giuliano

giuliano
IL TOMO

venerdì 26 agosto 2022

BALOCCO CON MARIONETTE BURATTINI & FUTURI AUTOMI (5)

 










Prosegue con 


il capitolo (della saga) 


al completo 


(pregasi contattare l'apposito 


numero al verde.... Grazie!) 









Prosegue in:


"PRIMA"  [7] 

 








I burattini sono la caricatura dell’uomo; le marionette ne sono la imitazione. I primi, più democratici, vagabondano per le piazze con un modesto castello, e camminano senza piedi perché li tengono imprigionati nelle mani possenti del loro padre burattinaio. Le seconde, più aristocratiche e quindi più vane, non si mostrano che in veri teatrini, con palchetti e sedie e biglietti d’ingresso; hanno le membra complete, camminano con leggerezza mirabile, e ricevono sempre dall’alto il verbo e la norma delle loro azioni. I burattini, conservatori per eccellenza, serbano intatto l’abito ed il costume dei loro progenitori; sono contenti del proprio stato, né mutano per mutare di tempi. Le marionette, invece, vanno di pari col progresso; la meccanica e la plastica non isdegnarono mai di concorrere al loro perfezionamento, e in passato furono ambita ricreazione di gente seria e financo di principi. 

 

Ed erano i cantastorie, ultimi eredi dei ‘trobador’, dei menestrelli e dei torototela, a diffondere e a chiosare tra piazze, cortili, fiere di paese e osterie, gli episodi tragici, i fatti eclatanti, i delitti efferati, le conquiste della scienza e della tecnica, le gesta di grandi uomini ed eroi, le polemiche politiche, i mutamenti di costume, i primi ruimenti sociali. E il popolo si dilettava, con grande attenzione, a sentire cantare l’episodio da colui che più degli altri ‘sapeva leggere e poetare’: era l’uomo con il foglio volante o con il cartellone illustrato che sintetizzava grossolanamente quello che poco dopo avrebbe spiegato in poesia cantata. L’uditorio lo ascoltava come oggi ascolterebbe la radio ed osserva la sequenza dei fatti illustrati come si trovasse davanti ad uno schermo televisivo, poi compravano il ‘pianeta della fortuna’ per tentare la sorte al lotto e il ‘foglio volante’ per imparare il testo e cantarlo a loro volta nelle osterie e nelle bisbocce fra amici…




L’automa, dal burattino fantoccio derivato, procede, suo malgrado, l’inarrestabile discesa A FOLLE, colpa o bisogno dell’urgenza circa il ‘valore’ aggiunto della ‘massa ottenuta’.

 

Dapprima, inscenata con sfarzo d’allori, coronata d’alluminio e prometeico acciaio temprato, sponsorizzata dalla nota Compagnia del russo burattinaio bandito seppur servito & nutrito per l’intera durata del noto spettacolo: le sue marionette e automi temprati invadono le Corti con i loro più che noti spiritati Drammi…   

 

Peccato, però, che al Secondo Atto della rinomata secolare Commedia divenuta Tragedia, rappresentata per ogni fiera piazza e nobile corte d’Europa, l’universale salita dell’industrioso automa per sua evoluta natura, sia divenuta inarrestabile FOLLE DISCESA.

 

Nonostante dal retro della “quinta” (e non più Sinfonia, Opera dispendiosa tanto al germano quanto al piccione suo alleato e viaggiatore anch’esso) l’agente segreto - burattino imperfetto - segnala inesauribile esaurita riserva ove celato ogni intero segreto di Scena!

 

Da cui la Commedia divenuta farsa per sua ignobile natura!

 

Infatti, se fin da principio il burattino, più politico che umana marionetta donde la differenza di massa, si fosse accorto della Compagnia servita, oppure, si fosse dedicato con maggior zelo a più nobile nonché filosofica lettura (dal futuro Pinocchio) interpretata (con grande incomparabile successo); si sarebbe accorto che la Giostra, donde deriva il filo dell’intera Commedia, hor hora sospesa per improvvisi litigi con la più nota marionetta (Ragion della sua ed altrui movenza per ogni serio Teatro compresa ogni Fiera accompagnata, motivo dell’intero automa); avrebbe cogitato concordato meditato e in ultimo interpretato imprevisti cambi di più nobile Scena.

 

Non più il filo accompagnato dalla mano, qual fantoccio burattino avverso alla marionetta sua eterna prometeica concorrente per ogni Scena interpretata qual vera Opera rappresentata, bensì un sì più vasto meccanismo congeniato, ove alla materiale Archita meccanica a cui abdicata l’antica commedia, sarebbe succeduto idraulico passo maledetto da ogni Dio dell’Olimpo scalzato dalla Parabola profeta del progresso.

