giuliano

giuliano
IL TOMO

giovedì 21 marzo 2019

NO AQUA VERDE MA PETROLIO NERO (ecco cosa in verità stanno facendo)



















Precedenti capitoli:

L'ultima ammucchiata ad Aqua Verde  &

In difesa di quelle parole....&

Espedienti Legali

Prosegue con le...






















Rondelline di primavera...














Lo scorso ottobre, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ha pubblicato un rapporto sobrio sugli impatti devastanti che il nostro mondo affronterà con 1,5° C di riscaldamento - per non parlare di 2° C - mentre definirà la traiettoria delle emissioni che le nazioni del mondo devono prendere se vogliamo avere qualche colpo a rispettare il limite di 1,5° C.

Questa decima relazione annuale sulla relazione sui combustibili fossili è stata ampliata notevolmente. Il rapporto rivela i percorsi che le banche hanno intrapreso negli ultimi tre anni dall’adozione dell’accordo di Parigi e ritiene che il finanziamento complessivo della banca continui ad essere allineato con il disastro climatico.

L’aggiunta di prestiti e sottoscrizioni da 33 banche globali all'intero settore dei combustibili fossili rivela risultati crudi: banche canadesi, cinesi, europee, giapponesi e statunitensi hanno finanziato combustibili fossili con 1,9 trilioni di dollari dall’adozione dell’accordo di Parigi (2016-2018), con finanziamenti in aumento ogni anno.

Il finanziamento dei combustibili fossili è dominato dalle grandi banche statunitensi, con JPMorgan Chase come il maggior finanziatore mondiale di combustibili fossili con un ampio margine.

Vengono inoltre esaminati il ​​supporto delle banche per 100 grandi aziende che stanno espandendo i combustibili fossili, dato che non c’è spazio per nuovi combustibili fossili nel bilancio mondiale del carbonio.

Le banche hanno continuato a supportare queste aziende con $ 600 miliardi negli ultimi tre anni. Questo rapporto valuta anche le politiche globali orientate al futuro delle banche in materia di combustibili fossili, valutandole sulle restrizioni al finanziamento per l’espansione dei combustibili fossili e gli impegni di eliminazione progressiva del finanziamento dei combustibili fossili su una traiettoria allineata a 1,5° C. Mentre alcune banche hanno intrapreso passi importanti, le principali banche globali non sono riuscite a stabilire traiettorie adeguate per affrontare la crisi climatica.

L’informativa valuta anche le politiche bancarie e le pratiche relative al finanziamento in alcuni sottosettori chiave per i combustibili fossili, con classifiche e gradi politici su:




Tar Sands Oil: RBC, TD e JPMorgan Chase sono i maggiori banchieri di 30 principali produttori di sabbie bituminose, oltre a quattro principali società di gasdotti di sabbie bituminose.

Petrolio e gas artico: JPMorgan Chase è di gran lunga il più grande banchiere del petrolio e del gas artico, seguito da Deutsche Bank e SMBC Group.

Petrolio e gas ultra-profondi: JPMorgan Chase, Citi e Bank of America sono i migliori banchieri, ma nessuna delle 33 banche ha politiche per limitare in modo proattivo i finanziamenti per l'estrazione di acque ultra-profonde.

Fracked Oil and Gas: il finanziamento è in aumento negli ultimi tre anni e Wells Fargo e JPMorgan Chase sono i maggiori banchieri del fracking nel suo complesso. In particolare, supportano le aziende chiave attive nel bacino del Permiano, l'epicentro di un'ondata globale di produzione di petrolio e gas che minaccia il clima.

Gas naturale liquefatto (LNG): le banche hanno finanziato le principali società di costruzione di terminali di importazione ed esportazione di GNL in tutto il mondo con 46 miliardi di dollari dall’accordo di Parigi, guidato da JPMorgan Chase, Société Générale e SMBC Group.

Carbone: il settore minerario del carbone è dominato dalle quattro principali banche cinesi, guidate da China Construction Bank e Bank of China. Sebbene molte banche europee e statunitensi abbiano politiche in atto che limitano i finanziamenti per l'estrazione del carbone, il finanziamento totale è diminuito solo di 3-5 punti percentuali ogni anno.

Potere del carbone: il finanziamento dell’energia del carbone è anche guidato dalle banche cinesi - Bank of China e ICBC in particolare - con Citi e MUFG come i principali banchieri non cinesi del carbone.




Il capitolo sui diritti umani di questo rapporto mostra come le aziende produttrici di combustibili fossili siano sempre più ritenute responsabili dei loro contributi ai cambiamenti climatici, ma i finanziamenti per queste società rappresentano anche un crescente rischio di responsabilità per le banche. L'industria dei combustibili fossili è stata più volte legata alle violazioni dei diritti umani, comprese violazioni dei diritti delle popolazioni indigene e delle comunità a rischio, e continua a fronteggiare un assalto sempre crescente di cause legali, resistenza, ritardi e incertezza politica.

