giuliano

giuliano
IL TOMO

domenica 8 gennaio 2023

L'AMAZZONIA CONTINUA A BRUCIARE (dedicato a Marina Silva)











Precedenti capitoli: 


Circa antichi Templi








& nuovi roghi! 


Prosegue con i...



 




bravi ragazzi 


della Compagnia 


Prosegue con i...:



 





Perché brucia?








Manaus (AM) – Marina Silva ha prestato giuramento come Ministro dell'Ambiente e del Cambiamento Climatico questo mercoledì pomeriggio promettendo di rimuovere il Brasile dal ruolo di “paria ambientale”. Con lo stesso tono del presidente Luiz Inácio Lula da Silva e anche dei colleghi che l’hanno preceduta e che hanno già assunto i loro portafogli, l’ambientalista ha tenuto a rafforzare le critiche al governo di Jair Bolsonaro. Applaudita dal pubblico, che ha gremito l’auditorium di Palazzo Planalto, e onorata della presenza di alti esponenti del governo, Marina torna allo stesso incarico che ha ricoperto dal 2003 al 2008, ma con un ruolo potenziato.

 

Per Marina Silva, il Brasile tornerà a essere protagonista in ambito ambientale se riuscirà a rispettare l’Accordo di Parigi, riducendo le emissioni di gas serra del 37% entro il 2025 (rispetto al 2005). Bolsonaro ha fatto il contrario, praticamente approvando l’esplosione della deforestazione negli ultimi quattro anni, che ha fatto crescere le emissioni di oltre il 12% nel 2021 rispetto all’anno precedente. Con l’esperienza di chi ha fatto precipitare la deforestazione dell'83%, quando era a capo dell’MMA (l’acronimo verrà mantenuto, nonostante l'inserimento di “Climate Change” nel nome del ministero), l’ambientalista ha anche festeggiato di avere più poteri d’ora in poi.




Nuove segreterie sono state annunciate da Marina Silva: controllo della deforestazione e pianificazione territoriale, bioeconomia e risorse genetiche, gestione dell’ambiente urbano, popoli e comunità tradizionali e sviluppo rurale sostenibile. L’MMA avrà anche una nuova autorità, la National Climate Change Authority, da creare entro marzo e in linea con altri paesi che hanno creato strutture simili.

 

Svuotato o estinto nel governo Bolsonaro, nella gestione dell’ex ministro Ricardo Salles, nel Servizio forestale brasiliano (SFB), nell’Agenzia nazionale dell’acqua (ANA) e nel Piano d’azione per la prevenzione e il controllo della deforestazione nell’Amazzonia legale (PPCDam) sono tornati sotto l’ombrello del ministero, dopo essere stati stroncati da Salles. Marina ha promesso di creare una segreteria straordinaria per occuparsi specificamente dell’abbattimento delle foreste – e ha ribadito di volerla “straordinaria” affinché un giorno cessi di esistere.

 

Nella campagna presidenziale, Lula ha tenuto a opporsi alla logica distruttiva, soprattutto contro la regione amazzonica, adottata da Bolsonaro. L’agenda ambientale ha acquisito un’importanza insolita in altre dispute elettorali, proprio a causa del cambiamento dell’immagine positiva del Brasile nella comunità internazionale. Durante il suo insediamento, Lula ha tenuto a difendere la ‘deforestazione zero’ in Amazzonia.




Nell’inaugurazione di questo mercoledì, Marina ha rivelato il nome del suo segretario esecutivo, João Paulo Capobianco, che già ricopriva lo stesso incarico nel primo passaggio di Marina al ministero. La ministra, pur avendo chiarito che Ibama e ICMBio torneranno ad avere funzioni strategiche, non ha reso noti i nomi dei nuovi vertici di questi organi. Ha inoltre difeso “l’unità” e la “trasversalità” con altri ministeri, che saranno necessarie, ad esempio, per contrastare attività come l'estrazione illegale, il disboscamento e il recupero di aree degradate. 

