesta, fu quello il principio di una luminosa carriera.

 




 

 SECONDA SOLUZIONE: CONCENTRAMENTO

 

 

Fu soltanto quando scoppiò la guerra (1 sett. 1939) che il regime nazista divenne scopertamente totalitario e criminale. Uno dei passi più importanti in questa direzione, sul piano organizzativo, fu il decreto, firmato da Himmler, che fuse il Servizio di sicurezza delle SS, che era un organo del partito ea cui Eichmann apparteneva fin dal 1934, con la polizia di sicurezza dello Stato, cioè con la polizia regolare, che comprendeva anche la polizia segreta dello Stato o Gestapo.

 

Da questa fusione nacque l’Ufficio centrale per la sicuezza del Reich (RSHA), il cui primo capo fu Reinhardt Heydrich. L’RSHA, inoltre era soltanto uno dei dodici uffici centrali delle SS: i più importanti erano l’Ufficio centrale dell’ordine pubblico, diretto dal generale Kurt Daluege, che si occupava di rastrellare gli ebrei, e l’ufficio centrale dell’amministrazione e dell’economia diretto da Oswald Pohl, che si occupava dei campi di concentramento e più tardi s’interessò degli aspetti ‘economici’ dello sterminio. Questa concretezza o oggettività, parlare dei campi di concentramento in termini di AMMINISTRAZIONE e dei campi di sterminio di ECONOMIA, era tipica della mentalità delle SS, ed era una cosa a cui Eichmann, al processo, si mostrò ancora QUANTO MAI FIERO.




 

LA SOLUZIONE FINALE: LO STERMINIO

 

 

Nel colloquio che ebbe con Eichmann, Heydrich cominciò con un discorso sull’emigrazione… e poi disse:

 

Il Fuhrer ha ordinato lo sterminio fisico degli ebrei.

 

Poi alla fine Heydrich gli disse anche un’altra cosa, e cioè che tuttala faccenda era stata posta sotto l’autorità del WVHA e che il nome convenzionale di tutta l’operazione sarebbe stato ‘SOLUZIONE FINALE’.

 

Nel marzo del 1941, circa sei mesi prima di questo colloquio tra Heydrich ed Eichmann, nelle alte sfere del partito non era più un segreto che gli ebrei dovevano essere sterminati. Inoltre, tutta la corrispondenza relativa alla questione doveva rispettare rigorosamente un determinato ‘gergo’, e se si accentuano i rapporti degli Einsatzgruppen è raro trovare documenti in cui figurino le parole come ‘sterminio’, ‘liquidazione’, ‘uccisione’.

 

Invece di dire uccisione si dovevano usare termini come ‘soluzione finale’, ‘evacuazione’ e ‘trattamento speciale’; invece di dire ‘deportazione’ bisognava usare parole come ‘trasferimento’ o ‘lavoro in oriente’, oppure, se si parlava di persone dirette a Thereisienstadt (il ghetto dei vecchi), si doveva dire ‘cambiamento di residenza’ in modo di dare l’impressione che si trattasse di provvedimenti temporanei. 




  

I DOVERI DI UN CITTADINO

 

 

Eichmann ebbe molte occasioni di sentirsi come Ponzio Pilato, e col passare dei mesi e degli anni non ebbe più bisogno di pensare. Così stavano le cose, questa era la nuova regola, e qualunque cosa facesse, a suo avviso la faceva come cittadino LIGIO ALLA LEGGE.

 

Alla polizia e alla Corte disse e ripeté di aver fatto il suo dovere, di avere obbedito non soltanto a ordini, ma anche alla legge.

 

Eichmann aveva la vaga sensazione che questa fosse una distinzione importante, ma né la difesa né i giudici cercarono di sviscerare tale punto. I logori temi degli ‘ordini superiori’ oppure delle ‘azioni di stato’ furono discussi in lungo e in largo: essi già avevano dominato tutti i dibattiti al processo di Norimberga, per la semplice ragione che davano l’illusione che fatti senza precedenti potessero essere giudicati in base a precedenti e a criteri già noti.

