giuliano

giuliano
IL TOMO

giovedì 19 gennaio 2023

COSA POSSIAMO E DOBBIAMO FARE (100 e più anni dopo Muir) (4)

 











Precedenti capitoli 


di un Viaggio 


in Amazzonia 


(articolo completo)







Sentiamo il richiamo acuto molto prima di vedere qualsiasi movimento. Cercare la vita nella massa continentale più ricca di biodiversità del pianeta richiede una quantità sorprendente di pazienza. E occhi acuti. Mentre i fischi penetranti fanno capire che nelle vicinanze c’è un’aquila-falco decorata - almeno per qualcuno che conosce le centinaia di diversi richiami di uccelli trovati in questa sezione dell’Amazzonia - i tronchi spessi, le liane e le bromelie della foresta pluviale rendono frustrante vedere qualsiasi cosa difficile.

 

I nostri occhi si protendono verso l’alto, cercando, finché alla fine siamo ricompensati con la vista di un magnifico uccello dalla cresta nera che piomba silenziosamente attraverso il baldacchino per atterrare su un ramo inondato di luce. Guardiamo con soggezione mentre allena i suoi occhi acuti sugli intrusi a due gambe nel suo mondo.

 

L’ambientazione: il campo 41, una manciata di strutture con tetto di lamiera e lati aperti nel profondo della più grande regione selvaggia tropicale del mondo e base di partenza per centinaia di ecologisti che conducono ricerche negli ultimi 39 anni. Siamo a 50 miglia a nord di Manaus, in Brasile, 25 miglia su una strada sterrata accidentata e un'escursione di mezzo miglio nella foresta pluviale amazzonica primaria, un sottobosco scuro e denso di verde sotto un baldacchino di alberi alti più di 150 piedi.

 

Gran parte della storia del cambiamento climatico è riportata da un’altitudine elevata. Per questo pezzo il nostro scrittore si è nascosto sotto il baldacchino amazzonico per trovarsi faccia a faccia con ciò che è in gioco.

 

È un luogo che si sente avvolto dalla vita pulsante del pianeta.




L’ecologo Thomas Lovejoy si trova di fronte al Campo 41, parte di un progetto di ricerca di lunga data sugli effetti della frammentazione del territorio sulla biodiversità. Il campo 41 si trova nella foresta pluviale fuori Manaus, in Brasile.

 

Sono qui con Thomas Lovejoy, leggendario ecologista e “padrino della biodiversità”, che nel 1979 ha avviato un progetto di ricerca – di cui Camp 41 fa parte – per raccogliere dati a lungo termine sugli effetti della distruzione della diversità degli habitat.

 

Quasi il 20 percento dell’acqua fluviale del mondo scorre nel bacino amazzonico e copre un’area di circa 3 milioni di miglia quadrate, quasi la dimensione dei 48 stati inferiori. Mentre il 60 percento dell’Amazzonia si trova in Brasile, si estende anche in altri sette paesi, oltre al territorio della Guyana francese. È uno dei filtri ambientali più importanti della Terra, una lussureggiante distesa che risucchia l'anidride carbonica dall'atmosfera per utilizzarla nella fotosintesi e quindi aiuta a prevenire l'accumulo di gas che intrappolano il calore.

 

L’Amazzonia ‘è il più grande deposito terrestre di biodiversità del pianeta’, afferma Lovejoy. ‘E contiene un’enorme quantità di carbonio che non vogliamo che finisca nell’atmosfera. Solo su questi due punti si aggiunge a una priorità davvero alta.




 In modo minaccioso, lui e altri scienziati credono anche che si stia avvicinando a un punto critico: se si verificasse molta più deforestazione in Amazzonia, il ciclo idrologico che la sostiene potrebbe essere sconvolto, mettendo in pericolo l’intero pianeta.

 

La maggior parte delle persone ha almeno una vaga idea di cosa sia l’Amazzonia. Si profila nei film di Hollywood e nella nostra immaginazione, spesso figurando come una sorta di giungla infestata da insetti, brulicante di serpenti velenosi e acque piene di piranha, uno sfondo per esploratori che tagliano le viti con i machete mentre respingono le bestie.

