giuliano

giuliano
IL TOMO

venerdì 4 novembre 2022

LETTERE (5)

 









Precedenti capitoli...: 


Di ciò che rimane... (3/4) 


Prosegue con altre 








Lettere (6)


& verso la Parabola 


al completo







Quando le prime tempeste invernali del 1870 fermarono le passeggiate di Muir tra le cime, riuscì a rifugiarsi nella sua tana accogliente vicino ai piedi della cascata inferiore dello Yosemite. Sebbene per un certo periodo ne fosse stato ‘espropriato’ dal signor Hutchings, come indicato nella sua lettera di dicembre da La Grange, probabilmente trascorse la maggior parte dell’inverno, così come la primavera e l’estate successive, nella bella capanna del suo amico ‘pino da zucchero’.

 

Lì, come rivela la lettera di un amico, trascorse le fredde sere d’Autunno e d’Inverso alla fioca luce d’una lampada ad olio accanto all’accogliente caminetto, leggendo gli scritti di Alexander von Humboldt, Sir Charles Lyell, John Tyndall, Charles Darwin… e le ultime opere botaniche sugli alberi.




Così le ‘messe alla gloria degli dèi rivelati’, raccolte ed ispirate sui monti durante i mesi estivi, furono ulteriormente arricchite da un ampio studio durante le lunghe serate invernali.

 

‘Penso a te fin troppo benedetta’

 

…scrive alla signora Carr in questo momento,

 

‘per aver bisogno di “parole” dal mondo inferiore, eppur intendo rinnovare saluti e ricordi ai tuoi terreni domicili - nonché - altrettanti invernali intenti terreni. Penso con gioia all’aspetto della casa invernale e del piccolo scoiattolo marrone nel bagliore della luce del fuoco, delle lunghe passeggiate, delle letture e dei pensieri: le tinte mattutine delle rocce, il calore confortante dei pini e degli abeti’.

 

Ma l’avvicinarsi dell’inverno del 1871 lo trovò senza casa sul serio. C’è motivo di pensare che il datore di lavoro di Muir, il signor Hutchings, non abbia guardato con favore alla crescente fama e popolarità di cui ora gode il giovane scozzese come interprete della Natura, quale umile suo protettore nonché rilevatore d’un segreto antico - rinnovato – ispirato, per poi essere rivelato all’altare della geologia non meno dalla viva glaciologia quali medesimi sentimenti ed espressioni del Dio pregato.




Essendo un ruolo esercitato così a lungo arrivò a considerarlo come vero ‘mestiere’ rispetto al lavoro cui ognuno comandato. E cosa avrebbe potuto esserci di più naturale - date le circostanze dell’aggiornato progresso - affinché Hutchings (oggi come ieri), non avendo alcuna competenza scientifica accompagnata da un seppur vago principio dettato dal comune ideale sancito circa Madre Natura profanata; mosso dal totale disprezzo della dovuta conoscenza maturata; formuli idee indipendenti come approssimate sull’origine della Valle (riflesso e specchio della Natura ben letta nonché da Muir correttamente interpretata), e perpetrare così, più che l’offesa, il vero misfatto ‘interpretativo’ a danno dell’ignaro solitario esploratore nonché amico, se non barattare e confondere ‘sagge opinioni’, accertate in ogni luogo contemplato meditato così come studiato da semplice autodidatta, per poi successivamente farne beneficio ad altri uomini non solo a lui avversi, ma del tutto ignari degli sforzi protratti nei lunghi tempi -  mesi anni - di lunghi e talvolta estenuanti ‘vagabondaggi’ accompagnati  da altrettanti estenuanti sacrifici privati di qual si voglia comodità…




Ed in qual tempo calunniarlo d’eretica ignoranza circa la Natura da Muir, più che studiata, amata come un vivo Elemento qual Essere da cui, deriva o dovrebbe, ogni forma di tutela contraria ad ogni inutile sfruttamento di cui beneficia l’uomo nel traguardo della presunta ricchezza…

 

Per Muir, questo Santo Profeta più che uomo, votato all’Ideale della vera e sana Ecologia, la ricchezza risiede nella corretta interpretazione del ruolo - di cui l’uomo - occupa o dovrebbe, in ogni Ecosistema, al contrario indebitamente usurpato dalla razza umana (dall’incorrotta Natura derivata). E nonostante tutto meriti e riconoscenze le disfatte della Natura causate dall’immane inutile dotta ignoranza (umana) hanno ampiamente superato ogni confine, fino ad attestarsi ad un punto di non ritorno. Ciò ci insegna ancora, che tutti gli sforzi, di libri meriti e riconoscenze, con tante troppe “parole” nulla valgono dinnanzi all’eterna volgarità (umana!).