 

Eichmann, con le sue doti mentali piuttosto modeste, era certamente l’ultimo, nell’aula del tribunale, da cui ci si potesse attendere che contestasse queste idee e impostasse in altro modo la propria difesa. Oltre ad aver fatto quello che a suo giudizio ERA IL DOVEREDI UN CITTADINO LIGIO ALLA LEGGE, egli aveva anche agito in base a ordini – preoccupandosi sempre di essere ‘coperto’, e perciò ora si smarrì completamente e finì con l’insistere alternativamente sui pregi e sui difetti dell’obbedienza cieca, ossia dell’‘OBBEDIENZA CADEVERICA’, come la chiamava lui.




La prima volta che Eichmann mostrò di rendersi vagamente conto che il suo caso era un po’ diverso da quello del soldato che esegue ordini criminosi per natura e per intenti, fu durante l’istruttoria, quando improvvisamente dichiarò con gran foga di aver sempre vissuto secondo i principi dell’etica Kantiana e in particolare conformemente a una definizione kantiana del dovere.

 

L’affermazione era veramente ENORME! …e anche incomprensibile, poiché l’etica di Kant si fonda soprattutto sulla facoltà di GIUDIZIO DELL’UOMO, facoltà che esclude la cieca obbedienza.

 

Il giudice istruttore non approfondì l’argomento, ma il giudice Raveh, vuoi per curiosità, vuoi perché indignato che Eichmann avesse osato tirare in ballo il nome di Kant a proposito dei suoi misfatti, decise di chiedere chiarimenti all’imputato. E con sorpresa di tutti Eichmann se ne uscì con una definizione più o meno esatta dell’imperativo categorico:

 

‘Quando ho parlato di Kant, intendevo dire che il principio della mia volontà deve essere sempre tale da poter divenire il principio di leggi generali’ (il che non vale, per esempio, nel caso del furto o dell’omicidio, poiché il ladro e l’omicida non possono desiderare di vivere sotto un sistema giuridico che dia agli altri il diritto di derubarli o di assassinarli).




Rispondendo ad altre domande, Eichmann rivelò di aver letto la ‘Critica della ragion pratica’ di Kant, e quindi procedette a spiegare che quando era stato incaricato di effettuare la SOLUZIONE FINALE aveva smesso di vivere secondo i principi kantiani, e che ne aveva avuto coscienza, e che si era consolato pensando che era più ‘PADRONE DELLE PROPRIE AZIONI’, che non poteva far nulla per ‘CAMBIARE LE COSE’.

 

Alla Corte non disse però che in questo periodo ‘DI CRIMINI LEGALIZZATI DALLO STATO’ – così ora lo chiamava – NON SOLO AVEVA ABBANDONATO LA FORMULA KANTIANA IN QUANTO NON PIU’ APPLICABILE, MA L’AVEVA DISTORTA FACENDOLA DIVENIRE: ‘AGISCI COME SE IL PRINCIPIO DELLE TUE AZIONI FOSSE QUELLO STESSO DEL LEGISLATORE O DELLA LEGGE DELTUO PAESE’:

 

Ovvero, come suonava la definizione che dell’‘imperativo categorico nel Terzo Reich aveva dato Hans Franke che lui probabilmente conosceva: ‘agisci in una maniera che il Fuhrer, se conoscesse le tue azioni, approverebbe’.

 

Certo Kant non si era mai sognato di dire una cosa simile…




...Al contrario, per lui ogni uomo diveniva un legislatore nel momento stesso in cui cominciava ad agire: usando la ‘ragion pratica’ ciascuno trova i principi che potrebbero e dovrebbero essere i principi della legge. Ma è anche vero che l’inconsapevole distorsione di Eichmann era in armonia con quella che lo stesso Eichmann chiamava la teoria di Kant ‘ad uso privato della povera gente’.

 

In questa versione ad uso privato, tutto ciò che restava dello spirito kantiano era che l’uomo deve fare qualcosa di più che obbedire alla legge deve andare al di là della semplice… obbedienza e identificare la propria volontà col principio che sta dietro la legge – la fonte da cui la legge è scaturita. Nella filosofia di Kant questa fonte era la ragion pratica; per Eichmann era la volontà del Fuhrer.