 

Gran parte dell’Amazzonia è straordinariamente benigna. Nella settimana che ho trascorso in Brasile, dormendo sulle amache del Campo 41 e poi esplorando le foreste allagate lungo i fiumi Rio delle Amazzoni e del Rio Negro, non ho usato repellenti per insetti, ho visto a malapena una zanzara e non ho ricevuto niente di peggio di qualche puntura di pulcino. Sì, ci sono serpenti, ma nonostante molte ricerche, non ne abbiamo mai trovato uno. Il suolo povero di nutrienti in molte parti della foresta pluviale significa che, nonostante sia la massa continentale più ricca di biodiversità del mondo, non c’è l’abbondanza di vita che le persone si aspettano. Individuare gli uccelli può essere difficile, individuare i mammiferi ancora più difficile. La maggior parte delle prove di quella ricchezza brulicante è uditiva.




Ma l’abbondanza c’è, comunque. La foresta stessa è uno sfondo denso di dozzine di sfumature di verde, così fitto che solo l’1 o il 2 percento della luce solare filtra fino al suolo della foresta. È un ambiente finemente calibrato e straordinariamente stabile che consente alla vita di prosperare in relazioni complesse. Nell’area intorno al Campo 41, un’area di 2,5 acri di foresta pluviale potrebbe avere 250 specie principali di uccelli e 320 diversi tipi di alberi. Quasi ogni uccello, insetto e anfibio ha sviluppato caratteristiche e abitudini uniche che aiutano ciascuno a svolgere un ruolo specializzato nel sistema.

 

Guardando oltre il baldacchino della foresta da una torre alta 130 piedi in Amazzonia, è facile capire perché queste fitte foreste sono fondamentali al di là della ricchezza di specie che vi risiedono. Sono anche un vasto deposito di carbonio.

 

Nel bacino amazzonico sono immagazzinate tra 90 e 120 miliardi di tonnellate di carbonio, l’equivalente di un decennio di emissioni di carbonio da automobili, centrali elettriche e altre fonti industriali.

 

La capacità dell’Amazzonia di assorbire più carbonio di quanto emette (rendendola un ‘pozzo di assorbimento’ di carbonio) ha controbilanciato tutte le emissioni di carbonio delle nove nazioni amazzoniche dagli anni 80, secondo alcune ricerche, ma la sua capacità di essere una spugna sta diminuendo.

 

Per gli scienziati del clima, ciò lo rende sia una parte importante delle soluzioni per il cambiamento climatico, sia una potenziale minaccia, se la denudazione delle foreste dell’Amazzonia dovesse aumentare in modo significativo.




Una delle maggiori preoccupazioni: a che punto l’Amazzonia, o parti dell’Amazzonia, potrebbero raggiungere un ‘punto di svolta’, oltre il quale il lussureggiante ecosistema - che genera circa la metà delle proprie precipitazioni - cessa di esistere.

 

I modelli differiscono sulla gravità della minaccia e ci sono una serie di fattori sconosciuti, tra cui incendi e siccità, che sono stati un problema crescente negli ultimi anni. Ma il potenziale c’è, soprattutto nell’Amazzonia orientale, afferma Daniel Nepstad, direttore esecutivo dell’Earth Innovation Institute. ‘È l’area di deforestazione oltre la quale inizi a inibire le precipitazioni così tanto che ... il disboscamento porta a più siccità, che porta a più incendi e inibizioni alle precipitazioni man mano che perdi vegetazione’, afferma il dott. Nepstad.

 

Dal 2000, la regione è stata colpita da tre siccità senza precedenti, che hanno portato a incendi sostanzialmente peggiori. ‘C’è questo pool di 90 miliardi di tonnellate di carbonio che fuoriesce lentamente con la deforestazione, e il potenziale per grandi eruzioni di CO2 che entrano nell’atmosfera attraverso gli incendi boschivi è molto, molto reale’, dice Nepstad. ‘In realtà sta accadendo, non è una cosa ipotetica. Resta da vedere se questo ci rinchiuda o meno in un clima completamente nuovo in Amazzonia [con metà della regione dominata da praterie invece che da foreste], ma è un potenziale’.




 I primi modelli indicavano che una deforestazione del 30 o 40% avrebbe potuto far crollare l’ecosistema e trasformare parti dell’Amazzonia meridionale e orientale in savana. Ora, Lovejoy e altri credono che quelle altre intrusioni - cambiamento climatico e incendi - potrebbero aver fatto scendere i numeri al 20 o 25 percento. E il 17 percento dell’Amazzonia brasiliana è già sparito. Qualunque sia la soglia precisa, gli scienziati non vogliono testarla. ‘Nessuno sapeva all’epoca del Dust Bowl che quegli ultimi alberi che stavano tagliando li avrebbero spinti oltre il limite’, dice Lovejoy.