 

La ministra ha parlato anche dello stato in cui ha trovato il ministero 14 anni dopo. “Quello che abbiamo riscontrato è stato un profondo processo di svuotamento e indebolimento delle agenzie ambientali”. E ha anche ricordato la famosa frase “passa il bestiame”, di Ricardo Salles, quando fu approvata la flessibilità ambientale durante la pandemia causata dal Covid-19. “Il bestiame è passato dove dovrebbe passare solo la protezione. Diversi parlamentari sono stati in prima linea in questo intero processo di smantellamento”, ha affermato.




Marina ha anche espresso una dedica speciale ai dipendenti del ministero che hanno resistito al governo di Jair Bolsonaro e alla dirigenza di Salles, deputato eletto da San Paolo. “A tutti i dipendenti pubblici federali che hanno resistito all’Anvisa, che hanno resistito all'interno degli enti pubblici, perché quando tutto fallisce, rimangono istituzioni pubbliche forti, politiche pubbliche ben disegnate e dipendenti pubblici competenti e impegnati. Rendo omaggio a tutti loro”, ha detto Marina.

 

Uno dei momenti più commoventi del discorso di Marina è stato quando ha ricordato il ricordo di coloro che hanno perso la vita nella lotta per l’ambiente. “Ricorda sorella Dorothy, Chico Mendes, Evair Higino, Bruno (Pereira) e Dom Phillips, così tanti che ci hanno lasciato cadere in questa lotta”.

 

Per riportare il Brasile allo status di protagonista nella lotta contro l’emergenza climatica globale, questione di prim'ordine, Marina avverte che questo compito non sarà portato a termine rapidamente. “Non è facile. È una transizione. Non diventeremo un’agricoltura a basse emissioni di carbonio da un giorno all’altro. Non è magia. Non faremo la transizione energetica dall’oggi al domani. Non è magia. Non raggiungeremo la reindustrializzazione delle basi sostenibili dall’oggi al domani, ma metteremo i pilastri in un lavoro congiunto, uniti, tutti noi”, ha affermato Marina.




All’insediamento del nuovo ministro dell’Ambiente hanno partecipato anche il vicepresidente Geraldo Alckmin; la first lady, Janja da Silva; il Ministro della Casa Civile, Rui Costa; e il ministro delle donne, Cida Gonçalves. Era presente anche il Presidente ad interim del Senato Veneziano Vital do Rego; e il presidente della National Water and Basic Sanitation Agency, Verônica Sanchez. Gli indigeni Txai Suruí; intervenuta all'apertura della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, COP26, tenutasi nel 2021, e all'inaugurazione del nuovo ministro hanno partecipato anche la nuova presidente della Fondazione nazionale per le popolazioni indigene (Funai), Joenia Wapichana.

 

A Brasilia c’era anche l'ex direttore dell’Istituto nazionale per la ricerca speciale (Inpe), lo scienziato Ricardo Galvão, licenziato dall’ex presidente Bolsonaro dopo aver divulgato i dati sull'aumento della deforestazione in Brasile. “Sono a Brasilia all’inaugurazione di Marina Silva, come Ministro dell’Ambiente e del Cambiamento Climatico. Il Brasile ha bisogno di gestire le nostre risorse naturali, prevenendo ogni tipo di degrado ambientale e affrontando gli effetti del cambiamento climatico. La ministra Marina Silva, molto competente e stimata a livello internazionale, potrà mostrare ancora una volta come lo sviluppo sostenibile sia possibile e indispensabile”, ha scritto la scienziata sul social network Twitter.

 

L’Amazzonia Environmental Research Institute (IPAM) ha rilasciato una nota di benvenuto al nuovo ministro. L’organismo ha dichiarato che al suo insediamento Marina porta con sé la speranza di riprendere il ruolo internazionale del Brasile nel dibattito sui cambiamenti climatici e sulla riconciliazione tra conservazione socio-ambientale e produzione sostenibile.