 

Buona parte della spaventosa precisione con cui fu attuata la soluzione finale (caratteristica del PERFETTO BURACRATE) si può appunto ricondurre alla strana idea, effettivamente molto diffusa in Germania (e non solo…), che essere ligi alla legge non significa semplicemente obbedire, ma anche agire come se si fosse il legislatore che ha stilato la legge a cui si obbedisce.




Da qui la convinzione che occorra fare anche di più di ciò che impone il dovere. Qualunque ruolo abbia avuto Kant nella formazione della mentalità della ‘povera gente’ in Germania, non c’è il minimo dubbio che in una cosa Eichmann seguì realmente i precetti kantiani: ‘una legge è una legge e non ci possono essere eccezioni’.

 

A Gerusalemme egli ammise di aver fatto un’eccezione in due casi, nel periodo in cui ‘ottanta milioni di tedeschi’ avevano ciascuno ‘il suo bravo ebreo’: aveva aiutato una cugina mezza ebrea e una coppia di ebrei viennesi, cedendo alle raccomandazioni disuo ‘zio’. Questa incoerenza era ancora un ricordo spiacevole, per lui, e così durante l’interrogatorio dichiarò, quasi per scusarsi, di aver ‘confessato le sue colpe’ ai suoi superiori.

 

Agli occhi dei giudici questa ostinazione lo condannò più di tante cose meno incomprensibili, ma ai suoi occhi era proprio questa durezza che lo giustificava, così come un tempo era valsa a tacitare quel poco di coscienza che ancora poteva avere. Niente eccezioni: questa era la prova che lui aveva sempre agito contro le proprie ‘inclinazioni’, fossero esse ispirate dal sentimento o dall’interesse; questa era la prova che lui aveva sempre fatto il suo ‘DOVERE’.




IL PROBLEMA DELLA COSCIENZA di Eichmann, che è notoriamente complesso ma nient’affatto unico, non può essere paragonato a quello della coscienza dei generali tedeschi, uno dei quali, quando a Norimberga gli chiesero:

 

‘Come è possibile che tutti voi rispettabili generali abbiate seguito a servire un assassino con tanta fedeltà?’,

 

…rispose che non toccava a un soldato ergersi a giudice del suo comandante supremo:

 

‘Questo tocca alla storia, o a Dio in cielo’.

 

Eichmann, molto meno intelligente e per nulla istruito, capì almeno vagamente che a trasformarli tutti in criminali non era stato un ordine, ma una legge. La differenza tra ordine e ‘ordine del Fuhrer’ era che la validità del secondo non era limitata nel tempo o nello spazio, mentre questo limite è caratteristica precipua del primo. E questa è anche la vera ragione per cui quando il Fuhrer ordinò la soluzione finale esperti giuristi e consiglieri giudici, non semplici amministratori, stilarono una fiumana di regolamenti e direttive: quell’ordine, a differenza degli ordini comuni, fu considerato una legge.


Inutile aggiungere che tutti questi strumenti giuridici, lungi dall’essere semplici frutto della pignoleria o precisione tedesca, servirono ottimamente a dare a tutta la faccenda una parvenza di legalità.

 

(H. Arendt, La banalità del male)









martedì 25 aprile 2023

LA RETORICA DEL 25 (venticinque) E I NUOVI PARTIGIANI

 










Da precedenti 


meraviglie & stupori  


Prosegue con la... 


banalità del male







La retorica del 25 aprile è una ricorrenza storica, la quale come tale viene più che celebrata, rappresentata.

 

Ciò vuol dire che fra la messa in scena teatrale (compresi i dovuti allestimenti) e il soggetto rappresentato, soprattutto quando questo ‘storico’, corrono, oltre che innumerevoli trascorsi di altrettanti ‘frammenti’ ed ugual eventi storici, anche odierni paradossi.