Infatti Muir trovò sempre più fastidioso il lavoro alla segheria offerto dall’amico, forse più che un lavoro, un pretesto a tempo pieno per distoglierlo dall’intento protettivo a perenne beneficio della Natura, in cui Muir si contraddistingue al tempio della cultura del tempo narrato e studiato. Di certo taluni Maestri non si astennero nell’osteggialo come beffarlo, pochi lo incoraggiarono, e con quei pochi Muir mantenne un rapporto ben saldo. Di certo Muir comprese di qual risma sono composti taluni o quasi tutti gli industriosi imprenditori del presunto progresso, i quali indistintamente oltraggiano e si beffano, oltre che della Natura, anche dell’Intelletto o Genio che da essa deriva… 

 

Giacché i Profeti sempre sgraditi!

 

In ogni caso Muir lasciò l’impiego di Hutchings nell’estate del 1871, e dopo la fine della stagione turistica lo troviamo impegnato a trasferire i suoi beni mobili da Hutchings al Black’s Hotel, allora la più recente delle tre osterie della Valle. Come il Leidig’s Hotel, ancora più a valle del torrente, era situato sulla sponda meridionale del Merced, quasi di fronte a Sentinel Rock.




Tenendo presente questo insediamento a sfondo abitativo di John Muir, accenniamo a taluni Frammenti della sua corrispondenza dopo il suo ritorno a Yosemite da La Grange.

 

La prima lettera, senza data, fu probabilmente scritta verso la fine di febbraio, o l’inizio di marzo, 1871, poiché la testimonianza di molti temporali che avevano investito le montagne, da quando era tornato nella Valle, dimostrano e testimoniano la sua presenza (soprattutto …Spirituale e autenticamente Trascendentalista, fors’anche per questo tradita dagli stessi suoi eroi e eminenti rappresentanti di ugual Tempo contemplato [non men del Tempio che l’accompagna e conserva]; come sempre succede quando raggiungono l’altare del dio unico al verbo della materia dispensata nell’altrettanta ricercata “parola”, abdicando olimpo ed istinto - degli antichi Dèi condivisi ed approdati all’umile altare dell’Elemento incarnato (forse il vero Filosofo - hor hora - riletto e di nuovo dispensato) non certo naufragato alla paradossale deriva del preservato ispirato istinto di medesima Ragione; per essere… ‘fuggito’ da chi, per identico amore si espone ai deliri di ugual ‘atto intellettivo’ divenuto istinto - o esercizio riproduttivo - senza amore alcuno riposto, seppur disgiunto, dall’ispirato Genio creativo… Come presto leggeremo molti anni dopo, allorquando anch’io aggiorno la libera traduzione accompagnata da breve asterisco, ovvero ciò a cui fui partecipe ed ispirato in medesimo atto creativo… e di cui qual Straniero non più favello…).

 

Omaggiamo e quindi celebriamo il Divino Muir...





Alla signora Ezra S. Carr 

Yosemite 

febbraio o marzo 1871

 

 

Mia cara amica signora Carr: ‘Lo Spirito’ mi ha condotto di nuovo nel deserto, in opposizione a tutte le contro attrazioni, e sono ancora una volta nella gloria di Yosemite. 


Il tuo cordialissimo invito mi giunse mentre mi preparavo a salire verso le mie amate Montagne che sempre mi chiamano e parlano, e quando tutto il mio essere fu posseduto da visioni di foreste innevate di pini e abeti, e di guglie di montagna al di là, perlacee e semitrasparenti, che si protendevano nell’azzurro del cielo, non più puri dei loro stessi elementi. 