 

Ovvero, dall’antico mito filosofico siamo succeduti - o caduti - nel baratro del Dio unico (e trino) rivenduto al megawatthore: dato dal Tempo del vettore esponenziale & diviso in pugnate quote scavate e derivate dalla grotta della ninfa in attesa del futuro profetico pargolo.

 

Hora quotata al Tempio del progresso inscenato, e mai più al rimpianto ponte del Diavolo, bensì all’automa dal noto Sentiero (666) Rifugio del Golem, a cui ogni futura marionetta aspira per la prometeica eterna disavventura nominata profeticamente: luce et morte ancora in vita dell’eterna salita prima della segnalata discesa del Santo Olimpico successo, applaudita con illuminato eroico sfarzo, e replicato da ogni futuro automa al palco d’ogni Guerra ben rappresentata in disaccordo con l’olimpico burattino d’un èvo superato.  

 

Sottratta, disgraziata ulcerata meschina marionetta, al dovuto consenso della povera Sibilla, oracolo senza più Regno né Grotta né oscuro riparo magistralmente interpretato, e neppure, se per questo, della povera scalza ignuda Cibele accompagnata dallo scomparso, o meglio, pluriricercato e dato per defunto, Genio della Foresta o Selva, bruciata dall’infiammata platea.

 

Neppure il noto Rifugio, anch’esso liricamente et magistralmente interpretato nonché eternamente disoccupato, gestito da Meschino detto il Guerrino d’ogni Fiera, cibata nutrita squartata e divorata in attesa del defunto rimpianto Inverno sponsorizzato dalla più nota Compagnia di Stato.

 

Quando la neve facea da cornice alla marionetta, nonché alla corda dell’avversato suo compagno burattino, per la conquista d’ogni Cima e Vetta della vera coronata classifica dell’Opera magistralmente rappresentata; e ove ogni fantoccio aspira per un futuro senza automa rubargli gli averi di Scena, prima e dopo aver pregato la parabola del Vento implorando il segnale del Dio del sano commercio circa la Via migliore da seguire secondo i comandamenti e precetti di Golem:

 

Salire e salire ancora sino all’Olimpo di Zeus in personam, quotato compartecipato nonché evaso per ovvie cristiane ragioni di un più nobile Stato… e al Passo della frontiera rimpianto.   

 

Hora corre tanta troppa differenza fra un automa e il suo Teatro! Fra un automa ed una marionetta, e questa, in ugual Scena e contesa, dal rimpianto burattino senza neppur un Teatro ove replicare l’eterna Tragedia della vita a cui il vero automa aspira e deriva.   

 

Ogni singola specie vuole la propria autonomia, compresa la dovuta batteria con cui appagare e compensare il disagio dell’attesa, quando dall’acrobatico palco sino alla numerata platea, cimento  dell’invisibile Filo di Scena, nasce una nuova èra con più respiro ricaricato al Sole del Dio più morto che vivo, quasi trasudato, compensare il disagio della marionetta rimpiangere il rivale suo per ogni rimpianta Fiera, in attesa, ovviamente dell’atomo automa, ovvero quando il copione cede lo Passo et ogni Elemento dell’intera orchestra accompagnata, a Democrito, impresario della nuova Compagnia.

 

In quest’hora l’automa fiero della nuova avventura, il burattino e la marionetta, fossili antichi d’una sorpassata èra lo guardano e omaggiano pur l’eterna contesa ancor rappresentata, Prometeo incatenato fu la Prima dell’atto, dopo solo Omero e Ulisse suo argo, né automa né marionetta né burattino, oseranno cantarne o interpretarne la futura disavventura!

 

L’ira che seguì circa il Segreto del palco inscenato, neppure l’acheo fu in sufficiente grado d’intenderlo e interpretarlo, ogni Elemento o automa rimpiangeva i tempi del fungo araldo del Sacro bosco pregato, quando fate e bambini, comprese le antiche fiere donde deriva il palco d’ogni rispettabile Compagnia potevano al meglio intendere e assaporare il sapore della Vita!  

 

Così hora et in questa difficile hora, ogni Bestia che ne deriva da un fungo avvelenato, deve fare un soldo di conto con ogni futuro burattino, in attesa che il Dio della materia lo destini qual vero automa. Il dilemma sì grande e vasto, ove l’intero palco giostrato ne va guasto e incontrollato, cede e procede per sua e altrui disgrazia & disavventura, verso una perenne discesa, ed ove ogni povero automa diviene fiero paladino dell’antico e reciso filo donde deriva la sua e altrui odierna disavventura. Si inerpica giù e su alla fiera, ogni Scena sempre più dispendiosa, quasi non più trova l’energia per divenire un vero automa

 

(l’invisibile mano del….)


(Prosegue con la saga completa....)








Nessun commento:

Posta un commento