 

Attualmente, con una foresta in gran parte intatta, l’Amazzonia offre enormi benefici climatici che gli scienziati stanno solo iniziando a capire. L’umidità generata in Amazzonia produce precipitazioni sulle Ande, e parti di essa si spostano a sud ea nord, fino alle città e alle aree agricole del Brasile meridionale, del Paraguay e dell’Argentina settentrionale.

 

‘Invia piogge fino al Midwest degli Stati Uniti, proprio quando gli agricoltori stanno piantando’, dice Adrian Forsyth, un ecologista tropicale che è presidente e co-fondatore dell’Associazione per la conservazione dell'Amazzonia. ‘C’è questo sussidio di trilioni di dollari per le precipitazioni che arrivano alle aree agricole e urbane che le persone semplicemente non conoscevano fino a poco tempo fa’, ci dice.




Può essere facile sottovalutarlo al primo incontro, ma difficile sopravvalutare l’influenza che ha avuto sulla conservazione. Lovejoy è stato colui che, nel 1980, ha coniato il termine ‘diversità biologica’. È un'autorità sulle proiezioni di estinzione, viaggia come inviato scientifico per il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e ha dato origine all'idea di scambi di debito per natura, riducendo gli obblighi finanziari di un paese in cambio della protezione dell'ambiente.

 

Alla fine degli anni 70, Lovejoy suggerì un esperimento di lunga durata nelle foreste intorno a Manaus per esaminare gli effetti della frammentazione sull’ecosistema. All’epoca infuriava il dibattito se fosse meglio avere un’unica grande area protetta o più piccole aree protette. I sostenitori della protezione patchwork hanno sostenuto che una miriade di appezzamenti più piccoli potrebbe essere meno suscettibile alle minacce e supportare una maggiore diversità. Lovejoy, allora capo delle operazioni statunitensi del World Wildlife Fund, ha visto un’opportunità in una legge brasiliana che richiedeva ad alcuni allevatori di bestiame di riservare il 50% della loro terra come foresta. Ha progettato un esperimento monitorando una serie di frammenti isolati di varie dimensioni: 2,5 acri, 25 acri, 250 acri. I risultati, sebbene l’esperimento sia ancora in corso, sono stati conclusivi: più grande è meglio.

 

‘I grandi blocchi sono necessari per i grandi predatori, e quando li togli dal sistema, l’intero sistema inizia a sgretolarsi’, afferma il dott. Forsyth.




I ricercatori hanno scoperto che un frammento di 250 acri perde metà delle sue specie di uccelli in 15 anni. La densità di carbonio della foresta, a sua volta, cambia quando le specie fondamentali per la dispersione dei semi se ne vanno. Hanno anche scoperto significativi ‘effetti di margine’, in cui gli alberi si seccano e muoiono, la luce e il vento penetrano negli alberi e la foresta in effetti crolla.

 

“È abbastanza drammatico”, dice Lovejoy.

 

Mentre entriamo in un frammento di 25 acri, sembra ancora una fitta foresta, ma è stranamente silenzioso. Nessuna scimmia risiede qui. Sentiamo alcune cicale e il caratteristico richiamo del piha urlante, ma per il resto la foresta sembra in gran parte priva di vita. Anche gli alberi in questi singoli appezzamenti crescono più lentamente. ‘Sta implodendo nel tempo’, afferma Cohn-Haft.

 

In definitiva, Lovejoy ritiene che occorrano almeno 400 miglia quadrate perché una foresta pluviale amazzonica sia stabile, una scoperta che ha influenzato il Brasile e altri paesi nei loro sforzi di conservazione nel corso degli anni.

 

Bisogna lasciare la foresta del Campo 41 per capire quanto siano diversi gli ecosistemi all’interno di questa landa tropicale tropicale, anche in questa piccola sezione intorno a Manaus.




Il possente Rio delle Amazzoni stesso e l’affluente del Rio Negro sono entrambi delimitati da chilometri di foresta di várzea, enormi distese che vengono regolarmente allagate mentre le loro acque salgono e scendono fino a 50 piedi all’anno. Le acque ‘fangose’ dell’Amazzonia contengono grandi quantità di sedimenti e sostengono alberi e specie animali specifici. Alcuni uccelli, come il conebill dal petto perlaceo che avvistiamo un giorno, vivono solo sulle isole fluviali che si formano regolarmente man mano che i sedimenti si accumulano.