In compagnia di un altro giovanotto che persuasi a camminare, lasciai le pianure proprio mentre si stendevano le prime lamine d’oro. Il mio primo piano era seguire il Tuolumne verso l’alto come avevo seguito il Merced verso il basso, dopo aver raggiunto la Hetch Hetchy Valley, che ha all’incirca la stessa altitudine di Yosemite, e aver trascorso una settimana o giù di lì a disegnare ed esplorare le sue cascate e rocce, attraversando l’alto montagne oltre l’estremità occidentale della catena Hoffmann e scendendo nello Yosemite dall’Indian Canyon, trascorrendo così un mese glorioso con le montagne, con tutte le loro nevi e il loro splendore cristallino, e tutte le glorie senza nome del loro magnifico inverno. Ma qualcosa del mio progetto è andato storto. Ho perso una settimana di sonno per il dolore di una mano dolorante e sono diventato insicuro sulla capacità delle mie forze dovute a settimane e mesi per combattere la neve che mi arrivava fino al collo.




Il nostro viaggio durò solo una settimana, compreso un giorno di riposo nella capanna di Crane’s Flat. Alcune delle nostre notti erano fredde e una o due volte avevamo fame. Abbiamo attraversato il limite della neve sul fianco della cresta del Pilot Peak sei o otto miglia sotto Crane’s Flat.

 

Da Crane’s Flat fino all’orlo della Valle la neve era profonda circa cinque piedi, e poiché non era ghiacciata o compattata in alcun modo, naturalmente abbiamo avuto una splendida stagione di guado.

 

Vorrei che tu potessi vedere l’orlo della nuvola di neve che si librava, oh, così dolcemente, giù fino alle grandi ciglia del Pilot Peak, scaricando le sue nevi generate dal cielo con tale inconfondibile gentilezza e muovendosi, forse con amore consapevole, dal pino al pino come per conferire a ciascuno benedizioni separate e indipendenti. In poche ore ci arrampicammo sotto e dentro questa gloriosa nuvola temporalesca. Raccolsi fiori di cristallo, e che canti del vento si raccoglievano dagli abeti guglie e dalle lunghe braccia sfrangiate del pino lamberto. Non potevamo vedere molto lontano davanti a noi nella tempesta, che durò fino a qualche ora nella notte, ma poiché conoscevo la mappa generale della montagna non abbiamo avuto difficoltà a trovare la nostra strada.




La capanna di Crane’s Flat era sepolta e fummo costretti a cercare la porta a tentoni. Dopo aver acceso un fuoco con delle ringhiere di cedro, uscii per osservare l’arrivo dell’oscurità, che era straordinariamente sublime. La mattina dopo era in ogni modo la creazione più pura che avessi mai visto. Il piccolo riparo, simile a una macchia nei massicci boschi sporgenti, era in una splendida veste di un bianco universale, su cui il grande confine della foresta era minuziosamente ripetuto e coperto da un fitto manto di fiori di neve.

 

Alcuni muschi crescono rigogliosi sulle generazioni morte della loro stessa specie. I comuni fiori di neve appartengono al cielo e nelle tempeste sventolano come petali maturi in un frutteto. Si depositano sulla terra - il fondo del mare atmosferico - come fango o foglie in un lago, e su questa terra, questo campo di fiori spezzati dal cielo, cresce un rigoglioso tappeto di vegetazione cristallina completo e maturo in una sola notte.




Non ho mai saputo prima che queste piante di neve di montagna fossero così variabili e abbondanti, che formassero ciuffi e boschetti così cespugliosi e boschetti di felci e palme. Avanzando fino alla cintola ho avuto ottime opportunità di osservarli, ma si ritraggono dal respiro umano, non sono gli unici fiori che lo fanno. Evidentemente non fatti per l’uomo! - né i fiori che compongono la neve che è scesa fino a noi rotti e morti, né i più bei cristalli che vegetano su di essi! Molte tempeste sono arrivate sulle montagne da quando le ho superate, e non ci possono essere meno di dieci piedi all’altitudine di Tamarack e ancora di più verso la vetta.

 

Il tempo qui è mite ora e le cascate sono magnifiche. Tre settimane fa il termometro all’alba era di 12°. Ho riparato il mulino e la diga, e il torrente non corre il rischio di prosciugarsi ed è più arginato che mai.