 

Ed ancora, fra la rappresentazione e l’oggetto non sussiste continuità o legittimità data dalla compatibilità o incompatibilità della sua messa in scena!

 

E ciò che vuol sottintendere ed enunciare? (direte voi!)…  


In quanto tale la messa in scena (replico a tutti voi!) non certo tende ad esorcizzare il male, il misfatto, il fascismo odiernamente presente e quotidianamente subito, il quale fa parte tutto della Natura dell’uomo compreso l’italico non certo immune al morbo o al vaccino del 25, tende solo e più o meno (dipende molto dall’attore) ad interpretarlo (compatibilmente o non rimane un teatrale atto, dacché fra l’attore e la sceneggiatura storica sussiste una diversa realtà vissuta e non più interpretata).

 

In quanto tale cotal virus e morbo regna incontrastato…

 

(Fatevi una passeggiata nell’alta bergamasca e poi ditemi se il fascismo sia superato. Fatevi una breve gita in montagna e poi ditemi se cotal virus curato. Fatevi una passeggiata nell’esclusivo stend del padiglione della fiera del libro, e poi ditemi ancora se la casta accetta il vostro umile e non pubblicato quadernino almeno che il professore del partito del progresso non l’abbia posto all’indice di medesimo fascismo soprattutto quando le doti dello scrittorucolo tendono a superare il dotto maestro…) 

 

…Ovvero (scusate la parentesi giacché voi lettori siete tolleranti?) regna un uomo evoluto e consapevole della Libertà ed il libero arbitrio, e le sue alterne cicliche vicissitudini le quali costantemente ripercorrono i gradi di ugual medesima storia, e un Libero arbitrio concernente il Diritto completamente manipolato ad uso e consumo della casta economica come all’industria del potere la quale al meglio seppur l’apparenza la foraggia e ne assume i costumi di scena in costante replica.

 

Potere (inteso nella totalità del suo dominio con i gradi partecipativi con cui si manifesta [consolidandolo] riflessi nella cosiddetta società più o meno civile; non meno del potere cosiddetto occulto, in ugual gradi con cui si insinua in simmetrico contesto di potere, illuminanti sono i non certo superati eventi delle varie logge P2 e via dicendo…) il quale si riconosce consolida e cementifica nell’improprio e manipolatorio utilizzo del termine di libertà pensiero e libero arbitrio corrisposto - o ancor peggio rivenduto - all’acquirente, ovvero il presunto Libero cittadino… assiso alla Scala come alla portineria del degradato condominio.




Quindi quando i fascisti, gli odierni fascisti celebrano il 25 aprile ci sembra come se una volpe fosse stata messa di guardia al proprio pollaio con annesso un orto. Il condomino di certo ne gioisce, seppur ci dicono vigilato tutte le volte che coltiva le patate o la rivenduta bieta… dal famigerato guardiano dell’iper-mercato…

 

Il sentimento e la tolleranza che si accompagnano alla vigilata Libertà (assommato al Vigilantes della stessa) - e non solo di opinione - mostrano i loro dolenti sconcertanti statistici numeri a cui assoggettata, sia l’informazione che la libertà di espressione, tanto in Italia, associata alle migliori intenzioni interpretative, quanto ai ‘soci’ in ogni luogo posti, ‘soci’ i quali hanno assunto ed elevato ad improprie forme di governo incarnando eventi e comportamenti più concretamente fascisti…

 

…Ed io so bene ciò che dico in quanto costantemente aggredito dai fascisti di destra associati ai loro simmetrici di sinistra, per non tralasciare i cosiddetti associati nella terra di nessuno, ovvero tutti quelli che non essendo né di destra o sinistra (giacché alieni ad ogni forma di ideale o pensiero che non sia un agire senza pensare nel grado inferiore d’una bestia) in quanto mercenari del potere (sia questo economico che di arbitrio, il fu libero arbitrio appaltato al mercenario di turno), tendono ad asservire più padroni assieme, giacché il malsano principio asservito (o anche il più noto e antico feudo) socio-economico di libero mercato non conforme a qual si voglia ideale, impone il potere dell’affare, traducendolo e codificandolo immediatamente in puro fascismo o comunismo.