Il recente rapporto dell’IPCC sugli impatti di un aumento della temperatura globale di 1,5° C mostra chiaramente la direzione che il mondo deve prendere e la traiettoria delle emissioni che dobbiamo raggiungere. Le banche devono allinearsi a quella traiettoria finendo i finanziamenti per l'espansione, così come per questi particolari riflettori di combustibili fossili, impegnandosi nel complesso a eliminare gradualmente tutti i finanziamenti per i combustibili fossili su un calendario conforme agli accordi di Parigi.




  
dichiarazioni


Alison Kirsch, Climate and Energy Lead Research presso Rainforest Action Network:

“Allarmante è un eufemismo, questo rapporto è un allarme rosso: l’enorme scala in cui le banche globali continuano a pompare miliardi di dollari in combustibili fossili è assolutamente incompatibile con un futuro vivibile: è un insulto alla logica, alla scienza e all'umanità che l'innovativo Accordo sul clima di Parigi, il finanziamento per i combustibili fossili continua ad aumentare: se le banche non abbandonano rapidamente il loro sostegno all’energia sporca, il collasso planetario dei cambiamenti climatici causati dall'uomo non è solo probabile, è imminente.

Johan Frijns, direttore di BankTrack:

“Siamo di fronte a un sempre più aggravante impatto dei cambiamenti climatici in tutto il mondo e l’ultimo rapporto dell’IPCC fornisce un severo termine del 2030 per i tagli profondi delle emissioni globali di CO2 necessarie per evitare la completa disgregazione climatica, ma le banche continuano a sborsare miliardi all’industria dei combustibili fossili, annunciando qui piccoli aggiustamenti politici e approvazioni della più recente iniziativa ‘finanza responsabile’ senza denti. Ci si chiede cosa diavolo ci vorrà che le banche finalmente cambino rotta e abbandonino completamente il settore dei combustibili fossili. i prossimi AGM bancari del prossimo anno, armati con le nuove scioccanti scoperte di questo rapporto.

Tom Goldtooth, direttore esecutivo della rete ambientale indigena:

“Queste banche stanno finanziando un futuro che costerà il benessere delle prossime sette generazioni di vita e oltre La profezia indigena ora incontra la predizione scientifica. Madre Terra e Padre Cielo sono sbilanciati. La conoscenza indigena e la scienza occidentale richiedono chiaramente che dobbiamo smobilitare rapidamente dai combustibili fossili per evitare il disastro climatico completo: qualsiasi istituzione finanziaria che si rifiuti di agire dovrebbe essere privata della sua licenza sociale per operare ed essere ritenuta responsabile dei propri investimenti.

Stephen Kretzmann, direttore esecutivo di Oil Change International:

“Siamo in un buco nel clima: ci sono persone che costruiscono scale, e pensano che possiamo arrivare in cima, ma ci sono anche persone che fanno pale, e ogni giorno scavano il buco più a fondo. Non credo che saranno in grado di raggiungere la cima se il buco diventerà molto più profondo Le banche in questo rapporto stanno finanziando la gente con le pale, destinando miliardi all’espansione delle riserve di combustibili fossili che, una volta bruciate, assicureranno il fallimento dell’Accordo sul clima di Parigi: finanziare l’espansione di qualsiasi parte del settore petrolifero, del gas o del carbone è ora chiaramente negazione del clima, e chiediamo che si fermi.

Rappresentante della campagna Ben Cushing, Sierra Club Beyond Dirty Fuels:

“In un momento in cui la scienza ci dice che dobbiamo passare rapidamente all’energia pulita, le principali banche americane si stanno mettendo dalla parte sbagliata della storia continuando a offrire un assegno in bianco all’industria dei combustibili fossili. il finanziamento della distruzione del clima diventerà sempre più forte e più potente fino a quando queste banche non riceveranno il messaggio e appoggeranno il loro sostegno per i combustibili fossili sporchi una volta per tutte”.

Tara Houska, Campaigns Director of Honor The Earth:

“Le istituzioni finanziarie stanno finanziando la distruzione del nostro pianeta: la crisi climatica è una realtà che sarà condivisa da ogni essere vivente, abbiamo bisogno di cambiamenti, ne abbiamo bisogno ora, è una questione di sopravvivenza condivisa a cui le banche devono rispondere. bere denaro.

BANKTRACK

(Per gli altri componenti della banda... circa statistiche a mitraglia offerta al G.lissimo Lipaci il qual saluto con rispettosa stima)











 

Nessun commento:

Posta un commento