 

Oggi è stato nuvoloso e piovoso. Tissiack e Starr King sono magnificamente immersi in una nuvola bianca. Ti ho inviato le mie piante per espresso. Mi dispiace che i miei esemplari dello Yosemite non fossero con gli altri. Ho lasciato alcuni appunti alla signora Yelverton quando ho lasciato la Valle in Autunno. Vorrei che le chiedeste, se doveste vederla, dove l’ha lasciata, poiché la signora Hutchings non lo sa…

 

Sono quasi cieco da quando ho attraversato la neve. Porgi i miei più cordiali saluti a tutta la tua famiglia e ai miei amici.

 

Sono Sempre tuo cordialmente J.M.




La lettera che segue è di particolare interesse perché contiene una breve descrizione del ‘nido sospeso’ attaccato al timpano all’estremità occidentale della segheria. Lo schizzo incluso è l’unico documento pittorico sopravvissuto sia del mulino che del suo ritiro. L’avventura di cui ha esitato a raccontare alla sorella era già stata descritta in una lettera alla signora Carr, ma segue qui più logicamente quella alla sorella. Entrambe sono rivelazioni sorprendenti circa i suoi naturali entusiasmi… 


 

A Sarah Muir Galloway 

Nella segheria, 

Yosemite Valley, 

5 aprile 1871

 

Cara sorella Sarah: questo è uno dei giorni più straordinariamente gloriosi dello Yosemite e all’improvviso ho pensato di scriverti. Abbiamo pioggia e tempesta. La vasta colonna delle Yosemite Falls superiori ondeggia con meravigliose forme di bellezza in continua evoluzione, e tutte le nostre pareti montuose sono avvolte da splendide nuvole. In alcuni punti levigate striscie di soffici nuvole bianche arrivano quasi dal fondo del muro alla cima, e proprio oltre il prato la cima di una montagna dalla cresta di pini fa capolino sopra le nuvole come un’isola nel cielo…

 

- così: Ecco la Cima con cresta di pino sopra la Yosemite Valley…




È difficile descriverla, perché il mulino invecchia così tanto per colpa della sega, e la pioggia gocciola dal tetto, devo sistemare il ceppo ogni pochi minuti. Sto gestendo lo stesso mulino che ho costruito lo scorso inverno. Mi piace il profumo di pino delle tavole appena segate e sono costantemente in vista della più grandiosa di tutte le cascate. Dormo nel mulino per il gusto di sentire il mormorio dell’acqua sotto di me, e ho una casetta a forma di scatola fissata sotto il timpano del mulino, che guarda a ovest verso la valle, dove tengo i miei appunti, ecc. La gente lo chiama il nido sospeso, perché…

 

La casa di John Muir in un mulino nella Yosemite Valley!

 

Fortunatamente, le uniche persone che non mi piacciono hanno paura di entrarci. Il buco nel tetto è quello su cui domina la vista della gloriosa Cupola Sud, alta cinquemila piedi. C’è un lucernario corrispondente sull’altro lato del tetto che offre una visuale completa delle Yosemite Falls superiori, e la finestra in fondo ha una vista che spazia lungo la valle tra pini, cedri e abeti bianchi. La finestra sul tetto del mulino a destra è sopra la mia testa, e nelle notti calme posso ammirare le stelle. Due sere fa ho scalato la montagna ai piedi delle Yosemite Falls superiori, portando un pezzo di pane e un paio di coperte in modo da poter passare la notte sulla roccia e godermi le acque gloriose, ma mi sono inzuppato e sono dovuto andare casa, raggiungendo la capanna alle due del mattino. Ero talmente fradicio in un modo che a malapena posso descrivere. L’avventura mi è costata quasi tutto. Intendo tornarci domani sera…

 

 Grande vecchio pino e nodosa quercia muschiosa nella Yosemite Valley, ecco i ricordi di un grande pino vecchio e di una quercia nodosa di muschio che si ergono a pochi passi dal mulino. Ti sono piaciuti i fiori. Bene, ti prenderò una violetta dal lato della corsa del mulino, mentre salgo per chiudere l’acqua. Buonanotte, con il più caloroso amore di un fratello. 

[J.M.]


(Prosegue...)








Nessun commento:

Posta un commento