(Premetto per ciò detto neppure le più note Frecce Tricolore immune dal più noto pennello di Leonardo!)

 

La camicia o ancor meglio il costume di scena, indossata la mattina può essere alternativamente rossa o nera non c’è differenza!

 

L’unica differenza è l’etichetta sulla stessa e il mercato ove si è debitamente o indebitamente sottratta alla mano d'opera del suo legittimo proprietario!

 

Quest’ultimi dicevamo, i peggiori!  

 

In quanto hanno abdicato rimosso ed in ultimo rivenduto ogni coscienza asservita al Libero mercato, e in quanto tale, il più acerrimo nemico d’ogni Profeta il quale contrasta il Tempio, ogni Tempio ove vengono confusi e barattati merce e denari con i quali si coniano principi e falsi ideali.   

 

 In quanto tale il fascismo non differente da un suo proletario parente nominato malsano comunismo in difetto di corretta interpretazione d’ugual sentiero.

 

La storia pone i giudizi in merito.

 

Noi spesso cambiamo strada…

 

Ed infatti io credo che il 25 (aprile) debba rappresentare una data - fors’anche e meglio - una tappa ‘evolutiva’ in cui ogni forma di non rimossa aristocrazia di un certo Pensiero politico ad uso della messa in scena parlamentare e successivo consumo di una casta politica, la quale si eleva nel virtuale nonché tridimensionale ruolo non più celebrativo, bensì e mi ripeto, rappresentativo*; debba assumere ruolo e coscienza e non più maschera, circa il rimosso ideale abdicato alla rappresentazione non di certo esorcizzata così come più consono e greco costume e non solo della Commedia Tragedia e Farsa, ove si rappresentava non solo la contrastata tirannia…




 (* in quanto tale nell’effetto della tridimensionalità anamorfica tende a distorcere l’immagine originaria, deformandola a suo ed altrui improprio esercizio).

 

Fra l’esercizio della Ragione (o dell’Ideale* e non solo della presunta patria) e la sua fallace rappresentanza ne corre di Tempo e Storia propriamente o impropriamente tradotta  interpretata… e poi inscenata…

 

(*ovvero di una idea o ideale non geneticamente vissuto, in quanto tale seppur rinnegato, facente parte di un determinato codice genetico e credo; in questo luogo mi sovviene la famosa Lettera di Giuliano l’Apostata dettata in quel dì di Spoleto, la quale invitata i garanti dell’istruzione nel prendere atto del ruolo per cui incaricati, ovvero, se consoni ai costumi culturali pagani o cristiani e quindi essere coerenti con se stessi – innanzitutto - come con il prossimo! Un esempio, un più illuminante odierno esempio in simmetrico contesto ci giunge con l’inaspettato arresto di una docente di una nota scuola nominata alla memoria di Falcone e Borsellino, la quale, si presume, abbia perpetrato e consumato atti mafiosi a danno sia dello Stato come dei fanciulli tutelati e protetti dalla mafia… Quindi leggiamo… ancora… da Giuliano….)   

 

Liberato così il terreno delle accuse basate sull’equivoco, esaminiamo il ragionamento fondamentale di Giuliano, per analizzarne il valore.

 

Egli parte dalla premessa che fra la convinzione e l’insegnamento di un uomo deva esistere un accordo perfetto, e tale premessa non può che essere approvata da ogni persona ragionevole e coscienziosa. Da quella premessa egli trae la conseguenza che non potevano leggere e spiegare agli allievi Omero e gli altri autori antichi quei maestri i quali non credevano negli dei in cui aveva creduto Omero. Ora, noi sorridiamo a questa conseguenza di un principio giusto, perché ora a nessuno può passar pel capo di prendere sul serio la teologia d’Omero. Noi ammiriamo lo stile e l’arte d'Omero e di Virgilio, e siamo ancora commossi dalla parte umana dei loro poemi, ma la parte mitologica, se può interessare il critico, come documento letterario o storico, per la coscienza nostra è cosa morta.