“Marina è il nome giusto per il ministero. Ha lasciato un'eredità nella riduzione della deforestazione, è stato responsabile dei progressi del Brasile nei negoziati sul clima che hanno portato alla creazione del Fondo Amazzonia e dell’attuazione di un piano di sviluppo socioeconomico e ambientale per la regione”, ha affermato Paulo Moutinho, che è vice esecutivo Direttore dell’Ipam.

 

Per lui, Marina è ciò di cui il Brasile ha bisogno per riportare il Paese alla sostenibilità. “Il mondo sa cosa ha fatto. Le loro azioni hanno portato il Brasile a diventare un leader ambientale e un'ispirazione nella lotta contro la deforestazione”, ha sottolineato Ane Alencar, direttore scientifico di Ipam.

 

L’eredità di Marina Silva nei primi due governi del PT, a capo dell'MMA, ha fatto sì che il Brasile acquisisse importanza internazionale. Per il suo impegno nella lotta alla deforestazione, nel 2007 ha ricevuto il premio Champions of the Earth, assegnato dalle Nazioni Unite.

 

Ha mosso i primi passi in politica al fianco del leader dei raccoglitori di gomma Chico Mendes, assassinato nel 1988 a Xapuri, Acre. Era consigliera, deputata statale e senatrice per lo stato di Acre, quando fu invitata a prendere in mano l’MMA durante il primo governo di Lula. Ha ricoperto la carica dal gennaio 2003 al maggio 2008, quando ha finito per lasciare l’incarico a causa di divergenze politiche all'interno del governo stesso.




Marina è tornata al senato federale e si è candidata per la prima volta alla presidenza della repubblica nel 2010. All'epoca si è candidata affiliata al Partito dei Verdi, classificandosi terza con 19.636.359 voti.

 

Dopo la prima corsa presidenziale, Marina ha deciso di fondare un proprio partito, Rede Sustentabilidade, a cui è stata negata la registrazione nel 2013. All’epoca, il Tribunale Superiore Elettorale (TSE) ha negato la registrazione del nuovo partito, che ha ottenuto un totale di 442.524 elettori con firme certificate dalle liste elettorali, quando la normativa richiedeva un numero minimo di 491.949 firme.

 

Impossibilitata a candidarsi per la Rete, Marina ha accettato la proposta di candidarsi alla vicepresidenza sulla tessera dell’ex governatore del Pernambuco, Eduardo Campos, del Partito socialista brasiliano (PSB). Campos finì per morire in un disastro aereo, a Santos, sulla costa di San Paolo, e l’ambientalista finì per essere scelto dal partito come candidato alla presidenza, contro l'allora presidente Dilma Rousseff (PT). Nella campagna, Marina è stata bersaglio di una delle più grandi e violente campagne di decostruzione dell’immagine promosse dal PT e, ancora una volta, ha concluso il primo turno al terzo posto, con 22.154.707 voti.




L’ultima volta che si è candidata alla presidenza è stata nel 2018, già sul Sustainability Network, e ha finito per avere la sua peggiore performance alle urne nella corsa presidenziale, ottenendo 1.069.575 voti, chiudendo in ottava posizione. Nel 2022 ha deciso di candidarsi a deputata federale per San Paolo ed è stata eletta con 237.526 voti.

 

Per garantire la difesa della libertà di stampa e della libertà di espressione, l’agenzia di giornalismo indipendente e investigativo Amazônia Real non riceve fondi pubblici, né riceve fondi da persone fisiche o giuridiche coinvolte in reati ambientali, lavoro forzato, violazione dei diritti umani e violenza contro la donna. È una questione di coerenza. Pertanto, le donazioni dei lettori sono molto importanti per noi per produrre più reportage sulla realtà dell’Amazzonia.

 

Apprezziamo il supporto di tutti.


[PROSEGUE]

 

(Amazzonia Real) 









Nessun commento:

Posta un commento