 

In queste acque torbide troviamo alcune ninfee giganti, la pianta leggendaria le cui foglie rotonde possono crescere fino a più di tre metri di diametro e sostenere una piccola persona. Lovejoy ci regala storie non solo sull'affascinante biologia del giglio – intrappola un certo coleottero durante la notte nel suo fiore prima di rilasciarlo coperto di polline – ma anche sui suoi contributi all’architettura moderna. Joseph Paxton, giardiniere e architetto inglese, costruì il famoso Crystal Palace a Londra nel 1850 ispirandosi in gran parte alle costole e alle travi del giglio. ‘Metà degli edifici del mondo moderno imitano le ninfee giganti’, afferma Lovejoy.

 

L’ecosistema del Rio Negro è il suo mondo separato. Le foreste di várzea qui hanno alberi diversi e di conseguenza diversi uccelli, insetti e anfibi. Il fiume e i suoi affluenti sono meno nutritivi e più acidi – motivo della quasi totale assenza di punture di insetti – ed è possibile bere direttamente dal fiume.




Mentre andiamo alla deriva in canoa attraverso le foreste di várzea dell’Arcipelago di Anavilhanas, osserviamo manakin dalla coda metallica rossa, gialla e nera condurre intricate danze di corteggiamento tra i giochi di luce tra gli alberi.

 

Al largo di un affluente più piccolo del Rio Negro c’è ancora un altro ecosistema: una savana di sabbia bianca. Caldo e umido in modo opprimente, la foresta qui si riduce ad alberi e arbusti più bassi che possono resistere al terreno sabbioso e allo scarso drenaggio. Queste savane si trovano in tutto il bacino amazzonico e supportano una gamma di specie completamente diversa. Ma anche la diversità di questi mondi più piccoli contribuisce alla vulnerabilità della regione.

 

‘La deforestazione [circa] del 20% non è distribuita uniformemente in tutta l’Amazzonia. È per lo più in poche parti’, dice Cohn-Haft. ‘Trent’anni fa, quando sono arrivato in Amazzonia, non c’erano specie di uccelli che chiunque in buona coscienza avrebbe definito in via di estinzione. Ora alcuni uccelli sono in grave pericolo di estinzione, sull'orlo dell'estinzione.

 

La perdita di vite umane in questo mondo brulicante è preoccupante non solo per ragioni biologiche e climatiche. Colpisce anche le dispense e gli armadietti dei medicinali delle persone. Decine di migliaia di diverse specie di alberi crescono solo nell'area e solo una manciata - tra cui anacardi, ananas, cacao - è stata sfruttata per uso umano. Lovejoy sottolinea che il veleno del serpente bushmaster è stato la base per un’enorme classe di farmaci per l’ipertensione.




‘Ci sono centinaia di milioni di persone che vivono vite più lunghe e più produttive senza la minima idea da dove sia venuta questa idea e senza mai darle un valore in dollari’, dice. ‘Ogni specie è un insieme di soluzioni a una serie di problemi biologici, e ognuno di questi in qualsiasi momento può diventare trasformativo per le scienze della vita’.

 

Le minacce a quel delicato equilibrio sono numerose, il Brasile ha creato un’impressionante rete di aree protette sia per la conservazione che per le popolazioni indigene e ha ridotto il suo tasso di deforestazione di quasi l'80% dal suo picco nel 2004, ma ora sta affrontando una significativa instabilità politica ed economica. La valuta brasiliana ha perso valore, rendendo le piantagioni di soia, che vengono tagliate fuori dalle foreste, più interessanti dal punto di vista economico. La conservazione è spesso una priorità bassa per un governo in subbuglio.

 

Quando Lovejoy si recò per la prima volta in Brasile nel 1965, esisteva un’autostrada. Ora numerose strade penetrano nella foresta pluviale, ognuna delle quali porta a uno sviluppo significativo e a una maggiore deforestazione. Le dighe creano problemi sia bloccando il flusso di sedimenti critici sia bloccando i pesci migratori.

 

Ma ci sono anche motivi di speranza. Per molti versi, è straordinario che un ecosistema così vasto sia rimasto in gran parte intatto. Nel 1965, osserva Lovejoy, un parco nazionale in Venezuela e un parco indigeno in Brasile erano le uniche aree protette dell’Amazzonia.

 

Ora, circa la metà del bacino è protetta.

 

(Senzafede inviato del C.S. Monitor


[Libro consigliato: Sempreverdi salvare le grandi foreste per salvare il pianeta]








Nessun commento:

Posta un commento