 Or si guardi cosa curiosa; in fondo, in fondo, il regolamento italiano che regge l’istruzione religiosa nelle scuole elementari, e che fu dettato da quell’ingegno finissimo ed equilibrato che era Aristide Gabelli, si ispira all’identico principio che fu posto, la prima volta, da Giuliano.

 

Cosa diceva il Gabelli?

 

Diceva, dal momento che il catechismo entra nella scuola, deve essere affidato a persone che credono alla dottrina che vi è esposta, ed, in mancanza di queste, al solo maestro davvero competente che è il sacerdote, poiché, può essere questione discutibile se il catechismo deva entrare nelle pubbliche scuole, ma, una volta entrato, è cosa che ripugna ad ogni coscienza onesta il lasciarlo cadere nelle mani di chi ne farebbe argomento di confutazione o di dileggio.

 

Ebbene Giuliano diceva una medesima cosa.

 

Io non voglio, diceva, che i libri nei quali, ad ogni pagina, si parla degli dei di Grecia e di Roma, in cui io credo e metà del mondo crede ancora, siano nelle mani di maestri, interessati a smuovere la fede in quegli dei. — Per verità, mi par difficile essere un persecutore più ragionevole e più mite!

 

Avendo i migliori o i peggiori attori ed interpreti di un copione noto alla Storia, medesima ugual Storia rappresentata, sicché come più volte detto ancora sostengo seppur odiato per la mia barbosa barba:

 

…che rifuggo mimi buffoni e ballerine, mi astengo nel mangiar carne, singolarmente e nel plurale: non andiamo ai teatri, non consumiamo alcolici, non calunniamo il prossimo, non molestiamo e inquiniamo la Grande Madre, ci sembra sobrio ed altrettanto doveroso, prendere le dovute distanze fra il dire ed il ciarlare, un difetto antico e giammai superato tanto dalla Stato quanto dall’italico attore (politico e non) italiano.




Quindi rappresentiamo al meglio chi custode ed interprete della sana dialettica del 25 omaggiato, ovvero gli odierni e più onesti partigiani di questa ed ogni Terra liberata dal morbo del fascismo, giacché un male come già detto a cui nessuno escluso. Un male il quale, anche se indossa il suo costume preferito o di messa in scena o in onda indicando particella avversa, …non certo guarito, ma al contrario ampiamente diffuso…

 

Chi?,

 

…dicevo, i partigiani della sana e corretta evoluzione non certo avversa al progresso o al fascio suo invisibile amico e futuro alleato, bensì l’idealista che immune da qual si voglia maschera ideologica e conforme all’onestà del Libero Pensiero e della Natura che lo ispira come un Pensiero costante non più e solo rivolto alla patria digiuna di principi correttamente incarnati, ma un Libero e Verde pensiero che possa rappresentare quanto il fascismo, l’odierno fascismo ingombra il nostro più modesto e quieto vivere?

 

Chi?  

 

Penso che questi partigiani esistano o sono tutti coloro in rappresentanza delle associazioni ambientaliste di ogni ordine e grado, e senza dilungarmi su una falsa retorica pongo a loro la chioma giammai lo scalpo del quale il potere ne fa oggetto e scempio assieme al certo ideale incarnato…      




 

Ne enumero alcune….

 

 

WWF

 

Greenpeace


Mountain-Wilderness

 

Legambiente

 

Lav

 

Fai

 

Marevivo

 

Agriambiente

 

Associazione Animalisti Italiani Onlus

 

Anta (Associazione nazionale per la tutela dell’ambiente)

 

Associazione italiana sicurezza ambientale

 

Cai (Club alpino italiano)

 

Enpa (Ente nazionale protezione animali)

 

Italianostra

 

Movimento ecologista europeo

 

Federazione nazionale guardie ecologiche volontarie

 

Federazione italiana pro natura

 

Guardia nazionale ambientale

 

Leidaa (Lega italiana difesa animali e ambiente)

 

Lipu (Lega italiana protezione uccelli)

 

Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali)

 

Sigea (Società italiana di geologia ambientale) 

 

Touring Club